Sintra è un villaggio portoghese noto per il suo romanticismo. È un villaggio di palazzi, castelli e dimore signorili dell'epoca di re, regine, principi e principesse ... In questa immagine osserviamo l'ambiente del villaggio, con il castello moresco in cima alla montagna

Sintra è un villaggio portoghese noto per il suo romanticismo. È un villaggio di palazzi, castelli e dimore signorili dell’epoca di re, regine, principi e principesse … In questa immagine osserviamo l’ambiente del villaggio, con il castello moresco in cima alla montagna

Sintra

Sintra è un villaggio portoghese, parte del distretto della Grande Lisbona. Sintra, conosciuta come la capitale del romanticismo in Portogallo, è considerata uno dei villaggi più belli del mondo. È noto per essere una vera fiaba, in cui è possibile viaggiare indietro nel tempo senza uscire dal 21 ° secolo. Ancora oggi, puoi andare a cavallo, prendere un pullman attraverso le montagne di Sintra, fino al Palazzo Pena, al Palazzo Monserrate o al Castelo dos Mouros. Se chiudi gli occhi, puoi visualizzare e viaggiare fino al 19 ° secolo e respirare l’atmosfera di quei tempi quando cammini lungo le strade circondate da alberi e piante, che offre un’atmosfera di pace unica al mondo. Le strade di Sintra hanno un aspetto antico, con il pavimento in pietra lastricata, l’architettura delle case tradizionali e la vita della gente del posto e dei turisti che passeggiano e commentano la bellezza dei dettagli osservati.

Situazione geografica e clima di Sintra

Il villaggio di Sintra si trova in una valle nella Serra de Sintra con un microclima simile al clima subtropicale di tipo Csb secondo Köppen e Geiger. La città di Sintra si trova ad un’altitudine di 175 metri, raggiungendo un’altitudine massima di 529 metri, a una distanza di meno di trenta minuti in auto da Lisbona. Sintra è una piccola città, classificata come patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1995, nota per il gran numero di monumenti e palazzi, per le persone semplici e ospitali, per i dolci tradizionali costituiti da cuscini, Queijadas e Fof de Belas, per le spiagge, per la natura rigogliosa e per viste panoramiche a 360º da Lisbona all’Oceano Atlantico. Il centro storico di Sintra presenta un’architettura di pochi piani con tetti in stile germanico, strade tortuose e strette costruite lungo le pendici della Serra de Sintra e una piazza centrale dove si trova il Palazzo Nazionale del Villaggio. Intorno alla città di Sintra, ci sono fattorie, palazzi, alberi secolari, giardini lussureggianti, i sentieri del Volta do Duche che collegano il Castelo dos Mouros e la città di Sintra, monumenti classificati come patrimonio mondiale dall’UNESCO, vale a dire il Palácio da Pena, il Castelo dos Mouros, la fattoria Regaleira, il Palazzo Monserrate, lo Chalet di Condessa d’Edla e il Convento di Capuchos che trasformano il villaggio di Sintra nella capitale del Romanticismo in Portogallo. La Serra de Sintra fu riforestata nel Parque da Pena dal re-consorte Dom Fernando II con circa 150 specie di piante importate da varie parti del mondo, in particolare dal Brasile, dal Messico, dal Giappone o dalla Nuova Zelanda.

Cosa fare a Sintra

Sintra è un villaggio spettacolare per visitare, scoprire e vivere l’atmosfera di un villaggio scelto da re e regine, principi, principesse e famiglie nobili dei più svariati paesi del mondo. Passare attraverso Sintra è sicuro di trascorrere giorni piacevoli in un ambiente tranquillo pieno di attrazioni storiche, natura, architettura, gastronomia, cultura, vita sociale e paesaggi da godere. In questo articolo su Sintra ti mostreremo cosa ha Sintra, buono e molto buono da fare con il tuo tempo di visita:

  • Gita in carrozza trainata da cavalli: gite in carrozza trainata da cavalli sono un viaggio nel villaggio delle fiabe, con diversi percorsi da godersi. Il passo del parco da Pena è un circuito che include il passaggio attraverso la Vale dos Lagos, lo Chalet di Condessa d’Edla, fattoria Pena e giardino da Condessa d’Edla. Le corse in carrello sono più regolari tra il 1 maggio 2019 e il 30 settembre 2019.
  • Treno turistico: il tour sul treno turistico di Sintra ti consente di osservare vari luoghi, in particolare Volta do Duche, Paços do Concelho, Palácio Valenças, il villaggio di São Pedro, fattoria Regaleira , Palazzo Pena e Castelo dos Mouros. È un treno con diverse fermate lungo il paese. Il tour del treno turistico di Sintra è una visita guidata e dura circa 45 minuti.
  • Tram di Sintra: Il tram di Sintra è un trasporto turistico da Sintra, che collega Sintra a Praia das Maçãs per circa 45 minuti su 13 chilometri, con fermate a Montes Santos, Ribeira de Sintra, Galamares, Collane, Banzão, Pinhal e Spiaggia das Maçãs. Il tram è stato aperto nel 1904 con l’obiettivo di stabilire il collegamento tra il villaggio di Sintra e Praia das Maçãs, essendo arrivato ad Azenhas do Mar nel 1930

Le attrazioni da visitare a Sintra (top 10)

1. Palazzo Pena ![(38.787598, -9.390620)]: il Palazzo Pena è l’ex libris portoghese del Romanticismo, costruito in stile neogotico, neo arabo, neo manuelino e neo orientale e ispirato ai castelli di Luigi II di Baviera e nello spirito di Wagner. Situato sulla cima di una roccia accidentata, a un’altitudine di circa 500 metri. Il Palácio da Pena fa parte della Rete delle residenze reali europee dal 2013, è stato costruito dal Monastero di Nossa Senhora da Pena, consentendo di distinguere tre strutture:

Monastero di Nossa Senhora da Pena – Il monastero di Nossa Senhora da Pena fu inaugurato nel 1511 con un progetto di Diogo de Botaica (1460-1528) su richiesta di Dom Manuel I (1469-1521) per ospitare diciotto monaci dell’ordine di São Jerónimo, ex quartier generale della fattoria Penha Longa. I punti salienti del Monastero di Nossa Senhora da Pena sono:

  • Pala d’altare di Nicolau de Chanterene (1470-1551)
  • Pannello di piastrelle offerto da Filippo II (1527-1598) nel 1619

Palazzo Pena: Il Palazzo Pena, situato a Monte da Pena, fu costruito tra il 1839 e il 1852 per volere del re Dom Fernando II (1816-1885), con un progetto di progettato dal barone di Eschwege (1777-1855) per essere la residenza estiva di Dom Fernando II. I punti salienti principali sono:

  • Pareti avvolgenti con due porte e un ponte levatoio
  • Patio dos Arcos: situato di fronte alla Cappella
  • Arco dos Lagartos: Arco dos Lagartos è un arco trionfale in stile orientale ispirato alla Porta della Giustizia dell’Alcazar di Alhambra a Granada. Nella parte superiore della porta ci sono tre rose aperte, scolpite nella pietra, che simboleggiano la conoscenza, due colonne con margherite e vischio, la pianta dei Druidi
  • Porta monumentale: questa porta fu progettata da Dom Fernando, rappresentando vari motivi legati a Lisbona, la capitale dell’Impero e costruita in tre stili: rinascimentale, manuelino e medievale. La porta è stata ispirata dai seguenti edifici: il Palazzo Cunhal das Bolas a Bairro Alto, la Casa dos Bicos a Campo das Cebolas e la Torre di Belém a Belém. Nella parte superiore della porta sono rappresentati cinque merli in cui il al centro con la croce di Cristo ricoperta di pelli di animali
  • Pórtico do Tritão: Pórtico do Tritão è stato progettato da Dom Fernando e ispirato a una finestra esistente nel Convento de Cristo a Tomar. Il portico è anche chiamato il portico allegorico della creazione del mondo, con quattro archivolti neogotici, incorniciati da coralli manuelini. Il Tritone è un essere mitologico, metà uomo e metà pesce, che è strettamente associato all’era dell’espansione portoghese. La rappresentazione del Tritone è stata ispirata dal busto che sostiene la finestra della Sagrestia del Convento di Cristo a Tomar
  • Porta da Origin: Porta da Origin presenta una finestra in stile manuelino, ispirata alla finestra manuelina del Convento di Cristo di Tomar. Sotto la finestra si trova lo stemma di Dona Maria e Dom Fernando II e nella parte superiore una sfera con la Croce dell’Ordine di Cristo affiancata da due sfere armillari
  • Torre dell’orologio: la Torre dell’Orologio è stata ispirata dalla Torre di Belém
  • Ingresso al palazzo: spicca il busto di Dom Fernando II
  • Il chiostro del monastero Nossa Senhora da Pena: è stato ricostruito da Dom Fernando II in stile arabo-spagnolo, ed è stato utilizzato come sala espositiva. Al centro del chiostro spicca la fontana sostenuta da tre tartarughe, le cui quattro gambe rappresentano i quattro elementi. Le tartarughe sostengono il carapace, simbolo del Cosmo, e si appoggiano alle epoche che rappresentano l’eternità
  • La camera da letto di Dom Carlos I: il punto forte della camera da letto di Dom Carlos I sono i mobili in stile impero, vale a dire il letto, il comodino, la chaise longue e uno specchio . Nel bagno c’è il primo gabinetto in Portogallo e una doccia calda e fredda
  • Atelier del re Dom Carlos I.: Atelier del re Dom Carlos Ero il luogo in cui il re portoghese era distratto, specialmente quando dipingeva. Spiccano le scatole di vernice, i pennelli e le sette tele non finite
  • Cappella: Questa divisione era una delle celle dei monaci nel vecchio monastero, essendo stata riutilizzata da Dom Fernando II per fare una cappella. I principali punti di interesse sono il retablo del coro di Nicolau de Chanterenne, un’offerta di Dom João III alla moglie Dona Leonor, e le quattro vetrate con le seguenti rappresentazioni:
  1. Primo vetro colorato: Sfera armillare e la croce di Cristo, le bandiere con le armi del Portogallo e Sassonia-Coburgo-Gota
  2. Secondo vetro colorato: Immagine di Nossa Senhora da Pena con Gesù in braccio
  3. Terza vetrata: Ritratto di São Jorge
  4. Stanza di vetro macchiata: immagine raffigurante Dom Manuel I che regge il monastero di Nossa Senhora da Pena, Vasco da Gama che contempla la Torre di Belém e una caravella
  • Camera della regina: che evidenzia le pareti in stucco e la foglia d’oro in stile moresco, e il letto, il bancone e il buffet costruiti in pau-santo
  • Sala da pranzo: In primo piano per il servizio da tavola usato dalla famiglia reale, un centrotavola a forma di caravella sostenuto da Neptuno e le Ninfe per onorare l’espansione portoghese e i soffitti con rappresentazioni degli stemmi del Portogallo, stemmi dell’Ordine di Cristo e della sfera armillare
  • Sala della Sassonia: la sala presenta la collezione di porcellana di Saxe del re Dom Fernando II
  • Ufficio della regina: l’ufficio presenta alcuni mobili interessanti, vale a dire una scrivania, una sedia in stile romantico e uno studio a olio del pittore Cristino Silva
  • Stanza araba: i punti salienti sono le pareti appena rivestite, la tempera e il trompe l’oeil con l’obiettivo di dare un senso di monumentalità alla stanza
  • terrazzo della regina: da questa terrazza si può vedere Monte do Gigante, dove c’è una statua in bronzo che rappresenta un guerriero che protegge il Palazzo Pena e l’Oceano Atlantico
  • sala Indiana: Sala Indiana è decorata con temi e mobili di origine indiana. Le pareti sono ricoperte di stucchi in stile moresco e indiano. Il soffitto è in legno e decorato con motivi neo-moreschi
  • Sala nobile: la nobile sala era utilizzata come sala di ricevimento per i visitatori del palazzo, con i punti salienti principali mobili in stile indiano, le dodici rosette superiori che rappresentano le dodici case dello zodiaco e le dodici porte della Gerusalemme celeste
  • Stanza dei cervi: Stanza dei cervi conosciuta anche come Sala dos Cavaleiros, è stata utilizzata come sala da pranzo per la famiglia reale, si distingue per il mostra di alcune vetrate che integravano la collezione del re Dom Fernando II, al modello del Palazzo Pena e alle teste di cervo in gesso con aste sporgenti. Il centro della stanza è una colonna che rappresenta il tronco di un albero.
  • Cucina Reale: dove puoi vedere le attrezzature e gli utensili utilizzati durante la vita quotidiana della famiglia reale.
Palazzo Pena è l'ex libris portoghese del romanticismo. Si tratta di un palazzo situato in cima alla Serra de Sintra con un mix di architettura di vari stili, ispirato al Castello di Luigi II di Baviera. I colori del palazzo rendono l'architettura e l'ambiente estremamente affascinanti. Questa immagine del Palazzo Pena è stata scattata dal punto più alto di Sintra, il belvedere di Cruz Alta.

Palazzo Pena è l’ex libris portoghese del romanticismo. Si tratta di un palazzo situato in cima alla Serra de Sintra con un mix di architettura di vari stili, ispirato al Castello di Luigi II di Baviera. I colori del palazzo rendono l’architettura e l’ambiente estremamente affascinanti. Questa immagine del Palazzo Pena è stata scattata dal punto più alto di Sintra, il belvedere di Cruz Alta.

Terrazza ovest del Palazzo Pena, da cui abbiamo una vista panoramica sulle montagne e sull'Oceano Atlantico

Terrazza ovest del Palazzo Pena, da cui abbiamo una vista panoramica sulle montagne e sull’Oceano Atlantico

Palazzo Pena, facciata est vista dalla terrazza della regina.

Palazzo Pena, facciata est vista dalla terrazza della regina.

2. Castello dei Mori (Castelo dos Mouros): ![(38.792557, -9.389338)] Castello dei Mori è la più antica struttura militare di Sintra, costruita nel X secolo durante l’occupazione musulmana allo scopo costituire una difesa avanzata di Lisbona. Il castello occupa circa un’area di 12 mila m2, presentando un muro lungo 450 metri. Da qui è possibile osservare il paesaggio fino alle Isole Berlengas in una giornata limpida. La posizione fu volutamente scelta in modo che fosse possibile avvertire Lisbona dell’avvento dei Vichinghi. Vi sono testimonianze di vari tentativi da parte dei guerrieri cristiani di impadronirsi del castello, in particolare da Sigurd il crociato (1103-1130), re di Norvegia nel 1109 in rotta verso Gerusalemme. Il castello aveva diverse strutture di supporto, vale a dire un forno comunitario, silos e case per lo stoccaggio di grano e legumi. Il quartiere musulmano fu completamente distrutto nel 1147 dopo la conquista di Lisbona, Santarém e Sintra da parte di Dom Afonso Henriques. Nel 1154 il castello e il villaggio di Sintra furono donati da Dom Afonso Henriques a Dom Gualdim Pais, Maestro dei Templari. Nel corso dei secoli il Castello dei Mori perse la sua funzione difensiva e la città di Sintra iniziò a crescere. Nel 1839 il re Dom Fernando II acquistò e trasformò Castelo dos Mouros in un paesaggio castello, riabilitato tra il 2008 e il 2012. I punti salienti di Castello dei Mori sono:

  • Scuderie di Castelo dos Mouros
  • Silos islamici per immagazzinare grano e legumi
  • Quartiere islamico con forno comunitario
  • Chiesa di São Pedro de Canaferrim del XII secolo costruita in cima al quartiere islamico distrutto
  • Necropoli medievale
  • Grande cisterna
  • Porta del tradimento
Castelo dos Mouros è la più antica struttura militare di Sintra, costruita nel X secolo durante l'occupazione musulmana in Portogallo

Castelo dos Mouros è la più antica struttura militare di Sintra, costruita nel X secolo durante l’occupazione musulmana in Portogallo

Castelo dos Mouros nelle montagne di Sintra visto dal centro del villaggio

Castelo dos Mouros nelle montagne di Sintra visto dal centro del villaggio

3. Cabo da Roca: ![(38º 46 ‘, 99 N, 09º 29’, 75 W)] Cabo da Roca è il punto più occidentale in Europa , chiamato anche Cabo da Ofiussa, Cabo da Serpente o Promontório da Lua. Il faro di Cabo da Roca fu costruito il 1 ° febbraio 1758, entrato in servizio nel 1772 e automatizzato nel 1990. Il Cabo da Lighthouse Roca ha un’altezza di 22 metri, essendo stata costruita sulla cima di una scogliera con un’altitudine di 165 metri, e può essere osservata fino a 48,1 km di distanza nell’oceano. I punti salienti principali sono il faro del 1772, la vista sull’Oceano Atlantico, la Praia da Ursa e la Verricello.

Cabo da Roca è il punto più occidentale d'Europa, chiamato anche Cabo da Ofiussa, Cabo da Serpente o Promontório da Lua. È un luogo di grande energia, con una fantastica vista sull'oceano e la forza del mare che colpisce le scogliere

Cabo da Roca è il punto più occidentale d’Europa, chiamato anche Cabo da Ofiussa, Cabo da Serpente o Promontório da Lua. È un luogo di grande energia, con una fantastica vista sull’oceano e la forza del mare che colpisce le scogliere

Da Cabo da Roca, possiamo vedere la spiaggia di Ursa e la spiaggia di Aroeira e la spiaggia di Guincho a sud. Le spiagge sono accessibili tramite un percorso pedonale

Da Cabo da Roca, possiamo vedere la spiaggia di Ursa e la spiaggia di Aroeira e la spiaggia di Guincho a sud. Le spiagge sono accessibili tramite un percorso pedonale

Il faro di Cabo da Roca è un importante punto di segnalazione per i navigatori che attraversano le acque costiere.

Il faro di Cabo da Roca è un importante punto di segnalazione per i navigatori che attraversano le acque costiere.

La playa de Ursa es una playa paradisíaca aislada por acantilados rocosos. El nombre de Ursa se debe a la imponente roca que vemos a la orilla del mar, junto a una segunda roca a la que llaman La Novia. Praia da Ursa es considerada la playa más occidental de Europa continental, accesible a través de una caminata de 20 minutos por un sendero irregular cerca de Cabo da Roca. La playa es pequeña, aislada, con fuerte oleaje. La playa de Ursa no tiene vigilancia.

La playa de Ursa es una playa paradisíaca aislada por acantilados rocosos. El nombre de Ursa se debe a la imponente roca que vemos a la orilla del mar, junto a una segunda roca a la que llaman La Novia. Praia da Ursa es considerada la playa más occidental de Europa continental, accesible a través de una caminata de 20 minutos por un sendero irregular cerca de Cabo da Roca. La playa es pequeña, aislada, con fuerte oleaje. La playa de Ursa no tiene vigilancia.

L'accesso alla spiaggia dell'Orsa avviene tramite un percorso pedonale con qualche difficoltà a causa del terreno in pendenza e irregolare, accessibile solo dai più agili

L’accesso alla spiaggia dell’Orsa avviene tramite un percorso pedonale con qualche difficoltà a causa del terreno in pendenza e irregolare, accessibile solo dai più agili

4 .Palazzo Nazionale di Sintra: ![(38.797679, -9.390666)] il Palazzo Nazionale di Sintra era uno dei palazzi utilizzati per le vacanze della Famiglia Reale, situato nel centro di Sintra. Il Palazzo Nazionale di Sintra, noto anche come Paço Real o Palácio da Vila, è stato costruito nel corso dei secoli, vale a dire:

  • X secolo: iniziò come sede del governatore musulmano;
  • Dom Dinis regna: sono stati eseguiti lavori di restauro a causa del degrado del palazzo, ovvero nuove sale reali, una cappella e la sala della prigione di Dom Afonso VI;
  • Il regno di Dom João I.: Dom João I ha attribuito il restauro del palazzo a João Garcia de Toledo, che ha costruito diverse strutture, vale a dire le tre arcate dell’ingresso principale di fronte al villaggio con vista sul popolo, la costruzione della Sala das Pegas, la Sala das Sereias, la Sala dos Árabes, la Sala dos Cisnes e i camini della cucina;
  • Dom Manuel, regno: durante questo regno furono costruiti il ​​Paço Real e la Sala dos Brasões.
    Il Palazzo Nazionale di Sintra è stato classificato monumento nazionale nel 1910, patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1995 e divenne parte del Network of European Royal Residences dal 2013. I principali punti di interesse sono:
  • Due cigni: i dipinti attuali sono un restauro del 17 ° secolo degli originali del 15 ° secolo. I cigni rappresentano la Casa Real Inglesa in onore di Dona Filipa de Lencastre (1360-1414), moglie di Dom João I. Il cigno della Casa Real Inglesa era associato a Lohengrin, uno dei Cavalieri della Tavola Rotonda di Re Artù
  • sala das Pegas: il clou principale è il soffitto dipinto che include l’allegoria dell’uccello catturato, noto per il furto di oggetti, una rosa rossa associata alla casa inglese della regina Inês de Lencastre e la scritta Por Bem associata al re Dom João I
  • Cappella dello Spirito Santo: nella cappella spiccano i pannelli ispanici-moreschi sulle pareti, unici in Portogallo
  • Camera dello stemma: è la sala araldica più importante d’Europa. Il dipinto del soffitto è organizzato in cinque cerchi, o Primo cerchio – con la rappresentazione delle braccia del re Dom Manuel I con lo scudo, la corona e drago della leggenda di re Artù, il secondo cerchio con rappresentazione dei medaglioni con le armi degli otto figli del secondo matrimonio con Dona Maria de Aragão (1482-1517), figlia dei re cattolici di Spagna, Fernando (1452-1516) e Isabel (1451-1504), il Terzo cerchio con rappresentazione dei medaglioni con le braccia dei membri della Casa Reale, il Quarto cerchio con rappresentazione del cervo in medaglioni e il Quinto cerchio con la rappresentazione di 72 pannelli delle più importanti famiglie nobili dell’epoca, e che supportava il re Dom Manuel I, vale a dire i Noronhas, Coutinho, Castro, Ataíde, D’Eça, i Menezes, Castros di Penha Verde, Cunha, Sousa, Pereiras, Vasconcellos, Melo, Silvas, Albuquerque, Andrade, Almeida, Manoel, Febo Moniz, Lima, Távoras, Henriques, Mend giaguaro, Albergaria, Almada, Azevedo, Castelo-Branco, Abreu, Brito, Moura, Lobo, Sá, Corte-Real, Lemos, Ribeiro, Cabral, Miranda, Tavares, Mascarenhas, Sampaio, Malafaia, Meira, Aboim, Carvalho, Mota, Costa, Pessanha, Pacheco, Sotomaior, Lobato, Teixeira, Valente, Serpa, Gama, Nogueira, Bethancourt, Góis, Pestana, Barreto, Coelho, Queirós, Ferreira, Siqueira, Cerqueira, Pimentel, Fois, Ark, Pinto, Gouveia, Faria, Vieira, Aguiar e Borges. Il dipinto dei cinque cerchi è stato realizzato con l’obiettivo di mostrare l’unità dopo i tempi della divisione del Regno di Dom João II.
  • cucina: i punti salienti della cucina sono i due camini alti 33 metri;
  • Stanza araba: era il luogo più antico del palazzo, dove si incontrava il funzionario arabo di Sintra. Il clou principale è un serbatoio sul marciapiede che fungeva da punto di ristoro. Questo carro armato era comune nei palazzi dell’Impero islamico.
Il Palazzo Nazionale di Sintra è un'imponente struttura che segna il centro del villaggio. Il palazzo era uno dei palazzi utilizzati per le vacanze della famiglia reale. Il Palazzo Nazionale di Sintra è anche chiamato Paço Real o Palácio da Vila

Il Palazzo Nazionale di Sintra è un’imponente struttura che segna il centro del villaggio. Il palazzo era uno dei palazzi utilizzati per le vacanze della famiglia reale. Il Palazzo Nazionale di Sintra è anche chiamato Paço Real o Palácio da Vila

palacio-de-sintra” alt=”Palácio de Sintra” />

5. Palazzo e parco Monserrate: ![(38.794154, -9.420646)] Il palazzo Monserrate è un palazzo noto per la sua architettura e il suo paesaggio, situato a quattro chilometri dal centro storico di Sintra. Il nome Monserrate apparve nel 1540 a causa della costruzione di una cappella dedicata a Nostra Signora di Montserrat nella fattoria appartenuta alla famiglia Mello e Castro tra il 1600 e il 1790, anno in cui l’inglese Gerard de Visme affittò il palazzo. L’attuale Palazzo Monserrate è il risultato di numerosi interventi di cittadini inglesi, vale a dire Gerard de Visme, William Beckford e Francis Cook. Quinta de Monserrate fu acquistata da Gerard de Visme nel 1789, un ricco commerciante inglese che viveva a Lisbona, e fu affittata a diverse personalità, vale a dire William Beckford fino al 1794, a Lord Byron. Francis Cook (1817-1901), acquistò la proprietà nel 1863 e la ricostruì con un progetto con una miscela di vari stili, in particolare gotico, indiano e moresco, dall’architetto James Knowles. I punti salienti del Palace and Park of Monserrate sono il Jardim do México, il Garden of South Africa, il Roseiral da Monserrate, a Eremo di Monserrate, a Cappella del fondatore, a Sala da Música, o Torreão Sul, e la Library.

Monserrate Palace è un palazzo noto per la sua architettura e il paesaggio, situato a quattro chilometri dal centro storico di Sintra

Monserrate Palace è un palazzo noto per la sua architettura e il paesaggio, situato a quattro chilometri dal centro storico di Sintra

Gli interni del palazzo Monserrate sono estremamente lussuosi, con un mix di vari stili architettonici, tra cui gotico, indiano e moresco, dell'architetto James Knowles

Gli interni del palazzo Monserrate sono estremamente lussuosi, con un mix di vari stili architettonici, tra cui gotico, indiano e moresco, dell’architetto James Knowles

Cupola della sala da musica del palazzo Monserrate, un'architettura imponente che assorbe la nostra attenzione per i colori eleganti della pietra bianca naturale con l'oro e l'illuminazione, creando un ambiente di lusso altamente piacevole.

Cupola della sala da musica del palazzo Monserrate, un’architettura imponente che assorbe la nostra attenzione per i colori eleganti della pietra bianca naturale con l’oro e l’illuminazione, creando un ambiente di lusso altamente piacevole.

La costruzione dell'attuale palazzo di Monserrate fu iniziata nel 1858 per ordine del nuovo proprietario Francis Cook con un progetto dell'architetto James Thomas Knowles sul sito dove nel 1540 fu costruita una cappella dedicata alla Madonna di Monserrate.

La costruzione dell’attuale palazzo di Monserrate fu iniziata nel 1858 per ordine del nuovo proprietario Francis Cook con un progetto dell’architetto James Thomas Knowles sul sito dove nel 1540 fu costruita una cappella dedicata alla Madonna di Monserrate.

6. Palazzo e Fattoria da Regaleira (Palácio e fattoria Regaleira): ![(38.796449, -9.396024)] Il Palácio e fattoria Regaleira è uno spazio costruito con l’obiettivo di essere il casa per le vacanze di un imprenditore del caffè, situata ai margini del centro storico di Sintra. La proprietà di fattoria Regaleira fu acquistata da António Monteiro da Barões da Regaleira, che si ispirò al Palácio Nacional da Pena, presso Hotel Palace do Buçaco e il Portuguese Epic of Discoveries per il progetto realizzato da Luigi Manini, con esperienza nei progetti dell’Hotel Palace do Buçaco e del Teatro Nazionale di São Carlos a Lisbona. Luigi Manini era in gran parte responsabile dei giardini, delle grotte, dei laghi, del pozzo iniziatico, della cappella, delle sculture e del palazzo. Nel Palácio e fattoria Regaleira è possibile identificare riferimenti alla mitologia greca, Dante, Camões, l’Ordine di Cristo o l’Ordine della Rosa-Cruz. Il Palácio da Regaleira è diviso in quattro piani,

  • Piano zero: noto anche come Piso Nobre, si distingue per la decorazione delle stanze in stile manuelino, rinascimentale e barocco;
  • Primo piano: sono i luoghi della famiglia Monteiro, ovvero la sala studio, la sala giochi e la sala Lusíada;
  • Secondo piano: con la sala ottagonale, costruita sulla base della Charola del Convento de Cristo in Tomar;
  • Terzo piano: con la torre neomedievale, l’ufficio di António Monteiro e il laboratorio;
    Il Giardino di Regaleira ha diversi punti salienti, vale a dire
  • Alea dos Deuses: è la corsia che collega la Loggia dos Pisão e il palazzo da Regaleira. punti salienti sono le nove statue di divinità greco-romane: Fortune, Orpheus, Venus, Flora, Ceres, Pan, Dionysus, Vulcan e Hermes;
  • Cappella: La cappella è stata costruita in stile neo-manuelino e si distingue per le scene dell’Annunciazione dell’Incoronazione di Maria, delle Croci dell’Ordine di Cristo, l’erede portoghese dell’Ordine dei Templari e un tunnel che si collega al palazzo attraverso la cripta;
  • bene Iniciático: è una torre invertita con circa 27 metri scavati nella terra. Il pozzo di iniziazione presenta una scala a chiocciola che riproduce l’Inferno di Dante e il rapporto tra Terra e Cielo.
Palácio e Quinta da Regaleira è un progetto di Luigi Manini ispirato al Palazzo Nazionale Pena, all'Hotel Palace do Buçaco e all'Epopea portoghese delle scoperte.

Palácio e Quinta da Regaleira è un progetto di Luigi Manini ispirato al Palazzo Nazionale Pena, all’Hotel Palace do Buçaco e all’Epopea portoghese delle scoperte.

 Quinta da Regaleira, oltre al Palazzo e al Poço Iniciático, è molto ammirata per gli spazi verdi circostanti che creano un ambiente mistico all'intero ambiente


Quinta da Regaleira, oltre al Palazzo e al Poço Iniciático, è molto ammirata per gli spazi verdi circostanti che creano un ambiente mistico all’intero ambiente

Il Pozzo Iniziale a Quinta da Regaleira è una delle grandi attrazioni, è costituito da una scala a chiocciola che significa la riproduzione dell'Inferno di Dante e il rapporto tra Terra e Cielo

Il Pozzo Iniziale a Quinta da Regaleira è una delle grandi attrazioni, è costituito da una scala a chiocciola che significa la riproduzione dell’Inferno di Dante e il rapporto tra Terra e Cielo

7. Convento dei Cappuccini (Convento dos Capuchos): ![(38.784412, -9.438148)] il Convento dos Capuchos situato nella Serra de Sintra era un piccolo convento e fu costruito con l’obiettivo di confondersi con il paesaggio circostante e consentire una maggiore vicinanza degli otto monaci che lo abitavano con la natura della Serra de Sintra. Ha ricevuto il nome di Convento da Cortiça perché il sughero era uno dei pochi materiali che adornavano l’edificio. Il convento dei Cappuccini fu inaugurato nel 1560 su richiesta di Dom Álvaro de Castro, consigliere di stato del re Dom Sebastião. Il convento ricevette la designazione di Convento di Santa Cruz da Serra de Sintra e fu dato ai frati dell’Ordine di São Francisco. Il Convento dei Cappuccini fu abbandonato nel 1834, anno che decretò la fine degli ordini monastico-religiosi in Portogallo. I punti salienti del Convento dos Capuchos sono:

  • Terreiro das Cruzes;
  • Portico dei Fragas;
  • Terreiro do Sino;
  • Terreiro da Fonte;
  • Cappella della Passione di Cristo;
  • Porta della morte;
  • dormitorio;
  • Casa das Águas;
  • cucina;
  • refettorio;
  • biblioteca;
  • Cella di penitenza;
  • Camera superior;
  • Sala capitolare;
  • Claustro;
  • Eremo di Senhor a Horto.

8. Palazzo Nazionale e Giardini di Queluz: ![(38.750773, -9.259061)] Il Palazzo Nazionale di Queluz è uno degli ultimi edifici in stile rococò in Europa, situato a Queluz. Il Palazzo Nazionale di Queluz ha ricoperto diversi ruoli nel corso della storia, in particolare la casa di campagna dei Marchesi di Castelo Rodrigo, fattoria ricreativa durante il periodo di occupazione spagnola, casa per il tempo libero e per le vacanze per la famiglia reale portoghese, residenza ufficiale della famiglia reale tra il 1794 e il 1807 dopo l’incendio del Palazzo Nazionale di Ajuda fino alle invasioni francesi, di proprietà dello Stato nel 1908, classificate come monumento nazionale nel 1910. La famiglia reale, la corte e la nobiltà usarono il palazzo reale di Queluz come luogo di vacanza e divertimento, quella che si chiamava Real Quinta de Recreio, in particolare per feste, balli, serenate, spettacoli di fuoco intrappolato, giochi d’acqua, gite in barca sul Canal dos Azulejos, competizioni equestri e corride. Il Palazzo Nazionale di Queluz ebbe due fasi costruttive, precisamente tra il 1747 e il 1784 con la partecipazione dell’architetto Mateus Vicente de Oliveira e dell’orafo e architetto francese Jean-Baptiste Robillon e la seconda fase di costruzione tra il 1784 e il 1792 sotto la guida dell’architetto e il sergente maggiore Manuel Caetano de Sousa. La prima fase di costruzione comprendeva la costruzione della Sala del Trono, il Padiglione delle sistemazioni private, il Lago delle medaglie, la Scala dei leoni o il Canale dos Azulejos.

Il Palazzo Nazionale di Queluz è uno degli ultimi edifici in Europa in stile rococò, ha avuto diverse funzioni nel corso della storia, vale a dire la casa di campagna Marqueses de Castelo Rodrigo, fattoria ricreativa durante il periodo dell'occupazione spagnola, casa per il tempo libero e vacanza del Famiglia reale portoghese, residenza ufficiale della famiglia reale tra il 1794 e il 1807 dopo l'incendio del Palazzo Nazionale di Ajuda fino alle invasioni francesi, di proprietà dello Stato nel 1908, classificata come monumento nazionale nel 1910

Il Palazzo Nazionale di Queluz è uno degli ultimi edifici in Europa in stile rococò, ha avuto diverse funzioni nel corso della storia, vale a dire la casa di campagna Marqueses de Castelo Rodrigo, fattoria ricreativa durante il periodo dell’occupazione spagnola, casa per il tempo libero e vacanza del Famiglia reale portoghese, residenza ufficiale della famiglia reale tra il 1794 e il 1807 dopo l’incendio del Palazzo Nazionale di Ajuda fino alle invasioni francesi, di proprietà dello Stato nel 1908, classificata come monumento nazionale nel 1910

La Pousada de Queluz, gestita dal gruppo Pestana, è un hotel storico situato nell'edificio della Torre dell'Orologio del Palazzo Queluz. Progettata dall'architetto e sergente maggiore Manuel Caetano de Sousa, la torre dell'orologio presenta un'architettura di ispirazione barocca e rococò del XVIII e XIX secolo.

La Pousada de Queluz, gestita dal gruppo Pestana, è un hotel storico situato nell’edificio della Torre dell’Orologio del Palazzo Queluz. Progettata dall’architetto e sergente maggiore Manuel Caetano de Sousa, la torre dell’orologio presenta un’architettura di ispirazione barocca e rococò del XVIII e XIX secolo.

La seconda fase della costruzione comprendeva la costruzione della facciata della cerimonia e il padiglione Dona Maria. I punti salienti del Palazzo Nazionale e dei Giardini di Queluz sono:

  • Sala del trono: La Sala del trono iniziò a essere costruita nel 1768 e fu completata nel 1774 in stile rococò. Il progetto Throne Room è di Jean-Baptiste Robillion. La funzione principale di questa sala era quella di organizzare feste organizzate da Dona Maria I e Dom Pedro III e alcune cerimonie ufficiali. I punti salienti principali sono le pareti scolpite nell’intaglio dorato dell’intagliatore Silvestre Faria Lobo, i giochi di luce che provengono dall’esterno e che si riflettono negli specchi della stanza, i dipinti di João de Freitas Leitão che rappresentano la Fede, il Sole Speranza, guerra, giustizia e carità;

    Sala degli Specchi del Palazzo Nazionale di Queluz

    Sala degli Specchi del Palazzo Nazionale di Queluz

  • Sala della musica: la Sala della musica è stata costruita nel 1759 e ha svolto diverse funzioni, in particolare una sala per feste, una sala delle udienze e baci di mani, un teatro dell’opera e concerti di musica. musica da camera. Le attrazioni della Sala della musica sono le colonne dipinte per imitare il marmo e la decorazione del soffitto dorato di Silvestre Faria Lobo
  • Sala da ballo del Palazzo Nazionale di Queluz con colonne dipinte a imitazione del marmo e decorazioni dorate del soffitto di Silvestre Faria Lobo

    Sala da ballo del Palazzo Nazionale di Queluz con colonne dipinte a imitazione del marmo e decorazioni dorate del soffitto di Silvestre Faria Lobo

  • Sala degli Ambosciatori: La Sala degli Ambosciatori faceva parte del progetto iniziale di Jean-Baptiste Robillion. I principali punti di interesse sono i dipinti di Bruno José do Vale e Francisco de Melo, il dipinto del pannello centrale dell’italiano Giovanni Berardi che rappresenta Dom João V, la regina Dona Vitória e i bambini, i due baldacchini usati per troni

    Sala degli ambasciatori del Palazzo Nazionale di Queluz, con dipinti di Bruno José do Vale e Francisco de Melo, il dipinto del pannello centrale dell'italiano Giovanni Berardi che rappresenta Dom João V, la regina Dona Vitória ei loro figli

    Sala degli ambasciatori del Palazzo Nazionale di Queluz, con dipinti di Bruno José do Vale e Francisco de Melo, il dipinto del pannello centrale dell’italiano Giovanni Berardi che rappresenta Dom João V, la regina Dona Vitória ei loro figli

  • cappella: il progetto è stato scritto da Mateus Vicente de Oliveira. La Cappella del Palazzo Reale di Queluz fu sede di numerose cerimonie, in particolare la Missa das Pedras quando arrivarono i materiali per l’inizio dei lavori, la cerimonia del lavaggio dei piedi che di solito si svolgeva nel Palazzo Nazionale di Ajuda, Processione di Senhora do Cabo e gli otto figli battezzati di Dom João VI e Dona Carlota Joaquina. I punti salienti sono la cupola del coro, l’opera dorata di Silvestre Faria Lobo, la pala d’altare che con un dipinto di André Gonçalves che rappresenta il santo patrono di Queluz Nossa Senhora da Conceição, il soffitto dipinto dell’autore Alexandrino de Carvalho con allusioni alla Vergine;
  • Biblioteca d’arte equestre Dom Diogo de Bragança: è l’unica biblioteca in Portogallo dedicata esclusivamente all’arte equestre aperta al pubblico. La biblioteca offre circa 2000 pubblicazioni, 294 libri e volantini del XIX e XX secolo, 800 titoli europei del XVI, XVII, XVIII e XIX secolo, 322 illustrati dalla seconda metà del XX secolo, 165 stampe e stampe originali.
  • Robillion Pavilion: il Robillion Pavilion è stato costruito con l’obiettivo di integrare le stanze private della famiglia reale. Il progetto è stato progettato da Jean-Baptiste Robillion ed è stato utilizzato da Dom Pedro III, Dom João VI, Dona Carlota Joaquina, Dom Miguel e Dom Pedro IV.
  • Corridoio di mango: era il luogo in cui venivano conservate le maniche di vetro che proteggevano le candele. Il Corredor das Mangas è anche noto come Corredor dos Azulejos per i pannelli di piastrelle di due epoche diverse: le prime piastrelle del 1764 dipinte da Manuel da Costa Rosado per rappresentare scene di caccia, e le seconde tessere dell’anno 1784 da Francisco. Jorge da Costa che rappresenta i vari continenti, le stagioni e la mitologia classica, i vasi di maiolica di Real Fábrica do Rato e Fábrica Viúva Lamego, e alcuni carrelli creati con l’obiettivo di consentire il movimento nei giardini;
  • Sala Don Chisciotte: In questa stanza con effetto circolare, spiccano gli otto dipinti con ornamenti di legno dorato e pasta di carta con scene della vita di Don Chisciotte La Stain de Cervantes, il dipinto della tela centrale del soffitto con un’allegoria dedicata alla musica. Fu qui che morì Dom Pedro IV

Giardini di Queluz: i punti salienti del Giardini di Queluz sono le statue, i laghi, le fontane, le grandi dimensioni, i vasi, i busti.

I giardini del Palazzo Queluz sono composti da diverse attrazioni che vanno dai laghi, alle statue, al giardino botanico, al canale delle tegole, dove le paratoie consentono il passaggio del fiume Jamor

I giardini del Palazzo Queluz sono composti da diverse attrazioni che vanno dai laghi, alle statue, al giardino botanico, al canale delle tegole, dove le paratoie consentono il passaggio del fiume Jamor

I principali punti di interesse di Jardins de Queluz sono:

  • Canale di piastrelle: era il luogo in cui venivano organizzate gite in barca. Nel Canale di piastrelle, spiccano i dipinti dei pannelli di piastrelle del Lago Grande di João Antunes e Manuel da Costa Rosado. Il Lago Grande aveva due scopi, era uno degli elementi decorativi dei Jardins de Queluz e fu trovato il modo di portare l’acqua da Ribeira do Jamor ai Jardins de Queluz per una lunghezza approssimativa di 115 metri. Il Lago Grande comprende due sculture di piombo che rappresentano Bacco, Arianna, Venere e Adone dello scultore inglese John Cheere. Il Canale di piastrelle era chiamato Lago Grande per le sue dimensioni. Il Canale di piastrelle fu restaurato durante il Regno di Carlos da Pereira Cão e Carlos Alberto Nunes;
  • Giardino Botanico di Queluz: il Giardino Botanico di Queluz fu costruito tra il 1769 e il 1776 e consisteva di 24 letti di vari frutti e piante, in particolare la produzione di ananas, un raro e esotico nel 18 ° secolo. Il giardino botanico di Queluz era anche conosciuto come Jardim das Estufas;
  • Lago Nereide: il clou è il set scultoreo dell’inglese John Cheere;
  • Lago Nettuno: Il Lago Nettuno è stato progettato da Jean-Baptiste Robillion nel 1771 e presenta le sculture di piombo di John Cheere che rappresentano Nettuno, Achille, le principali attrazioni Primavera, Estate, Autunno, Meleagro, Atlanta, Vertumno, Pomona, Marte e Minerva;

     Il lago di Nettuno è uno dei tanti laghetti con statue che possiamo ammirare nel giardino del palazzo Queluz


    Il lago di Nettuno è uno dei tanti laghetti con statue che possiamo ammirare nel giardino del palazzo Queluz

  • Jardim Pênsil: Jardim Pênsil deve il suo nome perché si trova su un terreno irregolare e un serbatoio d’acqua. Si distingue per l’enorme labirinto che costituisce gli ex libris del palazzo;
  • Giardino di Malta: Il Giardino di Malta è stato costruito nel 1754. Il Giardino di Malta ha ricevuto il suo nome perché Dom Pedro III è stato il Gran Maestro dell’Ordine di Malta. Le principali attrazioni sono i quattro laghi e le sculture che rappresentano Musica, Pittura, Scultura e Architettura.

    Il palazzo di Queluz. La "facciata cerimoniale" del corps de logis di Mateus Vicente de Oliveira.

    Il palazzo di Queluz. La “facciata cerimoniale” del corps de logis di Mateus Vicente de Oliveira.

9. Palácio de Seteais: ![(38.796188, -9.398261)] Il Palácio de Seteais è un hotel di lusso ospitato in un palazzo del XVIII e XIX secolo, situato sulla strada Monserrate appena fuori dal centro storico di Sintra. Vicino al Palácio de Seteais è possibile visitare luoghi come Quinta e Palácio da Regaleira o Quinta do Relógio. Il nome Seteais è legato alla leggenda del Seteais, che secondo la leggenda: “che dopo la conquista di Sintra nel 1147, il cavaliere cristiano Dom Mendo de Paiva trovò una porta segreta che servisse da via di fuga per alcuni musulmani. Tra i fuggitivi, c’era un bellissimo moresco accompagnato dalla cameriera, entrambi i quali erano stati fatti prigionieri. Appena vide Dom Mendo de Paiva, il giovane moro emise il suo primo sospiro. sette sospiri che una maga le aveva lanciato addosso: la maledizione diceva che al raggiungimento del settimo respiro in un giorno il giovane moro sarebbe morto, il cavaliere non ci credeva e continuò per la sua strada. avendo creduto che fosse motivo di sospirare Ancora una volta, dopo aver appreso di questa maledizione, Don Mendo promise che li avrebbe portati in un posto tranquillo. Quando trovò il posto, Don Mendo se ne andò per alcuni istanti, ma fu sufficiente per un gruppo di musulmani per attaccare i Mori e tagliare la testa della cameriera. Era il sesto sospiro. Il settimo e ultimo respiro arrivò quando vide il pugnale di uno dei musulmani. Quando Dom Mendo de Paiva tornò sul posto era già tardi, poiché entrambi erano morti. Desolato dalla situazione, decise di chiamare Seteais nel luogo in cui furono uccise le due donne musulmane “.
Il Palácio de Seteais fu costruito per volere del console olandese Daniel Gildemeester (1714-1793) su una proprietà fornita dal Marchese di Pombal (1699-1782). Dopo la morte del console olandese, il palazzo fu venduto al Marchese di Marialva, che lo ingrandì con un disegno a “U” dell’architetto José da Costa e Silva (1747-1819). Il Palácio de Seteais fu acquistato dalla catena Tivoli nel 1954 e fu ufficialmente restaurato da Tivoli Palácio de Seteais Sintra Hotel nel 2009 dalla Fondazione Ricardo Espírito Santo. I punti salienti del Palácio de Seteais sono:

  • L’arco d’ingresso: è stato inaugurato nel 1802 e costruito per ricevere la visita di re Dom João VI e sua moglie Dona Carlota Joaquina . L’arco trionfale fu costruito in stile neoclassico
  • Giardini di Seteais: I Giardini di Seteais sono costituiti da arbusti labirintici, da cui è possibile osservare la vista sulla valle.

10. Chalet della Contessa di Edla: ![(38.785235, -9.399112)]: Il Chalet della Contessa di Edla è una piccola casa di campagna di proprietà di Condessa d’Edla, situato nella parte occidentale del Parque da Pena. Lo Chalet della Contessa d’Edla fu costruito tra il 1869 e il 1875 per ordine di Dom Fernando II secondo il modello utilizzato negli chalet delle Alpi. Lo Chalet della Contessa d’Ela era uno spazio privato, costruito con l’obiettivo di ricreare il paesaggio dell’Austria e della Svizzera, origini di Dom Fernando e Contessa d’Edla. Lo Chalet di Condessa d ‘Edla è stato progettato da Condessa d’Edla, è stato abbandonato fino al 2006, quando ha iniziato a essere restaurato, e riaperto al pubblico nel 2011. I punti salienti dello Chalet di Condessa d ‘Edla sono la decorazione in sughero, la stanza della contessa d’Edla, le rocce nel giardino, piante importate da diverse parti del mondo, come l’Himalaya, gli Stati Uniti d’America, il Nord Europa e la vista sul Palazzo Pena e sul Castello Moresco

Altri luoghi da esplorare a Sintra

Parco di Pena: ![(38.789333, -9.392152)] il Parco di Pena è integrato in 200 ettari della Serra de Sintra tra cui il Palazzo Nazionale di Pena. I punti salienti del Parco di Pena sono:

  • Albero della vita: è l’albero che si trova all’ingresso del Parco di Pena e che riproduce l’Albero dell’Eden, dall’ingresso al Paradiso
  • Fontana di Passarinhos: è una fontana in stile arabo e orientale decorata con piastrelle prodotte a Fábrica Roseira a Lisbona con un’iscrizione araba con il testo “Il Sultano Dom Manuel costruì questa cappella benedetta nel nome di Nossa Senhora da Pena nell’anno 1503 in commemorazione del sicuro ritorno di Dom Vasco da Gama dalla scoperta delle terre e dei paesi che ha trovato, questo è il Capo di Buona Speranza, l’India e altri “. All’interno della fontana c’erano tre statuette di uccelli che ora sono scomparsi;
  • Feteira della regina: è un’area costituita da diverse decine di felci arboree, sentieri, sorgenti d’acqua e un forno cosmico ampiamente utilizzato in alchimia;
  • Serre: con l’obiettivo di ospitare neofiti o nuove piante destinate a coltivare il Parque da Pena;
  • Tempio delle colonne: un tempio circolare sorretto da dodici colonne che rappresentano le dodici case dello Zodiaco, è protetto da una quercia, l’albero dei Druidi. La porta del tempio è protetta da uno gnomo scolpito nella pietra che rappresenta i quattro elementi:
  • Cappella di Santo Amaro: secondo la leggenda, Santo Amaro ha letto così tanto che ha camminato sull’acqua senza accorgersene. La Cappella di Santo Amaro è l’ultima tappa prima del Castelo dos Mouros

Museo di storia naturale di Sintra: ![(38.798113, -9.389993)] Il Museo di storia naturale di Sintra è uno spazio museale che conserva e diffonde la storia naturale di Sintra, situata nel centro storico di Sintra. I principali punti di interesse sono:

  • Più di diecimila fossili;
  • Collezione di trilobiti;
  • Collezione di meteoriti, ovvero il meteorite cinese di Nantan.

Museo delle notizie: ![(38.796438, -9.389937)] Il Museo delle notizie è un museo dedicato alla diffusione delle notizie più importanti nella storia dell’umanità, situato nel centro storico di Sintra. Il museo è ospitato nell’edificio dell’ex Toy Museum e spiega la storia dei media e onora i giornalisti più importanti della storia.

fattoria dell’orologio: ![(38.796292, -9.395318)] fattoria dell’orologio è una fattoria del XVIII secolo situata nella Serra de Sintra. La fattoria ha avuto diversi proprietari nel corso della storia, vale a dire Dom Fernando Maria de Sousa Coutinho Castelo Branco e Meneses, il 15 ° conte di Redondo, il multimilionario Metznar, il banchiere Thomas Horn, lo slavo Manuel Pinto da Fonseca e lo svedese Christopher Berglund. fattoria dell’orologio divenne noto quando fu acquistato dal commerciante di schiavi Manuel Pinto da Fonseca, noto come Conde de Monte Cristo, che fece fortuna con la tratta degli schiavi. Manuel Pinto da Fonseca ha consegnato il progetto agricolo all’architetto António Manuel da Fonseca Júnior. fattoria dell’orologio è stata classificata come patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1997. La tradizione popolare degli abitanti di Sintra afferma che è infestata dal sangue degli schiavi che fu versato durante la carriera di Manuel Pinto da Fonseca

parco della libertà: Il parco della libertà è un giardino nel villaggio di Sintra, situato nel “Volta do Duche” all’ingresso del centro storico di Sintra . Il parco della libertà fu aperto nel luglio del 1937, con i seguenti punti di interesse

  • Più di 60 diverse specie di piante e alberi
  • Teatro virtuale dove è possibile visitare la riproduzione virtuale delle relazioni commerciali tra Portogallo e Giappone durante il XVI secolo

Centro interattivo di miti e leggende di Sintra: ![(38.690424, -9.335667)] Il Centro interattivo di miti e legende di Sintra è la zona turistica più popolare recentemente situato nel villaggio di Sintra. Il centro presenta film tridimensionali sui miti e le leggende di Sintra, organizzati in quattro sezioni:

  • nucleo 1: la visita inizia al piano più alto, l’equivalente virtuale alla cima della Serra de Sintra ed è informato sulla Creazione delle penne, Legenda dei cinque più alti con nomi uguali e diversi soprannomi di Sintra;
  • nucleo 2: su questo piano viene raccontata la Storia di Sintra;
  • nucleo 3: qui sono spiegate la Leggenda delle tombe dei due fratelli, la Leggenda dei sette Ais e la Legenda dell’apparizione della Madonna
  • nucleo 4: su questo piano è una simulazione del pozzo iniziale di fattoria Regaleira e di altre esperienze tridimensionali uniche sulla Serra de Sintra

Insediamento paleolitico / calcolitico: questo nucleo è una nicchia archeologica con tracce di paleolitico, calcolitico e neolitico finale, situata a Rua das Padarias, nel centro storico di Sintra, con punti salienti per più di 400 manufatti in loco.

Municipio

L'edificio del Paços do Concelho de SIntra è stato costruito tra il 1906 e il 1909, con imponenti facciate con finestre neo-manueline. Sul prospetto principale si trova una torre con tetto piramidale ricoperto di tegole, raffigurante la Croce di Cristo e lo Scudo Nazionale, e in alto una sfera armillare. All'interno c'è un chiostro con balconi decorati in stile neo-manuelino e rinascimentale

L’edificio del Paços do Concelho de SIntra è stato costruito tra il 1906 e il 1909, con imponenti facciate con finestre neo-manueline. Sul prospetto principale si trova una torre con tetto piramidale ricoperto di tegole, raffigurante la Croce di Cristo e lo Scudo Nazionale, e in alto una sfera armillare.
All’interno c’è un chiostro con balconi decorati in stile neo-manuelino e rinascimentale

Punti di interesse che abbiamo riscontrato durante la visita a Sintra

Esplora il villaggio di Sintra a piedi

Fonte da Sabuga: Fonte da Sabuga è una delle fonti più importanti di Sintra a causa delle capacità curative dell’acqua, situata sulla strada che collega Sintra a Colares. L’attuale fontana fu ricostruita dopo il terremoto del 1755, con il pannello di piastrelle bianche e blu come punto culminante principale.

punto di vista da Cruz Alta: punto di vista da Cruz Alta è il punto più alto della Serra de Sintra, situato nel cuore del Parque da Pena a 529 metri sul livello del mare. Il punto forte del punto di vista è la vista sul Palazzo Pena, sul Castelo dos Mouros, sul villaggio di Sintra e sull’Oceano Atlantico.

palazzo dos Ribafria: palazzo dos Ribafria è un palazzo del XVI secolo situato nella Varzea de Sintra. Il palazzo fu costruito nel 1541 da Gaspar Gonçalves in stile manuelino. I punti salienti principali sono:

  • giardini;
  • palazzo;
  • Lago;
  • Cisterna.

Biblioteca Comunale di Sintra: La Biblioteca Comunale di Sintra è una biblioteca pubblica, situata a Rua Gomes de Amorim a Sintra. La Biblioteca Sintra è integrata in Casa Mantero e offre i seguenti servizi:

  • Lettura di persona;
  • nucleo Braille;
  • Centro storico locale e regionale;
  • Collezione di Camilo Castelo Branco;
  • Collezioni di Vera Jane, Oliva Guerra, Ângelo Costa Cabral e Rodrigo Castro Pereira;
  • casa da tè.

Cappella di São Mamede de Janas: La Cappella di São Mamede de Janas è una cappella del XVI secolo, situata a Janas. Janas è un piccolo villaggio nel comune di Sintra, situato a circa un chilometro dal villaggio di Azenhas do Mar. La cappella ha le seguenti attrazioni:

  • Cappella a pianta circolare dedicata a São Mamede, il santo protettore del bestiame;
  • Panchina che corre tutto intorno alla cappella.

Cascata dos Pisão: Cascata dos Pisão è una piccola cascata che si trova sulla strada che collega Sintra alla fattoria Regaleira. C’è il suono dell’acqua che cade che provoca un effetto calmante e il boschetto che la circonda, creando un ambiente mistico.

Centro culturale Olga Cadaval: Il Centro culturale Olga Cadaval è la sala principale per spettacoli e attività culturali a Sintra. Il centro fu costruito nel 1945 per aprire il Cine-Teatro Carlos Manuel con un progetto di Manuel Joaquim Norte Júnior. L’edificio fu abbandonato dopo l’incendio nel 1985, fino a quando fu inaugurato con l’attuale nome nel 2001 in onore di Olga Cadaval (1900-1996), Marquesa de Cadaval e mecenati delle arti di Lisbona e Sintra. Il centro culturale Olga Cadaval presenta i seguenti punti salienti:

  • Auditorium Jorge Sampaio: è il più grande auditorium del centro culturale, con una capacità di mille posti;
  • Auditorium Acácio Barreiros: è il più piccolo auditorium del centro culturale.

Centro Interativo Sintra, Mitos e Lendas: Il Centro Interactivo Sintra, Mitos e Lendas è la più recente area turistica di Sintra, situata a Praça da República. Questo centro presenta miti e leggende su Sintra in un formato pluridimensionale. Le attrazioni del Centro interattivo di Sintra sono le seguenti:

  • Piano 1: Leggende delle “Tombe dei due fratelli” e delle “Sette Ays”;
  • Piano -1: ingresso in un tunnel che simula il pozzo iniziale della fattoria Regaleira.

Chalet Biester: Chalet Biester è un edificio neogotico della fine del XIX secolo, situato sull’Estrada da Pena, nel cuore della Serra de Sintra. Lo Chalet fu costruito nel 1890 con l’obiettivo di essere la residenza di Ernest Biester (1893-1964), uomo d’affari del Teatro Nazionale Dona Maria II, con un progetto di José Luís Monteiro, autore della stazione ferroviaria di Rossio e Parque Eduardo Settimo a Lisbona, e scenografo Luigi Manini, direttore del Teatro Nazionale di São Carlos e autore della decorazione d’interni del Palazzo della Fattoria Regaleira. Il palazzo è attualmente una residenza privata, essendo diventato noto perché era in questo chalet che Roman Polansky ha filmato “La nona porta”, con l’attore Johnny Depp, a causa della magnificenza delle vetrate ordinate dalla Francia e grazie all’accordo con tradizione popolare, ci sono sette piani sotterranei in cui si incontrava una società segreta e perché è un luogo in cui ci sono tre copie di un libro scritto dal diavolo.

Fonte Mourisca: Fonte Mourisca è una fontana del 1922 costruita con l’obiettivo di sostituire la fontana del Municipio di Sintra, situata a Volta do Duche, all’ingresso del centro storico di Sintra . Il font è un progetto di José da Fonseca, con i seguenti punti salienti:

  • Piastrelle di ispirazione mudéjar;
  • Facciata con tre arcate a ferro di cavallo;
  • Panchine in pietra;
  • Becco di bronzo.

Fonte da Pipa: Fonte da Pipa è una fontana del 18 ° secolo situata nella Serra de Sintra. La Fonte da Pipa appare menzionata per la prima volta nel 14 ° secolo, essendo l’attuale aspetto dopo il terremoto del 1755. I punti salienti sono:

  • Pannelli piastrellati raffiguranti Diana e Giustizia;
  • Pannelli piastrellati raffiguranti pinete.
    !(:fonte-da-pipa)

Fonte da Mata Alva: Fonte da Mata Alva è una fontana del 18 ° secolo, situata a Rua Barbosa du Bocage. La fontana fu rifondata nel 1875 da Francisco, visconte di Monserrate, essendo stata costruita a semicerchio. I principali punti di interesse sono:

  • Quattro pannelli di 16 piastrelle ciascuno dipinto in blu e giallo
  • Pannelli di piastrelle che rappresentano un “tappeto di maçarocas”, una tecnica di piastrelle ampiamente utilizzata nel 18 ° secolo

Chiesa di São Pedro de Penaferrim: La chiesa di São Pedro de Penaferrim è la chiesa principale di Sintra, situata a São Pedro de Sintra. L’attuale chiesa fu costruita dopo il terremoto del 1755, tuttavia la cappella primitiva fu inaugurata nel XVI secolo su richiesta di Dom Álvaro de Castro. I principali punti di interesse della Chiesa di São Pedro de Penaferrim sono:

  • Pannelli di piastrelle del XVIII secolo che rappresentano la vita di São Pedro;
  • Scultura gotica del XVI secolo raffigurante San Pietro;
  • Cristo avorio-portoghese del XVII secolo;
  • Braccia dell’arcivescovo Dom Tomás de Almeida sulla facciata.

Chiesa di Santa Maria: La Chiesa di Santa Maria è la chiesa di una delle parrocchie più antiche del paese, situata ad Arrabalde a Sintra. La chiesa originale fu costruita nel 13 ° secolo con un progetto del Priore Martim Dade. I principali punti salienti della Chiesa di Santa Maria sono:

  • Portico gotico originale che ha resistito al terremoto;
  • Fonte battesimale in stile manuelino;
  • Immagine imbottita del XVII secolo raffigurante Nossa Senhora da Conceição.

Chiesa parrocchiale di São Miguel: La chiesa parrocchiale di São Miguel è una chiesa contemporanea di Santa Maria, situata sulla rampa d’accesso a Castelo dos Mouros. La chiesa è attualmente disabilitata.

Chiesa di Nossa Senhora da Misericórdia: La chiesa di Nossa Senhora da Misericórdia è una chiesa del XVI secolo, situata a Largo do Pelourinho. La chiesa fu inaugurata nel 1545, in seguito alla creazione della Misericórdia de Sintra dalla regina Dona Catarina, moglie di Dom João III. I principali punti di interesse della Chiesa di Nossa Senhora da Misericórdia sono:

  • Dipinti raffiguranti “L’Adorazione dei Magi” e “La risurrezione di Cristo” di Cristóvão Vaz;
  • Altare-Mor con una figura rappresentante la Madonna della Misericordia.

chiesa de São Martinho: chiesa de São Martinho è una chiesa del 18 ° secolo, situata in Praça da República. La chiesa primitiva fu costruita in stile romanico nel XII secolo, restaurata durante il regno di Dom Dinis e ricostruita dopo il 1755 a causa della grande distruzione subita durante il terremoto. I principali punti di interesse sono:

  • dipinti del XVI secolo che rappresentano la vita di São Martinho de Dume
  • Pietra tombale del 1334 in stile gotico di Margarida Fernandes
  • Tre tavolette del XVI secolo dipinte da Mestre de São Quintino raffiguranti “São Martinho and the Poor”, “São Pedro” e “Santo António”

Punto di vista di Adro da Igreja de São Martinho: Il punto di vista di Adro da Igreja de São Martinho è un punto di vista privilegiato sul villaggio e sulle montagne di Sintra, situato nella chiesa di São Martinho. Il clou principale è la vista panoramica che si può ottenere sulla Serra de Sintra, il Palazzo Pena e il Castelo dos Mouros

punto di vista da Correnteza: punto di vista da Correnteza è uno dei punti di vista più famosi di Sintra, situato ad Alameda dos Combatentes da Grande Guerra. Il clou principale del punto di vista da Correnteza è la vista che può essere ottenuta dai seguenti luoghi:

  • Castelo dos Mouros;
  • Vale da Raposa;
  • Vila de Sintra;
  • Palácio Nacional de Sintra;
  • Oceano Atlântico.

Belvedere Ferraria : Il Belvedere Ferraria è il punto panoramico indicato per godersi il Centro Storico della Città di Sintra, situato in Rua da Ferraria. Da questo punto di vista è possibile osservare il Centro Storico di Sintra, il paesaggio delle montagne e l’Oceano Atlantico

Miradouro da Vigia : Miradouro da Vigia è un belvedere di São Pedro de Sintra, situato a circa due chilometri dal centro storico di Sintra. Il belvedere permette di osservare il Palazzo Pena, il Castelo dos Mouros e il Castelo de São Gregório

Jardim da Vigia : Jardim da Vigia è un giardino e un belvedere, situato in Rua Doutor Hermínio de Sousa. Da questo giardino e belvedere è possibile osservare il Palazzo Pena e il Castello Moresco

MU.SA: Museo delle Arti di Sintra : Il MU.SA (Museo delle Arti di Sintra) è un museo di arte contemporanea, situato in Avenida Heliodoro Salgado. Il museo è integrato nel vecchio edificio del Casinò, vicino al Centro Culturale Olga Cadaval. I punti salienti di MU.SA sono:

  • Collezione municipale d’arte: questa collezione comprende mostre di Emília de Paula Campos (1884-1943), Dorita Castel-Branco (1936-1996);
  • Collezione di arte figurativa;
  • Collezione di fotografie.

Museu Anjos Teixeira : Il Museu Anjos Teixeira è un museo dedicato a due scultori, Artur Anjos Teixeira e Pedro Anjos Teixeira, che si trova ad Azinhaga de Sintra. Il museo è integrato in un edificio che svolgeva diverse funzioni, vale a dire mulino ad acqua, segheria, deposito di veicoli municipali e museo dal 1976. I punti salienti principali del Museo Anjos Teixeira sono:

  • Collezione Artur Anjos Teixeira;
  • Collezione Pedro Anjos Teixeira.
Museu Anjos Teixeira è un museo dedicato a due scultori, Artur Anjos Teixeira e Pedro Anjos Teixeira che lavorano sui temi dell'anatomia umana e animale, del lavoro, della libertà, delle professioni, della condizione femminile e di figure storiche e religiose

Museu Anjos Teixeira è un museo dedicato a due scultori, Artur Anjos Teixeira e Pedro Anjos Teixeira che lavorano sui temi dell’anatomia umana e animale, del lavoro, della libertà, delle professioni, della condizione femminile e di figure storiche e religiose

Museo Bonsai : Il Museo Bonsai è un museo dedicato alla conservazione e alla diffusione dei bonsai, situato in Estrada de Chão de Meninos. I punti salienti principali del Museo Bonsai sono:

  • Bonsai Family Residence : offre la possibilità di vivere un pernottamento presso Bonsai Family Residence
  • Albero di Murraya : l’albero di Murraya ha più di 100 anni, è alto 1,60 metri, essendo stato importato dalla Cina

Museo Ferreira de Castro : Il Museo Ferreira de Castro è un museo dedicato alla conservazione e alla diffusione dell’opera della scrittrice Ferreira de Castro (1896-1974), situato in Rua Consiglieri Pedroso a Casal de Santo António. I punti salienti principali del Museo Ferreira de Castro sono:

  • Collezione di romanzi di Ferreira de Castro;
  • Immagini e materiale di scrittura di Ferreira de Castro;
  • Raccolta di documentari accessibile al pubblico e ai ricercatori.

Museo Klaus Ohnsmann : Il Museo Klaus Ohnsmann è dedicato alla divulgazione dell’opera del pittore tedesco Klaus Ohnsmann, situato in Rua Costa do Castelo. Il pittore ha concentrato gran parte della sua carriera sulla rappresentazione di Sintra. Il clou principale è la rappresentazione di Sintra sugli schermi di Klaus Ohnsmann

fattoria Amizade : Fattoria Amizade è uno degli edifici che possiamo visitare a Sintra, situata nella Serra de Sintra. La Fattoria Amizade o Vila Sassetti è stata costruita alla fine del XIX secolo per essere la residenza di Vitor Carlos Sassetti, progettata da Luigi Manini e ispirata ai castelli della Lombardia. Vitor Sassetti era un uomo d’affari nato a Sintra e proprietario dell’Hotel Vitor. I punti salienti della Fattoria Amizade sono l’inserimento della proprietà nel percorso di Vila Sassetti, uno dei percorsi più popolari di Sintra. Questo percorso collega il centro storico di Sintra al Castelo dos Mouros e al Palácio da Pena. Il percorso presenta i seguenti punti di interesse:

  • Casa do Caseiro;
  • Penedo da Amizade;
  • Foresta di Loureiros;
  • Ha coperto due insetti;
  • Costruire con un ottimo mix di materiali, vale a dire pietra rustica e terrazzo;
  • Altorilievo della famiglia Sassetti;
  • Piastrelle del XVI secolo.

fattoria Penha Verde : La fattoria Penha Verde è una fattoria del XVI secolo, situata in Estrada da Pena. La fattoria Penha Verde è stata costruita per essere la residenza di Dom João de Castro (1500-1548), viceré dell’India, su progetto di Francisco de Holanda. I punti salienti principali sono:

  • Cappella di Nossa Senhora do Monte;
  • Cappella di São Brás;
  • Cappella di São Pedro;
  • Cappella di São João Batista;
  • Eremo di Santa Catarina.

Quinta do Saldanha : Quinta do Saldanha è di proprietà del Patriarcato di Lisbona, situato Quinta do Saldanha è attualmente disabile, tuttavia merita una menzione a causa della storia della proprietà, che apparteneva al maresciallo Duque de Saldanha (1790-1876), uno dei più importanti politici e soldati del XIX secolo, nipote del marchese di Pombal.

Luoghi da visitare nei dintorni di Sintra

Colares:! [(38.807664, -9.443136)] Colares è un villaggio noto per la sua spiaggia e il vino, situato a circa sei chilometri da Sintra. Colares si trova in una valle nella Serra de Sintra, dove è possibile osservare la vegetazione lussureggiante, i vigneti che producono il vino Colares e il tram che collega Sintra, Praia das Maçãs e Azenhas do Mar. Colares fu donato nel 1385 a Dom Nuno Álvares Pereira a causa della lealtà data al Regno durante la guerra con la Spagna dal 1383 al 1385. Dal 1855 Colares divenne parte del comune di Sintra come consiglio parrocchiale. I principali punti di attrazione del villaggio di Colares sono:

  • Banzão;
  • Cabo da Roca;
  • Cantina Beira-Mar;
  • Cantina Visconde de Salréu;
  • Cantina Regional de Colares;
  • Santuario di Nossa Senhora da Peninha;
  • Convento di Santa Ana da Ordem do Carmo;
  • Chiesa di Nossa Senhora da Conceição;
  • Chiesa Parrocchiale di Nossa Senhora da Assunção;
  • Casa Branca;
  • Palazzo di Dom Diniz Melo e Castro;
  • Quinta dos Freixos;
  • Quinta Mazziotti;
  • Quinta de Milides.

Azenhas do Mar:! (38.839400, -9.460648): Azenhas do Mar è una piccola città, situata su un promontorio sull’Oceano Atlantico a circa 14 chilometri da Sintra. Il nome Azenhas do Mar deriva dall’esistenza di undici mulini ad acqua che venivano spostati dall’acqua del mare o del fiume e producevano pane con i cereali prodotti nelle vicinanze. Il villaggio di Azenhas dos Mar conta circa 800 abitanti, integrando la parrocchia di Colares. I punti salienti di Azenhas do Mar sono:

  • Local de origem da Casta Ramisco do Vinho de Colares;
  • Elétrico de Sintra;
  • Piscina natural com água salgada;
  • Capela de São Lourenço.

    Azenhas do Mar è un villaggio sulla costa del comune di Sintra, parrocchia di Colares. Azenhas do Mar è famosa per la spiaggia dove si trova una piscina naturale oceanica, essendo uno dei luoghi più fotografati per le cartoline in Portogallo. Il nome Azenhas significa Water Mill.

    Azenhas do Mar è un villaggio sulla costa del comune di Sintra, parrocchia di Colares. Azenhas do Mar è famosa per la spiaggia dove si trova una piscina naturale oceanica, essendo uno dei luoghi più fotografati per le cartoline in Portogallo. Il nome Azenhas significa Water Mill.

  • spiaggia di Azenhas do Mar

Museo-casa Leal da Câmara : Il museo-casa Leal da Câmara è uno spazio museale responsabile della diffusione e della conservazione dell’opera di Mestre Leal da Câmara, situata in Calçada da Rinchoa a Rio de Mouro. Mestre Leal da Câmara (1876-1948) era un pittore e caricaturista che viveva nell’edificio in cui si trova l’attuale museo. L’edificio svolgeva diverse funzioni, in particolare la funzione di cambiare i cavalli quando il Marchese di Pombal si trasferì tra la fattoria Granja di Sintra e il Palácio de Oeiras, funzione dell’Ospedale di Campo durante le invasioni francesi e le funzioni museali. I principali punti di interesse della Casa-Museo di Leal da Câmara sono:

  • Centro Saloios della Casa-Museu Leal da Câmara;
  • Collezioni di pittura, caricatura e disegno;
  • Archivio fotografico e documentario;
  • Pannelli di piastrelle.

Ecoaldeia de Janas : Ecoaldeia de Janas è “… un collettivo di persone unite all’obiettivo di costruire un centro di educazione non formale per la sostenibilità …”, situato a Quinta do Luzio a Janas. L’Ecoaldeia de Janas è iniziata nel 2012 con il lancio ufficiale del progetto. I punti salienti dell’Ecoaldeia de Janas sono:

  • Il Centro di educazione ambientale dove ogni anno passano più di cinquemila studenti;
  • La residenza Food Farming;
  • Associazione Dolmen;
  • il vivai de Janas;
  • L’apiario pedagogico di Janas.

punto di vista das Azenhas do Mar: punto di vista das Azenhas do Mar è un punto di vista vicino all’Oceano Atlantico, situato ad Azenhas do Mar. Il punto forte è la bellezza fornita dalla vista sul villaggio di Azenhas do Mar è costituito da case bianche sulla scogliera, la piscina naturale di acqua di mare con la continuazione della spiaggia e la forza dell’Oceano Atlantico per colpire gli scogli. La situazione del punto di vista a sud offre un angolo perfetto per gli appassionati di fotografia, rendendo questo luogo uno dei luoghi di scelta per la creazione di cartoline sul Portogallo. Azenhas do Mar è anche uno dei luoghi per guardare il tramonto che si riflette sul mare e trasforma l’orizzonte con toni rossastri …

Museo archeologico di São Miguel de Odrinhas: Il Museo archeologico di São Miguel de Odrinhas è un museo che conserva e diffonde raccolte archeologiche sin dall’antichità, situato a São Miguel de Odrinhas. Il museo è stato aperto nel 1999, con un progetto di Alberto Castro Nunes e António Maria Braga. I principali punti di interesse del Museo Archeologico di São Miguel de Odrinhas sono:

  • Mostra “The Stone Book” e “The Cloister of Time”
  • Rovine romane di São Miguel de Odrinhas
  • biblioteca
  • auditorium
  • Museo del caffè

museo do Ar: Il museo do Ar è un’area in cui una serie di spazi museali sono responsabili di “Collezionare, studiare, esporre e diffondere …”, situato a Pêro Pinheiro . Il museo do Ar è collegato ad altri due centri di Ovar e Alverca, con i seguenti punti salienti:

  • Hangar principale: in un’area approssimativa di 3000 m2 con 42 aerei
  • TAP: Spazio dedicato alla compagnia aerea portoghese con circa 700 m2, dove simulatori e aeromobili vengono presentati dalla fondazione nel 1945;
  • ANA: una sala di 700 m2 dedicata all’osservazione della storia degli aeroporti e della navigazione aerea attraverso vari oggetti, in particolare il modello originale dell’aeroporto di Lisbona e l’arredamento della prima torre di controllo Traffico aereo
  • Hangar storici: composto da tre hangar, il primo Hangar è composto dall’auditorium multimediale e da alcuni aerei civili, il secondo L’Hangar è dedicato alla guerra coloniale portoghese e il terzo Hangar ha in mostra due aerei comunemente usati nell’addestramento dei piloti.
  • Sala dos Pioneiros: dove troviamo la descrizione dei primi voli effettuati dai portoghesi, la documentazione e le descrizioni dei principali viaggi aerei dei portoghesi nel mondo, in particolare i viaggi di Sacadura Cabral, Gago Coutinho , Sarmento de Beires, Brito Pais, Humberto da Cruz e Carlos Bleck

Quinta dos Pisão – Quinta dos Pisão è una fattoria abbandonata situata sulla vecchia Estrada de Colares. La Quinta dos Pisão fu costruita nel XVI secolo, ha alcune curiosità storiche, vale a dire il fatto che fu la prima casa a Sintra ad avere il riscaldamento centralizzato tramite caldaia, e fu il palcoscenico come uno dei luoghi di incontro dei pianificatori dell’attacco al re Dom José I nel 1758.

Percorsi a piedi a Sintra

  • Piccola rotta 1: Santa Maria – La Santa Maria Route è lunga oltre 1,9 chilometri, essendo facile da eseguire. Il percorso inizia di fronte al Palazzo Nazionale del Villaggio, attraversa la Fonte da Sabuga, la Chiesa di Santa Maria e il Parque da Liberdade;
  • Piccola Rotta 2 e 3: Pena e Mouros – La Rotta di Pena e Mouros viene effettuata su 4,5 chilometri. Il percorso inizia di fronte al Palazzo Nazionale del Villaggio, passando da Praça da República, Fonte da Sabuga, Chiesa di Santa Maria, São Pedro de Penaferrim, Castelo dos Mouros, Palazzo Pena e Parque da Liberdade;
  • Percorso breve 4: Seteais – Il percorso Seteais si sviluppa su 3,5 chilometri, rendendolo un percorso difficile da eseguire. La rotta Seteais inizia di fronte al Palazzo Nazionale del Villaggio e attraversa la Torre dell’Orologio, la Chiesa di São Martinho, la Fattoria Regaleira, l’Hotel Palácio de Seteais, Rampa da Pena, Fonte da Pipa e Palácio de Seteais;
  • Percorso breve 5: Quintas – Il percorso Quintas si estende per 2,3 chilometri, iniziando di fronte al Palazzo Nazionale del Villaggio. La rotta Quintas attraversa le tenute più emblematiche di Sintra, ovvero Fattoria Regaleira, Quinta do Relógio, Quinta do Castanheiro, Quinta dos Alfinetes, Quinta Dona Amélia e Quinta dos Castanheiras;
  • Piccola rotta 6: Rio da Mula – La rotta Rio da Mula si sviluppa per oltre 11,3 chilometri, a partire dalla diga del Rio da Mula. La rotta Rio da Mula passa attraverso il Convento dei Cappuccini, il Memoriale dei soldati e la Pedra Amarela;
  • Piccola rotta 7: Cabo da Roca – La rotta Cabo da Roca si sviluppa per oltre 13,2 chilometri, partendo da Cabo da Roca. La rotta Cabo da Roca attraversa Ulgueira, Praia Adraga, Praia Grande do Rodízio, per il luogo in cui si trovano le impronte dei dinosauri e Almoçageme;
  • Piccola rotta 8: Vino Colares – La Strada del vino Colares si sviluppa per 15,5 chilometri, a partire da Adega Regional de Colares. La Strada del Vino Colares attraversa Pinhal da Nazaré, Ramisco Wine Vines, Fontanelas e Janas;
  • Piccola rotta 9: Rota das Aldeias – La strada Aldeias si estende per 13,5 chilometri, partendo da Adega Regional de Colares. La Rota das Aldeias attraversa São João das Lampas, il ponte romano, Assafora e Catribana;
  • Piccola rotta 10: Peninha – La Peninha Route si sviluppa per oltre 5,9 chilometri, a partire da Largo da Peninha. La rotta Peninha attraversa la Cappella di Nossa Senhora da Peninha, la Cappella di São Saturnino, Adrenunes e Pedras Irmãs;
  • Piccola rotta 11: Capuchos- La rotta Capuchos si sviluppa su 4,9 chilometri, a partire da Convento dos Capuchos. La Strada dei Cappuccini attraversa il Convento dei Cappuccini, il Memoriale dei soldati, Tholos do Monge e Pedra Amarela;
  • Percorso lungo 11 percorso: E9 – Il percorso GR11 corre per 29,7 chilometri, a partire da Azoia. Il percorso GR11 corre in sei ore, terminando a Carvalhal, situato a circa trenta minuti in auto

I dolci conventuali di Sintra

Travesseiros de Sintra: I Travesseiros de Sintra sono una delle specialità del paese, una torta a forma di cuscino fatta di pasta sfoglia sottile farcita con marmellata di uova e mandorle, prodotta a Casa Piriquita dal 1862 e fondata da Amaro dos Santos e Constância Gomes, conosciuta nel villaggio di Sintra come Piriquita. Casa Piriquita iniziò creando i queijadas, i preferiti di re Dom Carlos e della regina Dona Amélia, e i cuscini furono creati solo negli anni ’40 da Costanza Luísa Cunha, figlia dei fondatori. La ricetta del cuscino è nota solo al proprietario. Casa Piriquita ha ricevuto numerosi riconoscimenti, in particolare alle Esposizioni regionali di Sintra nel 1920, la registrazione dei marchi Travesseiros da Piriquita e Pastéis de Cruz Alta nel 1989 e la registrazione di Casa Piriquita da António Manuel Santos Cunha.
Queijadas de Sintra: Queijadas de Sintra sono fatti con formaggio o cagliata, uova, latte, zucchero e cannella, i primi dei quali sono stati venduti nel 1756 a Ranholas dal produttore Maria Sapa, il più antico produttore di formaggi in Volta do Duche, vicino al centro storico della città di Sintra. Le caseifici più conosciuti sono:

  • Sapa
  • Gregório
  • Casa do Preto
  • Piriquita
    I Fofinhos de Belas*
    : I fofos de Belas sono dolci tradizionali prodotti nella fabbrica del Belas dos Belas. Le Fof de Belas sono piccoli pan di spagna morbidi, ripieni di crema di uova e chicchi di zucchero bianco. Le torte sono carine e con toni giallastri, che conferiscono un aspetto e un gusto unici. I Fofas de Belas furono creati dalla madre dell’attuale proprietario, la signora Liberdade, per il consumo interno e inizialmente furono chiamati Fartos de Creme.

Vino a Sintra, vino Colares e Colares Wine Region

Il vino Colares fa parte della regione di Colares, una delle più antiche regioni delimitate del Portogallo. La regione delimitata di Colares comprende le parrocchie di Colares, São Martinho e São João das Lampas, essendo la regione delimitata più occidentale d’Europa e la più piccola del paese. Il vino iniziò a essere prodotto nel 13 ° secolo, acquisendo fama per i seguenti motivi:

  • Longevità
  • Resistenza agli agenti atmosferici
  • Circa l’80% del vigneto è installato su terreno sabbioso
  • La vite non fu mai colpita dall’insetto fillossera, che decimò la produzione vinicola in tutta Europa nel XIX secolo.
    La regione delimitata di Colares, delimitata nel 1908, è organizzata sulla base dell’Adega Regional de Colares, che è considerata la più antica del paese con la sua fondazione nel 1931. Le varietà più importanti del vino Colares sono:
  • Malvasia de Colares
  • Ramisco de Colares

I principali produttori di vino Colares sono:

  • Azienda vinicola regionale Colares
  • Azienda António Bernardino Paulo da Silva
  • Azienda vinicola Viúva Gomes
  • Casal de Santa Maria

Golf a Sintra

Sintra ha quattro campi principali, vale a dire:

  • Penha Longa Hotel & Golf Resort: – Il Penha Longa Hotel & Golf Resort, situato tra Sintra e Cascais, è uno dei campi da golf più importanti del Portogallo, integrando l’elenco di trenta migliori campi da golf in Europa. Il campo da golf a 27 buche è stato progettato da Robert Trent Jones Jr e inaugurato nel 1992 con il campo “Atlantic Championship”, composto da diciotto buche e il campo “Monastero”, composto da nove buche. Campo da Penha Longa ha ospitato numerosi importanti tornei, vale a dire Open Portugal 1994, Open Portugal 1995 e Open Portugal 2010. Alcuni dei punti salienti del campo da golf Penha Longa sono la presenza accanto al “par 5” di un acquedotto del periodo romano e il monastero e la chiesa di São Jerónimo da Penha Longa, un monastero risalente al 14 ° secolo che apparteneva all’Ordine di São Jerónimo
Penha Longa Hotel & Golf Resort è un hotel di lusso situato nel mezzo del campo da golf, con un ambiente naturale situato tra Sintra e Cascais, ha uno dei campi da golf più importanti del Portogallo, integrando l'elenco dei trenta migliori campi da golf in Portogallo Europa

Penha Longa Hotel & Golf Resort è un hotel di lusso situato nel mezzo del campo da golf, con un ambiente naturale situato tra Sintra e Cascais, ha uno dei campi da golf più importanti del Portogallo, integrando l’elenco dei trenta migliori campi da golf in Portogallo Europa

Mappa delle piastrelle di Quinta da Penha Longa, dove è integrato l'Hotel & Golf da Penha Longa Resort

Mappa delle piastrelle di Quinta da Penha Longa, dove è integrato l’Hotel & Golf da Penha Longa Resort

Descrizione della storia del Monastero di Penha Longa, dove descrive che questo fu il primo convento dell'Ordine di Jerónimos in Portogallo, con la prima pietra di fondazione posata dal re D. João I nel 1390, anche se oggi, di quell'edificio possono identificarsi solo con chiarezza, tracce dell'architettura manuelina (1517) e renancentista (1543) del XIX secolo. XVI. Da questo momento, è la clausola interna, il centro organizzativo dell'intero convento. Con la costruzione del corpo del dormitorio allungato da parte di Infante D. Luís e Cardinal Rei D. Henrique (1580), l'insieme del convento assume le proporzioni che conosciamo oggi. Puntualmente è anche visibile il contributo neoclassico e barocco nel ritaglio di alcuni portali e finestre, oltre ad interessanti esempi di decorazione romantica, del XIX secolo. XIX, tra cui spiccano il Salão Nobre e la Sala Araba

Descrizione della storia del Monastero di Penha Longa, dove descrive che questo fu il primo convento dell’Ordine di Jerónimos in Portogallo, con la prima pietra di fondazione posata dal re D. João I nel 1390, anche se oggi, di quell’edificio possono identificarsi solo con chiarezza, tracce dell’architettura manuelina (1517) e renancentista (1543) del XIX secolo. XVI. Da questo momento, è la clausola interna, il centro organizzativo dell’intero convento. Con la costruzione del corpo del dormitorio allungato da parte di Infante D. Luís e Cardinal Rei D. Henrique (1580), l’insieme del convento assume le proporzioni che conosciamo oggi. Puntualmente è anche visibile il contributo neoclassico e barocco nel ritaglio di alcuni portali e finestre, oltre ad interessanti esempi di decorazione romantica, del XIX secolo. XIX, tra cui spiccano il Salão Nobre e la Sala Araba

  • Pestana Beloura Golf – Il campo da golf Pestana Beloura, situato tra Sintra e Cascais, presenta diciotto buche distribuite su circa 60 ettari, progettate dall’architetto americano Rocky Roquemore. Il campo è stato aperto nel 1993, presentando diversi punti di interesse:
    • Foresta con oltre 40 mila alberi di eucalipto, pino e magnolia
    • Diversi laghi e corsi d’acqua
    • Veduta della Serra de Sintra
    • Esistenza di infrastrutture di supporto – Training Academy and Clubhouse
  • Belas Clube de Campo – Belas Clube de Campo è un campo da golf situato a circa quindici minuti in auto da Sintra, a venti minuti da Cascais e quindici minuti dall’aeroporto di Lisbona . Il Belas Clube de Campo con diciotto buche, è stato progettato dall’architetto americano Rocky Roquemore. I principali punti di interesse sono:
    • Condominio residenziale di lusso
    • Veduta di Palazzo Pena e Castelo dos Mouros
    • Infrastrutture di supporto: palestra, pista ciclabile, ristorante panoramico, club house e spazio per bambini
  • Lisbon Sports Club – Lisbon Sports Club è un campo da golf situato a Serra da Carregueira, a circa venti chilometri da Lisbona. Il Lisbon Sports Club è stato creato nel 1922 come club di cricket per la comunità britannica residente a Lisbona. Il campo da golf è stato progettato da Hawtree & Sons e aperto nel 1992 con diciotto buche, essendo uno dei pochi club tipicamente inglesi esistenti in Portogallo. Il Lisbona Sports Club ha diversi punti di interesse, vale a dire:
    • Servizi e strutture – Club House, servizio di babysitter durante il fine settimana, scuola di golf e lezioni gratuite per i bambini dei membri del club

Le spiagge di Sintra

  • spiagge da Adraga: ![(N38º48’8.59 ”, W9º29’05.17)] spiagge da Adraga è classificata dal Sunday Times come una delle migliori spiagge europee. Adraga Beach ha le seguenti attrazioni:
    • Vista sull’Oceano Atlantico e sulla riva
    • Forma della baia della sabbia
    • Pedra de Alvidrar o Pedra do Juízo
    • Grotto do Fojo
  • spiagge di Azenhas do Mar: ![(N38º50’25.18 ”, W9º27’42.36)] è una piccola spiaggia, lunga circa trenta metri. L’Azenhas do Mar spiagge ha i seguenti punti di interesse:
    • Forma dell’anfiteatro
    • Case bianche e dipinte con una lista blu
    • Piscina naturale con acqua salata
  • spiagge Grande: ![(N38º48’51.83 ”, W9º28’36.32)] spiagge Grande è la più grande spiaggia della costa del comune di Sintra, molto ricercata dai surfisti e bodyboard. In spiagge Grande ci sono alcuni campionati di queste attività, vale a dire il Bodyboard World Championship. Spiagge Grande ha i seguenti punti di interesse:
    • Regolari competizioni europee e mondiali di sport acquatici, ovvero surf e bodyboard;
    • Ci sono diversi ristoranti dove puoi assaggiare il pesce e i frutti di mare catturati nell’Oceano Atlantico;
    • Sei impronte di dinosauro di circa 170 milioni di anni, situate sul versante meridionale delle spiagge.
  • spiagge das Maçãs: ![(N38º49’32.03 ”, W9º28’09.64)] Le spiagge das Maçãs è una spiaggia che si trova alla foce del Rio das Maçãs, quindi precedentemente designato durante la stagione autunnale, il mare trasportava una grande quantità di mele dalle fattorie che esistevano lì. La città iniziò ad essere popolata nel XIX secolo con la costruzione di tre case, vale a dire da Padre de Colares Matias del Campo, dall’autore dell’Inno nazionale del Portogallo Alfredo Keil e da un abitante di Azenhas do Mar, Manuel Prego. I punti salienti principali sono:
    • Alto da Vigia
    • Il villaggio di spiagge das Maçãs
    • Tram di Sintra
  • spiagge di Magoito: ![(N38’51’53.37 ”, W9º26’55.91 ”)] Lo spiagge di Magoito, situato nel villaggio di Magoito, è noto sotto vari aspetti, vale a dire:
    • Essere una delle spiaggie con più iodio in Europa
    • A causa della grande quantità di rocce
    • Per la vista su Cabo da Roca
  • spiagge Pequena: spiagge Pequena, situato vicino alle spiagge Grande, è molto popolare per essere adatto alle famiglie
  • spiagge de São Julião: ![(N38º55’48.41 ”, W9º25’04.39)] Le spiagge di São Julião, sono le spiagge che si trovano più a nord nel comune di Sintra. Le spiagge di São Julião offrono una sabbia di circa due chilometri, essendo molto popolare per il surf e il bodyboard
  • spiagge da Ursa: ![(N38º47’23.98 ”, W9º29’29.40)] Le spiagge Ursa, situate vicino a Cabo da Roca, si distinguono per la sua bellezza naturale e sabbia fine. L’accesso alle spiagge è di qualche grado di difficoltà, prendendo la discesa circa un’ora. Il nome attuale è dovuto alla presenza del Rocha de Ursa, che a causa dell’erosione ha la forma di un orso con un cucciolo in grembo
  • spiagge da Vigia: ![(N38º55’11.59 ”, W9º25’27.94)] Le spiagge di Vigia, situate a sud di São Julião, si distinguono per la sabbia di circa due chilometri e per essere spiagge naturiste.
  • spiagge da Aguda
  • spiagge de Samara

Storia di Sintra

Sintra è un villaggio che respira la storia, soprannominato dallo storico greco Plutarco come Serra da Lua. Sintra è stata occupata dal periodo neolitico da diverse popolazioni, come Celti, Romani e Musulmani, essendo considerata un luogo magico e sacro. Il culto della Luna era praticato a Sintra dai Celti ogni volta che c’erano notti di luna piena. Questi rituali furono eseguiti specialmente in luoghi vicini a Peninha. I romani affermarono che Sintra era il Sacro Monte o Monte della Luna in onore di Cintia, cioè Dea della Luna. Il nome Sintra iniziò ad essere associato a Cintia, la Dea della Luna di Roma, quindi Xintria, Zintira, Sentra e Xentra nel 19 ° secolo.
Il villaggio di Sintra fu conquistato per la prima volta nel 1109 dal conte Dom Henrique, ma fu solo nel 1147 che fu definitivamente conquistato da Dom Afonso Henriques, nello stesso anno della conquista di Lisbona. Sintra ricevette la carta il 9 gennaio 1154.
Questa località fu gravemente distrutta dal terremoto del 1 ° novembre 1755.
Dal 18 ° secolo, il villaggio di Sintra fu promosso a causa della presenza di celebrità famose, vale a dire William Burnett, William Beckford, la Principessa Carlota Joaquina, Gerard Devisme, Eça de Queiroz, Richard Strauss, Hans Christian Andersen, Robert Southey, Raúl Lino , Ferreira de Castro, Eduardo Viana, Milly Podez, Alfredo Keil, Ramalho Ortigão e molti altri.
L’attuale paesaggio di Sintra è stato costruito e sviluppato nel corso dei secoli, in particolare nel XIX secolo dal re Dom Fernando II, che era noto come il re artista. Dom Fernando ha creato una replica del castello di Neuschwanstein che fu costruito da Luigi II di Baviera. Il risultato finale è stato il magnifico e unico Palazzo Pena e tutto ciò che lo circonda. Dal 1995, Sintra è stata classificata come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.
Il villaggio di Sintra ha avuto tre periodi principali di sviluppo, vale a dire:

  • dal X al XV secolo: Sintra era un villaggio importante durante l’occupazione musulmana, avendo costruito il Castelo dos Mouros e parte del palazzo Nacional de Sintra, decisivo fino alla conquista di Lisbona nel 1147 da parte di Dom Afonso Henriques. Fino al XV secolo, il Palazzo Nazionale di Sintra era un luogo di vacanza per la famiglia reale. Sintra perse importanza fino al XVIII secolo a causa di diversi motivi, in particolare l’occupazione spagnola tra il 1580 e il 1640 e la scelta di altri palazzi per le vacanze come il Palazzo Nazionale di Mafra, il Palazzo del Pombal a Oeiras e il Palazzo Nazionale di Queluz;
  • Dopo il 18 ° secolo: Sintra è diventata di nuovo importante dopo l’emergere del Romanticismo, un movimento culturale europeo che ha sostenuto un approccio più vicino alla natura e un ritorno al passato, in particolare a Roma e Grecia. Il romanticismo in Portogallo è apparso in diverse aree, vale a dire storia e letteratura con l’emergere di personalità importanti come Alexandre Herculano, Camilo Castelo Branco o Almeida Garrett. Sintra fu anche visitata da intellettuali, musicisti, politici e uomini d’affari stranieri, vale a dire Richard Strauss, William Beckford, Francis Cook, Barone di Eschwege, Lord Byron, Hans Christian Andersen, Robert Southey o António Monteiro;
  • Patrimonio mondiale dell’UNESCO: Sintra ha acquisito una nuova vitalità nella seconda metà del 20 ° secolo con la classificazione del patrimonio mondiale dell’UNESCO il 6 dicembre 1995 e con la visita di oltre tre milioni di turisti dal 2017.
Le strade di SIntras sono state restaurate nell'estate del 2020, con i tradizionali pavimenti in pietra portoghese, tuttavia in questa immagine abbiamo ancora il vecchio pavimento usurato dall'uso dei visitatori passanti

Le strade di SIntras sono state restaurate nell’estate del 2020, con i tradizionali pavimenti in pietra portoghese, tuttavia in questa immagine abbiamo ancora il vecchio pavimento usurato dall’uso dei visitatori passanti

Il centro del villaggio di Sintra è costituito da una grande piazza con il sud decorato con la collina verso il Castelo dos Mouros e il Palazzo Pena, e il nord con la grandiosità del Palazzo Nazionale di Sintra

Il centro del villaggio di Sintra è costituito da una grande piazza con il sud decorato con la collina verso il Castelo dos Mouros e il Palazzo Pena, e il nord con la grandiosità del Palazzo Nazionale di Sintra

Sintra ha un microclima unico alle porte di Lisbona, con alcuni giorni di nebbia glamour, simile a quello dell’Inghilterra. Sintra è stata designata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1995. Da quel momento in poi, la città è cresciuta e ha iniziato a ricevere milioni di turisti da tutto il mondo.

L'ambiente di Sintra è un ambiente di romanticismo, storia, glamour, un viaggio nel passato con il comfort del presente

L’ambiente di Sintra è un ambiente di romanticismo, storia, glamour, un viaggio nel passato con il comfort del presente

La vita a Sintra è tranquilla, mentre partiamo per la piazza centrale di Sintra, di fronte al Palazzo Nazionale di Sintra, possiamo vedere gruppi di turisti di tutte le nazionalità ed età che si dirigono verso Vila Velha de Sintra, dove possiamo assaggiare i famosi dolci locali “Travesseiros de Sintra” e lo shopping nei numerosi negozi tradizionali che esistono lì, vanno al Palácio da Pena, alla Fattoria Regaleira o al Castelo dos Mouros a piedi, in bicicletta, in autobus, in pullman o in tuck tuck.

Le strade di Sintra sono strade strette, con un'atmosfera colorata e vivace creata dal piccolo commercio che serve i tanti visitatori che arrivano per conoscere le varie attrazioni ...

Le strade di Sintra sono strade strette, con un’atmosfera colorata e vivace creata dal piccolo commercio che serve i tanti visitatori che arrivano per conoscere le varie attrazioni …

Sintra è anche natura, con giardini, fiori, foreste e sentieri da esplorare in ogni angolo. Le fonti di acqua dolce meritano una menzione speciale, in quanto vi sono alcune fonti dalle quali è possibile bere acqua dalla fonte della Serra de Sintra.

La città di Sintra si trova a circa trenta chilometri da Lisbona, è un posto tranquillo, sicuro e con una grande offerta di hotel e ristoranti. Le spiagge sono anche molto ricercate dalla gente di Lisbona durante l’estate, non solo per l’estate, ma anche per gli sport acquatici, vale a dire surf, bodyboard, windsurf. Sintra è una località e un comune da visitare con punti di interesse dal più alto livello del mondo, Sintra è un ottimo posto per vivere e lavorare.

Praia Grande è una spiaggia più vicina a Sintra, a circa 11 chilometri di distanza. Praia Grande ha buone condizioni per gli sport acquatici, ovvero il surf e il bodyboard, che ospita alcune delle tappe dei campionati di surf

Praia Grande è una spiaggia più vicina a Sintra, a circa 11 chilometri di distanza. Praia Grande ha buone condizioni per gli sport acquatici, ovvero il surf e il bodyboard, che ospita alcune delle tappe dei campionati di surf

Fiere, feste e pellegrinaggi a Sintra

  • Le feste di Divino Espírito Santos: si svolgono ogni anno a Colares sette settimane dopo Pasqua
  • La festa di São Pedro de Penaferrim: si tiene ogni due settimane a São Pedro de Penaferrim la seconda e la quarta domenica di ogni mese
  • Círio de Santa Rita de Cássia: pellegrinaggio che si svolge ogni anno tra le città di Eugaria e Mucifal a luglio
  • Estate alla fattoria Ribafria: festival che si svolge ogni anno presso la fattoria Ribafria tra maggio e settembre
  • I festeggiamenti in onore di São Mamede: si svolgono ogni anno a Janas in agosto
  • I festival di Nossa Senhora da Praia: si svolgono ogni anno a Praia das Maçãs la prima domenica di settembre
  • Fiera settecentesca di Queluz: si svolge ogni anno a settembre presso il Palazzo Nazionale di Queluz

Dove fare acquisti a Sintra

  • Beloura Shopping
  • Centro commerciale Forum de Sintra
  • Mercato Almoçageme
  • Mercato di São Pedro de Sintra
  • Centro storico di Sintra
Il centro storico di Sintra ha un commercio molto tradizionale, dove troviamo piccole botteghe artigiane, ristoranti, bar e la pasticceria Piriquita, con le famose sintra queijadas e altre prelibatezze zuccherine

Il centro storico di Sintra ha un commercio molto tradizionale, dove troviamo piccole botteghe artigiane, ristoranti, bar e la pasticceria Piriquita, con le famose sintra queijadas e altre prelibatezze zuccherine

Trasporto da e per Sintra

  • Trains: Ci sono treni per Sintra che partono dalle stazioni Gare do Oriente e Rossio. La stazione di Queluz-Belas è dove dovresti visitare il Palazzo Nazionale di Queluz e Matinha de Queluz. Le stazioni ferroviarie nel comune di Sintra sono:
    • Stazione di Queluz-Belas
    • Stazione Monte Abraão
    • Stazione Massamá-Barcarena
    • Stazione Agualva-Cacém
    • Stazione di Rio de Mouro
    • Stazione Mercês
    • Stazione Algueirão
    • Stazione di Sintra Portela
    • Stazione di Sintra
  • Autobus: Esistono autobus per le rotte quotidiane e altre destinazioni turistiche:
    • Carriera 434: fa il Circuito da Pena, che comprende il Centro storico, il Castelo dos Mouros e il Palácio da Pena. L’autobus parte dalla stazione di Sintra e dal centro storico.
    • Carriera 435: chiamato anche Villa Express Quatro Palácios, include il seguente percorso: Palazzo Nazionale di Sintra, Palazzo di Regaleira, Palazzo di Seteais, Palazzo di Monserrate.
    • Carriera 441: noto anche come Três Praias, tra cui Praia Grande, Praia das Maçãs e Praia das Azenhas
  • Tram di Sintra: tram tradizionale di Sintra che collega il paese a Colares durante i mesi estivi. Il viaggio, molto tranquillo e piacevole, dura circa 45 minuti.

Istituzioni educative a Sintra

  • collegio Vasco da Gama
  • collegio dos Plátanos
  • conservatorio de Música em Sintra
  • Scuola portoghese di arte equestre
  • Scuola professionale per il recupero del patrimonio di Sintra
  • Prime School International – Sintra

Servizi sanitari a Sintra

  • Clínica CintraMédica – Portela de Sintra
  • CUF Sintra
  • Hospital Amadora-Sintra

Organizzazione amministrativa di Sintra

Il comune di Sintra è il secondo nel paese con il maggior numero di abitanti, circa 378 mila. Il comune di Sintra è amministrativamente organizzato in undici parrocchie, vale a dire:

  • Consiglio parrocchiale Algueirão-Mem Martins
  • Consiglio parrocchiale di Casal de Cambra
  • Consiglio parrocchiale di Colares
  • Consiglio parrocchiale di Rio de Mouro
  • Unione delle parrocchie di Agualva e Mira Sintra
  • Unione delle parrocchie di Almargem do Bispo, Pêro Pinheiro e Montelavar
  • Unione delle parrocchie di Cacém e São Marcos
  • Unione delle parrocchie di Massamá e Monte Abraão
  • Unione delle parrocchie di Queluz e Belas
  • Unione delle parrocchie di São João das Lampas e Terrugem
  • Unione delle parrocchie di Sintra

Figure illustri di Sintra

  • Dom Fernando II: (1816-1885) Fernando Augusto nacque a Vienna, in Austria, nella famiglia Sassonia-Coburgo Gotha il 29 ottobre 1816 e morì a Lisbona il 15 Dicembre 1885. Dom Fernando fu l’ultimo re consorte del Portogallo e uno dei fondatori del Romanticismo nazionale. Dom Fernando II sposò Dona Maria II nel 1836 per procura, che durò fino al 1855, anno in cui la regina morì durante la nascita dell’undicesimo figlio. Dom Fernando II rimase Reggente del Regno di Portogallo fino a quando suo figlio Dom Pedro non divenne maggiorenne. Dom Fernando si risposò alla contessa d’Edla nel 1869, essendo stato molto controverso a causa del fatto che la contessa d’Edla era una cantante lirica e una madre single. Dom Fernando II morì nel 1885 e fu sepolto nel monastero di São Vicente de Fora a Lisbona, spazio del Pantheon reale della dinastia di Bragança. Dom Fernando II ha avuto un ruolo unico nello sviluppo e nella protezione del patrimonio portoghese attraverso diverse misure, vale a dire:
    • Creazione dell’Accademia di Belle Arti
    • Offerta di borse di studio ad artisti portoghesi come Bordalo Pinheiro e Viana da Mota
    • Restauro di numerosi monumenti: Monastero di Batalha, Monastero di Jerónimos, Torre di Belém, Cattedrale di Lisbona, Convento di Mafra, Convento di Cristo a Tomar e Tempio romano di Évora;
  • Condessa d’Edla: (1836-1929) Nominata “Elise Hensler”, nacque in Svizzera il 22 maggio 1836 e morì il 21 maggio 1929 a Lisbona. Elise Hensler emigrò all’età di dodici anni con i suoi genitori a Boston, negli Stati Uniti d’America, dopo aver iniziato a lavorare a Scalla a Milano, dove rimase per tre anni. Elise Hensler arrivò in Portogallo nel 1860 per cantare al Teatro Nacional de São João di Porto e al Teatro Nacional de São Carlos di Lisbona, quando incontrò Dom Fernando II, con il quale si sarebbe sposata e trasferita definitivamente a Sintra. A Sintra, la coppia si allontanò dalla politica di Lisbona e si dedicò allo sviluppo del Palazzo Pena e alla costruzione dello Chalet di Condessa d’Edla. La contessa d’Edla ricevette il Palácio da Pena, il Castelo dos Mouros e lo Chalet della contessa d’Edla, dopo la morte di Dom Fernando nel 1885. La contessa d’Edla morì all’età di 91 anni, essendo sepolta nel Cemitério dos Prazeres.
  • Al Baqr: Un geografo musulmano che viaggiò in tutto l’Impero islamico durante il X secolo, fu il primo geografo a lasciare documentazione scritta su Sintra;
  • Barone di Eschwege: (1777-1855) Wilhelm Ludwig von Eschwege nacque ad Aue, vicino a Eschwege, nella provincia di Assia-Kassel. Eschwege, completò i suoi studi in ingegneria mineraria nel 1800 presso l’Università di Gottinga e Marburg. Il barone di Eschwege arrivò in Portogallo nel luglio 1803 per gestire le miniere di ferro di Foz do Alge, vicino a Figueiró dos Vinhos e nel 1807 si arruolò nell’esercito portoghese a causa dell’invasione dell’esercito napoleonico del Portogallo con il grado di capitano di artiglieria. Due anni dopo si recò in Brasile con l’obiettivo di procedere alla riattivazione delle miniere del territorio, dopo aver acquisito notorietà in questa colonia portoghese come membro del consiglio del Gabinetto reale di mineralogia di Rio de Janeiro, professore all’Accademia militare, installazione di Fábrica do Prata “A Patriótica” e il miglioramento delle strade dei capitani di Minas Gerais e Goiás. Il barone di Eschwege era tornato in Germania nel 1821, e tornò in Portogallo nel 1839 per dirigere le opere del Palazzo Nazionale di Pena, che costituì l’ultima grande opera in Portogallo. Dopo la collaborazione al palazzo, tornò in Brasile, tuttavia per un breve periodo, essendo morto il 1 ° febbraio 1855, già in Germania;
  • William Beckford: (1760-1844) William Beckford era uno scrittore, collezionista e viaggiatore inglese che si innamorò di Sintra. William Beckford è nato a Londra da una ricca famiglia aristocratica e proprietario di diverse piantagioni di zucchero in Giamaica, essendo stato accusato dalla società londinese di pratiche sessuali meno appropriate per l’epoca, che lo hanno portato a viaggiare in diversi paesi europei, vale a dire Francia, Spagna, Italia, Svizzera e Portogallo. Le opere più importanti includono il romanzo Vathek: An Arab Tale del 1786, il Diario di William Beckford in Portogallo e Spagna del 1835 e Alcobaça e Battle: Travel Memories. William Beckford è stato in Portogallo tre volte:
    • 1787 – era a Lisbona
    • 1793 e 1795 – soggiornarono al Quinta e Palácio do Ramalhão di Sintra
    • 1798-1799 – noleggiato e fatto lavori di fondo al Palazzo e Giardino di Monserrate
  • Lord Byron: (1788-1824) George Gordon Noel nacque il 22 gennaio 1788 e morì il 19 aprile 1824. Lord Byron fu uno dei più grandi poeti del XIX secolo e una delle grandi figure del Romanticismo europeo, avendo svolto con successo diverse funzioni, vale a dire il deputato della House of Lords, membro del London Committee of Independence of Greece, scrittore e intellettuale. Le opere principali erano il pellegrinaggio di Childe Harold, scritto tra il 1812 e il 1819 e dove scrive di Sintra, Il corsaro nel 1814, L’assedio di Corinto nel 1816 e Il liberale nel 1822
  • Francis Cook: (1817-1901) Sir Francis Cook nacque il 23 gennaio 1817 e morì il 17 febbraio 1901. Sir Francis Cook detenne la terza più grande fortuna dell’Inghilterra e possedeva una delle più grandi collezioni d’arte del XIX secolo, con 510 importanti opere d’arte nel 1876. Francis Cook fece fortuna nel settore tessile e aveva persino la sede centrale nel centro di Londra al Cook & Son Warehouse, dopo aver acquistato Monserrate nel 1863 Sir Francis Cook ha ricevuto numerosi titoli nobiliari in Portogallo e in Inghilterra, vale a dire Primo visconte di Monserrate, Primo baronetto in Inghilterra, membro della London Antique Society
  • Luigi Manini: (1848-1936) lo scenografo italiano Luigi Manini nacque l’8 marzo 1848 e morì il 29 giugno 1936. Luigi Manini nacque in un’umile famiglia, il che lo ha portato a lavorare all’età di nove anni nello studio di Giovanni Zaffeva come apprendista. Manini si laureò in ornamenti alla Royal Academy of Fine Arts di Milano nel 1861, avendo ricoperto diversi incarichi, in particolare come scenografo o architetto-decoratore nella costruzione di diversi importanti edifici in Europa, vale a dire:
    • Teatro alla Scala di Milano
    • Teatro nazionale di São Carlos
    • Palace and fattoria Regaleira
    • Teatro Nazionale Dona Maria
    • Palace Hotel do Buçaco
    • Casa de Giardiniere-Biester
    • Villa Sassetti
    • Chalet Lima Mayer a Sintra
    • Teatro Palácio de Foz
    • Teatro Dona Amélia
    • Teatro di São Luiz
    • Teatro São João do Porto
    • Museo militare di Lisbona
    • Museu Conde Castro Guimarães a Cascais.
  • António Monteiro (1848-1920) António Augusto Carvalho Monteiro nacque il 27 novembre 1848 e morì il 24 ottobre 1920. António Monteiro nacque a Rio de Janeiro, figlio del portoghese Frederico Augusto Mendes Monteiro e Ana Thereza Carolina de Carvalho. António Monteiro, divenne noto come Monteiro dos Milhões a causa della fortuna che ha ereditato dai suoi genitori e degli affari che ha fatto con prodotti come il caffè. António Monteiro si laureò in giurisprudenza all’Università di Coimbra nel 1871 e si sposò due anni dopo con Perpétua Augusta Pereira de Melo (1852-1913). Monteiro dos Milhões era un appassionato collezionista e un mecenate delle arti, in particolare le collezioni di orologi, farfalle e le opere di Luís Vaz de Camões. Nel 1876 si stabilì definitivamente in Portogallo presso il palazzo Quintela-Farrobo in Rua do Alecrim a Lisbona. António Monteiro decise di costruire una residenza per le vacanze a Sintra, la tenuta Regaleira, e di assumere Luigi Manini per progettarlo tra il 1898 e il 1912. António Monteiro ricevette il titolo di Moço Fidalgo da Casa Real assegnato da Dom Luís I. António Carvalho Monteiro morì nel 1920 con un profondo dolore di cuore a causa della morte della donna qualche anno prima;
  • Gerard de Visme (1725-1798) inglese di origine francese che fu il primo abitante inglese a Monserrate. Gerard de Visme è nato in Inghilterra da una famiglia di ugonotti francesi, cioè protestanti francesi. Gerald de Visme nacque il 22 febbraio 1725 e morì il 20 novembre 1727. Non si sa molto della vita di Gerard de Visme, tranne per il fatto che visse in Portogallo tra il 1746 e il 1794 dove possedeva due fattorie: una a Lisbona, Quinta de São Domingos de Benfica e un’altra a Sintra, Quinta de Monserrate. Gerald de Visme era membro della Fabbrica Brithish di Lisbona, essendo coinvolto nella costruzione dell’Ospedale Inglês di Lisbona e ricoperto la carica di Amministratore dei gioielli della corona e delle miniere di diamanti del Brasile. La principale fonte di fortuna fu il commercio del legno di brasile dovuto al raggiungimento del monopolio di questo prodotto grazie all’amicizia che ebbe con il Marchese di Pombal.

Citazioni su Sintra

  • “Oggi è il giorno più felice della mia vita! Conosco Italia, Sicilia, Grecia ed Egitto e non ho mai visto nulla, niente di utile! È la cosa più bella che abbia mai visto! Questo è il vero giardino di Klingsor e lassù si trova il Castello del Santo Graal “, Richard Strauss
  • “Vera vignetta delle Mille e una notte, una visione di fiabe”, Hans Christian Andersen
  • “Cintra’s Glorious Eden”, Lord Byron
  • “A Sintra non si muore – si passa dall’altra parte viva. Perché la morte è impossibile nel vigore della bellezza. E il ricordo che passa è in essa per collaborare”, Virgílio Ferreira

Curiosità di Sintra

  • Sintra è stato il primo sito europeo registrato dall’UNESCO come paesaggio culturale nel 1995
  • Il Palazzo Nazionale di Pena è stato il primo palazzo romantico in Europa, costruito trent’anni fa dal famoso Schloss Neuschwanstein di Baviera in Germania
  • Fu Dom Fernando II a introdurre in Portogallo la tradizione di decorare un albero di pino a Natale e di distribuire regali ai bambini
  • Il 1836 fu l’anno in cui Dom Fernando sposò Dona Maria II e la nascita della contessa d’Edla, la futura moglie dell’artista King
  • Si dice che l’anima di Dona Carlota Joaquina vaga di notte nelle sale del Palazzo Nazionale di Queluz
  • Lo stile neogotico inglese fu fortemente influenzato dal Monastero di Batalha
  • Quinta de Monserrate era anche di proprietà del Tennessee Celeste Claflin, suffragetta americana e sorella di Victoria Claflin Woodhull (1838-1927), la prima donna candidata alla Presidenza degli Stati Uniti d’America
  • Il parco della Monserrate ha più di tremila specie esotiche
  • Parque de Monserrate è stato il vincitore del premio Jardins Europeus nel 2013
  • Lord Byron e William Beckford vivevano a Sintra
  • Dom Manuel I osservò la nave di Nicolau Coelho, che faceva parte della flotta di Vasco da Gama in rotta verso l’India, entrando nel fiume Tago nel 1503
  • I vini Colares sono considerati i più simili ai vini Bordèus in Portogallo
  • La cantante americana Madonna era interessata all’acquisizione di Quinta do Relógio a Sintra

Sintra fatti rapidi

  • I comuni di Sintra, Oeiras, Amadora e la società municipale Parques de Sintra Monte da Lua hanno creato un protocollo per creare l’asse verde e blu che mira a costruire corridoi paralleli al fiume Jamor per la circolazione delle persone, l’acqua tra le Serra da Carregueira e Caxias per un tratto di 16 km lungo il fiume Jamor
  • Il comune di Sintra conta circa 382 mila abitanti
  • Il comune di Sintra è diviso in undici parrocchie, vale a dire Agualva e Mira Sintra, Algueirão-Mem Martins, Almargem do Bispo, Pêro Pinheiro e Montelavar, Cacém e São Marcos, Casal de Cambra, Colares, Massamá e Monte Abraão , Queluz e Belas, Rio de Mouro, São João das Lampas e Terrugem e Sintra
  • Il comune di Sintra ha ricevuto il premio Comune dell’anno nel 2015 nell’area metropolitana di Lisbona
  • I monumenti di Sintra hanno ricevuto circa tre milioni e duecentomila visitatori nel 2017
  • Il Palácio e Parque da Pena è stato il più visitato con circa un milione e settecentomila visitatori nel 2017

Vicino a Sintra, visitiamo Cascais e Lisbona

Da Sintra a Cascais, attraversiamo la Serra de Sintra ed entriamo in un altro affascinante villaggio. Da Sintra a Lisbona, abbiamo lasciato un villaggio ed siamo entrati in una città europea con tutti i servizi di una grande città.
Da Cascais a Lisbona, viaggiamo lungo un viale marginale di fronte al mare e al fiume…

Back to Top
error: