Santuario di Fátima

Il Santuario di Nossa Senhora de Fátima è una delle più importanti destinazioni di turismo religioso al mondo

Fátima, Portogallo

Fátima è una città portoghese situata nel centro del Portogallo, una città nota per il Santuario di Nossa Senhora de Fátima. La città è una delle più importanti destinazioni di turismo religioso al mondo. Il paesaggio di Fátima è definito dal Santuario e dall’enorme piazza che lo integra. Dall’alto possiamo osservare l’immensità della piazza, la Basilica di Nossa Senhora do Rosário, la Cappella delle Apparizioni e la Basilica della Santissima Trinità. Fátima si trova in una valle della Serra de Aire e Candeeiros, a circa 127 km da Lisbona, in un’ora e venti minuti di auto. Fátima è parte integrante del distretto di Santarém, della regione Centro e del comune di Ourém. Le principali attività economiche di Fátima sono il turismo religioso, i ristoranti e gli hotel. Fatima ha circa sei milioni di visitatori all’anno e un record di 9,4 milioni di persone nell’anno del centenario delle Apparizioni nel 2017.

Il miracolo di Fatima

Le apparizioni dell’Angelo della Pace …

Fátima è strettamente correlata alle apparizioni dell’Angelo della Pace e Nostra Signora di Fátima. L’Angelo della Pace è apparso tre volte:
1. Una prima apparizione dell’angelo avvenne nella primavera del 1916 a Loca do Cabeço, quando i pastori facevano la guardia al gregge. Secondo quanto si dice, l’Angelo della Pace appariva sempre preceduto da una folata di vento.
2. Una seconda apparizione dell’Angelo ebbe luogo nell’estate del 1916 a casa di Lucia, situata a Poço do Arneiro.
3. Una terza apparizione dell’angelo è avvenuta di nuovo a Loca do Cabeço. In questa apparizione l’Angelo della Pace ha dato la comunione ai Tre Pastorelli. Secondo rapporti di suor Lucia (Lucia de Jesus Rosa dos Santos, parroco di Fátima), l’Angelo della Pace ha portato con sé un calice e un’ostia che ha lasciato sospesi in aria, lasciando il calice per Jacinta e Francisco e l’host di Lucia.

… e le apparizioni di Nostra Signora di Fatima

Successivamente ci furono 6 apparizioni della Madonna:
1. Una prima apparizione di Nossa Senhora de Fátima avvenne il 13 maggio 1917 a Cova da Iria, sito dell’attuale Santuario di Fátima. La prima apparizione è stata preceduta da un fulmine nel sito della Basilica delle Apparizioni. Impauriti dalla pioggia, i pastori iniziarono a tornare a casa fino a quando, nel luogo in cui si trova attualmente la Capelinha das Aparições, avvenne un secondo fulmine ei pastori intravidero l’immagine della Madonna di Fatima in cima al leccio. Fu in questa prima apparizione che la Madonna di Fatima chiese ai pastorelli “Volete offrirvi a Dio?”
2. Una seconda apparizione di Nossa Senhora de Fátima avvenne nel giugno 1917, quando annunciò la morte di Francisco e Jacinta.
3. Una Terza Apparizione avvenne il 13 luglio 1917, quando il Segreto di Fatima fu trasmesso in tre fasi, la prima fase con la visione dell’Inferno; la seconda fase attraverso l’esistenza di una nuova guerra, la seconda guerra mondiale, il trionfo del comunismo e la caduta del muro di Berlino nel 1989; la terza fase, fu scritta da Suor Lucia nel 1944, riportando il tentato assassinio di Papa Giovanni Paolo II a Roma nel 1981.
4. Una quarta apparizione di Nossa Senhora de Fátima ebbe luogo il 19 agosto 1917 a Valinhos, dopo la prigionia dei tre pastori per tre giorni nella prigione di Ourém. La Madonna di Fatima ha promesso di compiere un miracolo che tutti possano vedere.
5. Una Quinta Apparizione ebbe luogo il 13 settembre 1917, quando la Madonna di Fatima apparve per informare che sarebbe stato essenziale che i tre pastorelli continuassero a pregare per la prima guerra mondiale (1914-1918). fine.
6. Una sesta apparizione avvenne il 13 ottobre 1917 a mezzogiorno quando accadde il Miracolo del Sole. In quel giorno, circa 70mila persone di tutte le religioni e professioni si riunirono sotto una pioggia torrenziale che finì improvvisamente. Poi il sole iniziò a sorgere e tramontare, secondo i resoconti dell’epoca. Nel frattempo, i tre pastorelli stavano guardando altri eventi in tre fasi: in una prima fase hanno visto la Madonna di Fatima, Menino Jesus e São José mentre benedicevano il mondo, in una seconda fase hanno visto la Madonna di Fatima e Nossa Senhora das Dores benedicono il mondo, e nell ‘ultima tappa hanno osservato Nossa Senhora do Carmo.

La canonizzazione dei Pastorelli di Fátima

Negli anni ’50, dopo le Apparizioni dell’Angelo della Pace, di Nossa Senhora de Fátima e le morti di Francesco e Giacinta, iniziarono le fasi del processo di beatificazione. attraverso due ordini. La prima richiesta era da Catholic Youth for Jacinta e la seconda richiesta era da Catholic Youth for Francisco . Il processo di beatificazione si è concluso nel 1979, anno in cui Padre Kondor è stato nominato Vice-Postulatore per la Causa di Canonizzazione dei Pastorelli di Fatima. Ciò che fino ad ora era proibito dalla Chiesa cattolica, è accaduto per la prima volta, quando è stato distribuito un processo di canonizzazione ai giovani di età inferiore ai 16 anni che non sono morti martiri. Padre Kondor era responsabile del processo di canonizzazione e ha contattato il maggior numero possibile di vescovi in ​​tutto il mondo per aiutare, scrivendo lettere a Papa Giovanni Paolo II per chiedere la beatificazione dei due pastorelli. Il risultato è stato l’invio di trecento lettere apostoliche per chiedere la canonizzazione e la convocazione di un incontro nell’aprile 1981 da parte di Papa Giovanni Paolo II, dove sono presenti professionisti di molti settori, vale a dire teologi e medici. L’incontro è durato diverse settimane e il dibattito principale è stato il tema “se la santità è possibile o meno durante l’infanzia”. Al termine dell’incontro si è deciso che la santità nell’infanzia era possibile e la legge ecclesiastica è stata modificata, con l’istituzione del Decreto di Eroicità delle Tue Virtù il 13 maggio 1989. Maggio 13, 2000 Papa Giovanni Paolo II ha visitato Fatima per canonizzare i due pastorelli Giacinta e Francesco. Da questo momento è stato creato il Culto dei Pastorelli e il 15 febbraio è stato stabilito come il giorno dei Pastorelli. La Igreja dos Pastorinhos de Alverca è stata la prima chiesa costruita per praticare il culto dei Pastorinhos.

Le storie e le leggende sull’origine del nome di Fátima

La prima teoria del nome di Fatima è legata alla storia di una delle figlie del Profeta Muhammad (571-632), Fatimah bint Muhammad (604-632). La leggenda narra che i cavalieri moreschi, quando furono ricoverati nella zona, videro una donna vestita di bianco, che finì per essere associata a Fatima, figlia del profeta Maometto. C’è un’altra leggenda che racconta la storia di Traga-Mouros, Conde de Ourém, uno dei migliori guerrieri e poeti di Dom Afonso Henriques (1109-1185). Secondo la leggenda Gonçalo Ermiges, un cavaliere templare che si innamorò della principessa moresca Fátima quando la vide una volta in lontananza. Da quel momento in poi non ha mai smesso di pensare a lei, e per poter sposare la principessa, ha deciso di escogitare un piano per rapirla. Così la notte della Festa das Luz, ora São João, radunò alcuni cavalieri e andò ad Alcácer do Sal, dove la principessa visse e rapì Fatima. Poi andò a chiedere a Dom Afonso Henriques l’autorizzazione a sposarsi, che accettò a due condizioni: che la principessa fosse battezzata e che il cavaliere sconfiggesse il principe Abu. Come voleva Dom Afonso Henriques, Fátima fu battezzata con il nome cristiano di Oureana e il principe Abu fu sconfitto. Come ricompensa, Dom Afonso Henriques offrì il villaggio di Abegas, che in onore di Oureana divenne noto come villaggio di Oureana, e più tardi, villaggio di Ourém. Secondo la leggenda, entrambi vissero felicemente fino alla morte di Oureana. Gonçalo Ermiges ha deciso di allontanarsi dalla vita terrena per entrare a far parte dell’ordine di São Bernardo nel Monastero di Tomareis, dove morì. Da quel momento in poi, la terra in cui visse Fatima cambiò in Terras de Fátima e, più tardi, Fátima.

Situazione politica in Portogallo e il miracolo di Fátima

La Prima Repubblica, politicamente instabile, si rese conto che il Messaggio di Fatima poteva essere utilizzato per raggiungere la pace e per ottenere il sostegno del popolo. L’anno 1929 è stato essenziale per la crescita della notorietà di Fátima prima della società portoghese, nella Chiesa cattolica portoghese e con il regime politico a causa dell’ascesa al vertice della gerarchia ecclesiastica portoghese del cardinale Cerejeira (1888-1977), un credente del Culto di Maria e del Miracolo di Fatima. Le relazioni tra la Chiesa cattolica portoghese e il governo portoghese furono regolarizzate e, con l’emergere dell’Estado Novo, l’importanza di Fátima aumentò notevolmente. Fatima venne usata come propaganda per consentire la legittimazione della dittatura di Salazar e nella lotta europea contro il comunismo dell’Unione Sovietica.

Il Miracolo di Fatima è apparso in un contesto europeo e nazionale molto violento e travagliato, essendo stato interpretato come un segno di pace e divino dai credenti, e visto come un vantaggio politico dai non credenti. In Europa e in Portogallo tra il 1917 e il 1920 ci furono una serie di eventi travagliati, vale a dire la prima guerra mondiale (1914-1918), la rivoluzione russa del 1917, l’epidemia di influenza nel 1918 in tutta Europa. L’invio di truppe portoghesi in Francia nel gennaio 1917, il massacro di La Lys dove morirono molti soldati portoghesi, l’ascesa al potere di Afonso Costa che portò alla comparsa di scioperi, rivolte e rapine nei negozi, la rivolta del 3 dicembre 1917 guidata da Sidónio Pais, l’entrata in vigore del regime dei buoni di razionamento il 23 settembre 1918, l’omicidio di Sidónio Pais il 14 dicembre 1918, l’esistenza di una grave epidemia di tifo e influenza infettiva in Portogallo nel 1918 e l’occupazione di Porto da parte di Paiva Couceiro nel gennaio 1919, dove dichiarò la monarchia settentrionale che durò fino a febbraio.

TOP 10 attrazioni della città di Fátima

Santuario di Fátima

1. Santuario di Fátima: considerato uno dei luoghi di culto della religione cattolica più importanti al mondo, si trova in Portogallo, a Cova da Iria. Il Santuario di Fátima iniziò a essere costruito nel 1917 con la collocazione di un arco nel luogo in cui ebbe luogo la Prima Apparizione. Nel 1919 l’arco fu sostituito dalla Capelinha das Aparições

  • Capelinha das Aparições è stata la prima struttura del Santuario, costruita sul luogo delle apparizioni. La prima cappella fu aperta il 15 giugno 1919, fu distrutta in un attentato nel 1922 e riaperta nel 1923. I punti salienti della Capelinha das Aparições sono il portico costruito per accogliere Papa Giovanni Paolo II nel 1982, il soffitto rivestito in legno di pino siberiano nel 1988, la colonna dove troviamo la statua di Nossa Senhora de Fátima che rappresenta il luogo della prima apparizione, di José Ferreira Thedim, e l’organo, di Gerhard Grenzing.
  • Basilica di Nossa Senhora do Rosário de Fátima, eretta nel luogo dove il 13 maggio 1917 i tre pastorelli giocavano e si verificò un fulmine. La prima pietra della basilica fu benedetta il 13 maggio 1928 dall’arcivescovo di Évora Dom Manuel Mendes. Il progetto è stato completato il 12 ottobre 1953. Ha ricevuto il titolo di basilica il 12 novembre 1954 concesso da Papa Pio XII. L’edificio è stato interamente costruito con materiale estratto dalle cave di Moimenta, marmi di Estremoz, Pêro Pinheiro e Fátima. I punti salienti principali all’estero sono il campanile alto 65 metri, il carillon con 62 campane di José Gonçalves Coutinho, una corona di bronzo con sette tonnellate fusa in Fundição do Bulhão, l ‘orologio disegnato da Bento Rodrigues, gli angeli sulla facciata di Albano França e la statua del Cuore Immacolato di Maria scolpita da Thomas McGlynn secondo le nomine di Suor Lucia. La statua misura 4,5 metri e pesa 15 tonnellate. I punti salienti degli interni sono il mosaico prodotto dalle Officine Vaticane che rappresenta la Santissima Trinità per incoronare Nostra Signora di Fatima, le vetrate che rappresentano scene della vita di Nostra Signora di Fatima, delle Apparizioni e del Messaggio di Fatima, la immagine della pala d’altare che rappresenta il Messaggio di Nostra Signora di Fatima, quattordici altari laterali che rappresentano quattordici Misteri del Rosario, la Capela-volta della Capela-Mor dove è rappresentato il Quindicesimo Mistero del Rosario, la tomba di Dom José Alves Correia da Silva, un organo riunito a Padova nel 1952 con 152 registri e 12mila tubi di piombo, stagno e legno, sul lato destro del presbiterio si trova la tomba di Francesco, sul lato sinistro del presbiterio si trova la tomba di Giacinta Marto e la Cappella del Santissimo Sacramento che dal 1960 espone il Santissimo Sacramento.
  • La Basilica della Santissima Trinità, su progetto dell’architetto Alexandros Tombazis, è stata inaugurata il 12 ottobre 2007. La basilica ha una capienza di 8633 posti su una superficie di 40mila metri quadrati. La prima pietra è stata offerta da Papa Giovanni Paolo II, essendo parte della tomba dell’apostolo San Pietro. Il clou principale è il tetto della basilica, costruito per ricevere pannelli fotovoltaici.
  • Gli specchi d’acqua situati all’ingresso della Basilica della Santissima Trinità rappresentano il Battesimo (con la cascata d’acqua) e la Creazione (con l’acqua che sale dalla fontana). Il progetto è stato progettato dall’architetto Tombazis. I principali punti di attrazione sono il pannello del presbiterio di padre Marko Ivan Rupnik.
  • Cappella dell’Angelo della Pace, è la ex Cappella del Sacro Lausperene inaugurata il 1 gennaio 1987, con la prima pietra benedetta da Papa Giovanni Paolo II il 13 maggio 1982. Dal 1 gennaio , 1960 che il Santissimo Sacramento sia esposto ventiquattr’ore su ventiquattro affinché i fedeli lo possano venerare. L’architetto José Carlos Loureiro era responsabile della cappella. I principali punti di interesse sono le due vetrate dell’ingresso di Rolando Sá Nogueira, e l ‘ostensorio d’argento di Zulmiro de Carvalho.
  • Rettorato inaugurato il 13 maggio 1986 dal cardinale Dom António Ribeiro. È in questo edificio che operano i servizi amministrativi del Santuario e la Casa de Retiros de Nossa Senhora do Carmo.
  • Casa de Retiros de Nossa Senhora do Carmo è il luogo in cui hanno dormito Papa Giovanni Paolo VI e Papa Giovanni Paolo II.
  • Nossa Senhora das Dores Hostel e Retreat House sono usati come ricovero per i malati che vengono a fare pellegrinaggi. Il clou principale è la Capela do Sol che include un dipinto che rappresenta il trionfo del Cuore Immacolato di Maria e una finestra di vetro colorato con il Miracolo del Sole.
  • Praça do Santuário, un’imponente piazza costruita da Cottinelli Telmo (1897-1948).
  • Colonnato che collega gli edifici su ogni lato del santuario. I principali punti di interesse sono la monumentalità che trasmettono le 200 colonne, i 14 altari che rappresentano le 14 stazioni della Via Sacra con dipinti di Lino António e le 17 immagini dei santi devoti di Nossa Senhora de Fátima.
  • Monumento al Sacro Cuore di Gesù con enfasi sulla statua in bronzo dorato situata al centro del Santuario come simbolo della centralità di Gesù nel Messaggio di Fatima.
  • Berlin Wall Block, un blocco di 2,6 tonnellate del muro di Berlino caduto nel 1989 e inaugurato qui il 13 agosto 1994. Questo blocco è stato offerto da un emigrante portoghese che viveva in Germania, Virgílio Casimiro Ferreira. Il progetto è di José Carlos Loureiro.
  • Centro Pastorale Paulo VI aperto nel 1982 da Papa Giovanni Paolo II.
  • Cruz Alta ha aperto il 29 agosto 2007 con 34 metri di altezza e 17 metri di larghezza. Il progetto è di Robert Schad.
  • Monumento a Papa Giovanni Paolo II inaugurato nel 2007 con un’altezza di 3,5 metri. Il progetto è di Czeslaw Dzwigaj. Alla base della statua c’è una citazione di Giovanni Paolo II – “Il mio pensiero adorante va alla Santissima Trinità, spiegata in questa terra benedetta di Fatima: Benedetto sia Dio, ricco di misericordia, per il grande amore con cui ci ha amati “
  • Monumento ai Padri Formigão e Fischer progettato da Graça Costa Cabral e inaugurato il 13 ottobre 1998 come tributo ai due sacerdoti più importanti nella promozione di Fátima.

Aljustrel

2. Aljustrel: il villaggio di Aljustrel era il luogo in cui nacquero i tre pastori Francisco, Jacinta e Lúcia. Nel 1917 Aljustrel contava circa 100 abitanti. i punti salienti sono Casa de Lúcia, il luogo in cui Lucia visse fino all’età di quattordici anni e dove fu interrogata per la prima volta. La Casa de Lúcia è stata offerta nel 1981 al Santuario di Fátima. Ricrea la vita quotidiana della famiglia. Il clou principale è il Poço do Arneiro, che si trova sul retro della casa, dove l’Angelo è apparso per la seconda volta e dove Lucia ha visto uno dei papi piangere in una grande casa. Casa de Jacinta e Francisco, il luogo dove nacquero i due pastorelli e dove Francisco morì di broncopolmonite.

Museo del Santuario di Fátima

3. Museu do Santuário de Fátima: inaugurato nel 1955. I punti salienti del museo sono le mostre permanenti sui temi Fátima Luz e Paz e Casa-Museu de Aljustrel. L’obiettivo principale del museo è divulgare la storia del Santuario di Fátima.

Museo del Santuario di Fátima

3. Museu do Santuário de Fátima: inaugurato nel 1955. I punti salienti del museo sono le mostre permanenti sui temi Fátima Luz e Paz e Casa-Museu de Aljustrel. L’obiettivo principale del museo è divulgare la storia del Santuario di Fátima.

Via Crucis

4. Via Sacra: chiamata anche Calvário Húngaro è una via crucis che inizia alla rotonda sud di Fatima e termina in una cappella a Monte dos Valinhos. La Via Crucis è nata durante la seconda guerra mondiale per volere dei due sacerdoti ungheresi, padre Elias Kardos e padre Luís Kondor. Il Calvario ungherese rappresenta il desiderio degli ungheresi per la rinascita del paese, precedentemente occupato dall’Unione Sovietica. Il progetto dell’architetto ungherese Ladislaw Marec fu presentato nel 1956 a Dom José Alves Correia da Silva, vescovo di Leiria. La Via Sacra è stata finanziata dai profughi ungheresi residenti in Occidente e inaugurata il 12 maggio 1964. Lungo la Via Sacra ci sono 14 cappelle che rappresentano i Quattordici Misteri e una 15 ° cappella offerta dalla parrocchia di Lajosmizse in Ungheria, aperta il 13 ottobre 1992, dopo la caduta del comunismo. I punti salienti della Via Sacra sono la Cappella di Santo Estêvão inaugurata il 13 ottobre 1992 e ristrutturata nel 1994. All’interno, ci sono mosaici con rappresentazioni delle Apparizioni di Nossa Senhora de Fátima a Cova da Iria, i Sette Dolori di Nostra Signora di Fátima e la consacrazione dell’Ungheria alla Vergine Maria, i pannelli delle stazioni in bassorilievo che rappresentano le visioni di Catarina Emmerich e l’immagine della Madonna Patrona d’Ungheria, le sculture, le vetrate che rappresentano santi ungheresi, mosaici raffiguranti le apparizioni della Madonna di Fatima e la consegna della corona ungherese da parte del re Santo Stefano alla Madonna di Fatima. Loca do Cabeço, luogo in cui avvennero la prima e la terza apparizione dell’Angelo della Pace, con le immagini dell’Angelo e dei tre pastorelli. Fu qui che l’Angelo diede la comunione ai pastorelli e insegnò due preghiere per confortare il Dio offeso. E il Monumento in omaggio alla Madonna nel luogo in cui apparve la Madonna di Fatima il 19 agosto 1917.

Chiesa parrocchiale di Fátima

5. Chiesa Parrocchiale di Fátima: situata a circa 2 km dal Santuario di Fátima, presenta Nossa Senhora dos Prazeres come patrona. Fu presso la Chiesa Parrocchiale di Fátima che i tre pastorelli furono battezzati, dove suor Lucia fece la sua prima comunione, luogo di preghiera per Francesco e dove la Madonna di Fatima apparve a Jacinta per insegnargli come pregare terzo. I punti salienti sono l’immagine di Nossa Senhora do Rosário scolpita e dipinta secondo le indicazioni di Lúcia, immagini di Nossa Senhora de Fátima, Francisco e Jacinta di Jaime Santos e Manuel machado, un fonte battesimale dove il tre pastorelli furono battezzati.

Casa-museo di Aljustrel

6. Casa-Museu de Aljustrel: è l’antica dimora della madrina di Lúcia, acquisita in seguito dal Santuario di Fátima. La Casa-Museu è stata aperta nel 1992 con l’obiettivo di rappresentare la vita quotidiana degli abitanti del villaggio nel 1917. Il pezzo forte è la collezione Mobiliário, Casa e Trabalho.

Museo delle cere

7. Museu de Cera: situato vicino al Santuario, nel centro della città di Fátima, riporta i principali eventi della storia della città. I momenti salienti sono le 32 scene con 120 figure che rappresentano scene legate al pellegrinaggio, la storia dei tre pastorelli, la storia di Fátima, eventi importanti per il Portogallo e una figura con Papa Francesco.

Museo delle apparizioni

8. Museo delle Apparizioni: situato in Rua Jacinta Marto, è un museo dedicato alle Apparizioni dell’Angelo della Pace e della Madonna di Fatima. I punti salienti principali sono le 31 statue e la ricreazione della visione dell’Inferno e del Miracolo del Sole attraverso gli effetti di luci e suoni prodotti intorno alle statue.

Museo dei miracoli di Fátima

9. Museu Milagre de Fátima: situato in Avenida Dom José Alves Correia da Silva, il museo racconta la storia delle apparizioni attraverso la realtà virtuale. Il museo è composto da sette mostre virtuali, con i temi “Il mondo nel 1917”, “Apparizioni dell’Angelo”, “Apparizioni della Madonna di Fatima”, “Il dubbio, Il miracolo del sole”, “Il segreto di Fatima “,” Fatima “,” una devozione universale “,” Giovanni Paolo II “,” il Papa di Fatima “e” La Condivisione “.

Cappella di Nossa Senhora da Ortiga

10. Cappella di Nossa Senhora da Ortiga: è un luogo di pellegrinaggio situato a Ortiga, vicino a Fátima. La leggenda vuole che la Madonna di Fatima sia apparsa in questo luogo nel 1758 a una muta pastorella. Attualmente è luogo di pellegrinaggio dei fedeli di Nossa Senhora da Ortiga, e dove si tengono le Feste di Nossa Senhora da Ortiga la prima domenica di luglio e i due giorni successivi.

Figure di Fatima

  • Lúcia de Jesus dos Santos (1907-2005): Lúcia è nata il 28 marzo 1907 ad Aljustrel ed è morta il 13 febbraio 2005 nella città di Coimbra. Lucia era cugina di Francisco e Jacinta. Lúcia era la figlia di António dos Santos (1873-1919) e Maria Rosa (1869-1942). Lucia era la più giovane di sei fratelli, giocava, camminava e ballava. Oltre a queste attività ricreative, ha anche lavorato nella pastorizia fin dalla tenera età a causa della povertà della famiglia. La vita di Lucia, insieme a quella dei cugini Francisco e Jacinta, è cambiata dal 1917 con il verificarsi del Miracolo di Fatima. Lucia era l’unica che poteva vedere, ascoltare e parlare con Nostra Signora di Fatima. Dopo la morte dei suoi cugini, Lucia andò a vivere per la Congregazione Santa Doroteia in Spagna, e al Carmelo a Coimbra, dove adottò il nome di suor Maria Lúcia de Jesus e Cuore Immacolato.
  • Francisco Marto (1908-1919): nato l’11 aprile 1908 e morto il 4 aprile 1919 ad Aljustrel. Francisco era il penultimo figlio di Manuel Pedro Marto e Olímpia de Jesus. Secondo le testimonianze era un ragazzo pacifico, gentile e riservato a cui piaceva fare il piffero. San Francisco è morta a casa di influenza polmonare. Il pastorello è stato beatificato da Papa Giovanni Paolo II il 13 maggio 2000 e canonizzato il 13 maggio 2017 da Papa Francesco. La festa religiosa di Jacinto è il 20 febbraio. Francisco Marto è sepolto nella Basilica delle Apparizioni.
  • Jacinta Marto (1910-1919): Jacinta nacque il 5 marzo 1910 ad Aljustrel e morì il 20 febbraio 1920 a Lisbona all’ospedale Dona Estefânia. Secondo i registri, la pastorella aveva sempre tratti seri, ma allo stesso tempo era modesta e amichevole. Fu Giacinta a infrangere il codice del silenzio dei tre pastorelli, che avevano accettato di non menzionare di aver visto l’Angelo della Pace e Nostra Signora di Fatima. Dopo la sua morte all’ospedale Dona Estefânia, il corpo di Giacinta si trovava in una cerimonia funebre presso l’Igreja dos Anjos di Lisbona, essendo stato trasferito al cimitero di Ourém nel deposito di Barões de Alvaiázere il 25 febbraio. Il 12 settembre 1935 fu trasferita a Fátima e il 1 maggio 1951 fu trasferita nella Basilica di Nossa Senhora do Rosário. Santa Giacinta è stata beatificata da Papa Giovanni Paolo II il 13 maggio 2000 e canonizzata da Papa Francesco il 13 maggio 2017. La festa religiosa di Giacinta è il 20 febbraio
  • Dom José Alves Correia da Silva (1872-1957): Dom José Alves Correia da Silva nacque il 15 gennaio 1872 a Maia e morì il 4 dicembre 1957 a Leiria. Fu nominato vescovo di Leiria il 15 maggio 1920 e ricevette l’ordinazione episcopale il 25 luglio 1920. Fu il primo vescovo della diocesi di Leiria riattivato il 17 gennaio 1918, dopo l’estinzione nel 1882. Papa Giovanni Paolo II ha cambiato il nome da Diocesi di Leiria a Diocesi di Leiria-Fátima il 13 maggio 1984. Dom José Alves Correia da Silva ha svolto un ruolo essenziale nella diffusione del Messaggio di Fatima. Creò il Museo del Santuario di Fátima nel 1955. Il Vescovo di Nossa Senhora de Fátima, come era anche conosciuto, ricevette la Gran Croce dell’Ordine della Benemerenza dal Presidente della Repubblica Óscar Carmona nel 1945, la Croce Meritissima di São Raimundo de Peñafort dal capo di stato spagnolo nel 1948, fu nominato assistente del solido pontificio nel 1956 da papa Pio XII. Dom José Alves Correia da Silva è sepolto nella Basilica di Nossa Senhora do Rosário de Fátima.
  • José Ferreira Thedim (1892-1971): scultore portoghese responsabile della costruzione della statua di Nossa Senhora de Fátima che si trova a Capelinha das Aparições.
  • Padre Luís Kondor (1928-2009): Sacerdote ungherese della Congregazione dei Missionari del Verbo Divino e Vice-Postulatore della Causa di Beatificazione di Francesco e Giacinta Marto. Padre Luís Kondor ha svolto un ruolo essenziale nella diffusione del Messaggio di Fatima e nella beatificazione dei pastorelli attraverso la pubblicazione di un bollettino in sette lingue che fu redatto a partire dal 1959 con lo scopo di far conoscere la vita di Francisco e Jacinta Marto . Padre Kondor è stato anche responsabile del lancio del Monumento Valinhos, della Via Sacra, della Cappella del Calvario, del Collegio São Miguel a Fátima, del Seminario Diocesano e del Palazzo Vescovile a Leiria.
  • Padre Manuel Nunes Formigão (1883-1958): è stato il principale promotore di Fátima e del culto delle Apparizioni. Padre Formigão fece una serie di interrogatori ai tre pastorelli che contribuirono all’elaborazione di un rapporto canonico del 3 maggio 1922. Questo rapporto fu essenziale per la convalida del verificarsi delle apparizioni del Vescovo di Leiria nel 1930. Padre Formigão quando fu inviato a Fátima era scettico ma, nel tempo, divenne uno dei principali credenti delle Apparizioni di Fátima, e sviluppò una serie di azioni essenziali per la diffusione di Fátima, ovvero rapporti sui primi pellegrinaggi a Cova da Iria, scrivevano a partire dai primi libri su Fátima, ha coordinato l’acquisto di terreni per la costruzione della Capelinha das Aparições. Il processo di beatificazione di padre Formigão è iniziato il 13 settembre 2001 e si è concluso il 16 aprile 2005, dopo essere stato consegnato alla Congregazione per le Cause dei Santi a Roma. I libri principali di Padre Formigão sono “The Wonderful Episodes of Fatima 1921”, “The Fatima Events of 1923”, “The Great Wonders of Fatima 1927”, “Fatima”, “Paradise on Earth 1930”, “What is Fatima 1936″, ” Fede e Patria 1937 “,” Calendario di Nostra Signora di Fatima 1940 “e” Almanacco di Nostra Signora di Fatima 1944 “.
  • Papa Pio XI (1857-1939): nacque il 31 maggio 1857 a Desio, Italia e morì il 10 febbraio 1939 a Città del Vaticano. Ambrogio Damiano Achille Ratti prestò servizio come papa dal 6 febbraio 1922 al 10 febbraio 1939. Fu il primo sovrano del Vaticano, poiché il Vaticano aveva perso la sua indipendenza dall’estinzione degli Stati Pontifici nel 1870. Il 1 ° novembre 1926, il rappresentante diplomatico di Pio XI Monsignor Sebastiano Nicontra ha visitato Fatima. Questa visita contribuì al fatto che il 27 gennaio 1927 i sacerdoti furono inviati alla Cova da Iria. Papa Pio XI eseguì i primi due atti ufficiali che riconoscevano l’importanza di Fatima, vale a dire la benedizione e nel 1929 distribuì le stampe della Madonna di Fatima con l’invocazione “Madre clementissimo, salvai Portuga” e benedicendo una statua della Madonna di Fatima José Ferreira Thedim per entrare a far parte del Pontificio Collegio Portoghese a Roma.
  • Papa Pio XII (1876-1958): nacque il 2 marzo 1876 a Roma, Italia e morì il 9 ottobre 1958 il 9 ottobre 1958 in Italia. Eugenio Maria Giuseppe Pacelli servì come papa dal 2 marzo 1939 al 9 ottobre 1958. Pio XII fu il primo papa nato a Roma dal 1724 e il primo papa che riconobbe il fenomeno religioso di Fatima. Si chiama Papa di Fatima. Fu Pio XII a consacrare il mondo al Cuore Immacolato di Maria e il 13 maggio 1946 inviò il Cardinale Aloisi Masella (18979-1970) a Fátima per incoronare l’immagine della Madonna di Fatima.
  • Papa Paolo VI (1897-1978): nacque il 26 settembre 1897 a Concesio, Italia, e morì il 6 agosto 1978 a Castel Gandolfo, Italia. Giovanni Battista Enrico Antonio Maria Montini è stato Papa dal 21 giugno 1963 al 6 agosto 1978. Papa Paolo VI è stato il primo Papa ad andare a Fatima e pregare per la pace nel mondo, essendosi designato Pellegrino di Fátima il 13 maggio, 1967. Paolo VI proclamò Maria Santissima Madre della Chiesa e nel 1964 offrì la Rosa d’Oro al Santuario di Fátima
  • Papa Giovanni Paolo II (1920-2005): Karol Józef Wojtyla è nato il 18 maggio 1920 a Wadowice, in Polonia, ed è morto il 2 aprile 2005 in Vaticano. Wojtyla è stato papa dal 16 ottobre 1978 al 2 aprile 2005.
    Papa Giovanni Paolo II ha visitato il Portogallo in tre occasioni, vale a dire il 12 e 15 maggio 1982, in questo viaggio, Papa Giovanni Paolo II ha ringraziato Nostra Signora di Fatima per la protezione in relazione all’attacco che aveva subito in Vaticano nel 13 maggio 1981. Papa Giovanni Paolo II è stato il primo papa nella storia a beatificare i bambini, Francesco e Giacinta. Il 10 e 13 maggio 1991 Papa Giovanni Paolo II ha visitato Lisbona, Azzorre, Madeira e Fátima. In questa visita, papa Giovanni Paolo II è stato oggetto di un attacco di padre Integrista Juan Fernandéz Krohn, che non ha accettato l’autorità del papa. Papa Giovanni Paolo II ha celebrato la messa a Fatima e Lisbona, allo stadio Restelo. Il 12 e 13 maggio 2000: Papa Giovanni Paolo II ha beatificato Francesco e Giacinta Marto.

Curiosità di Fátima

  • Fátima, Futebol e Fado era il motto che il regime dell’Estado Novo (1933-1974) usava per caratterizzare il Portogallo.
  • Le apparizioni della Madonna a Fátima fanno parte delle sedici apparizioni della Madonna di Fátima ufficialmente riconosciute dalla Santa Sede, su un totale di duemila apparizioni segnalate.
  • Fátima è rappresentata in circa diecimila località sparse nei cinque continenti del pianeta.
  • Fátima riceve sei milioni di visitatori che partecipano a cerimonie religiose, più di quelli che visitano il Vaticano e Lourdes in Francia.
  • Durante gli anni della prima guerra mondiale (1914-1918) si hanno notizie di diverse apparizioni di Nossa Senhora de Fátima, in particolare a Barral, a Ponte da Barca e un’apparizione a un parroco l’11 maggio 1917 a un parroco nel zona di Lisbona.
  • L’immagine di Nossa Senhora de Fátima da Capelinha das Aparições corre in tutta la penisola iberica dal 1942.
  • L’immagine della Vergine Pellegrina copre diversi paesi del mondo dal 1942.
  • Il proiettile che è stato estratto dal corpo di Papa Giovanni Paolo II è stato offerto a Fatima come simbolo di persecuzione contro la Chiesa cattolica.
  • La prima chiesa dedicata al culto di Nossa Senhora de Fátima costruita fuori Fátima è stata la Chiesa di Nossa Senhora do Rosário de Fátima a San Paolo in Brasile.
  • La benedizione del veicolo si tiene la domenica e nei giorni festivi alle 12:45 e alle 17:00 in un parcheggio situato dietro la Livraria do Santuário.
  • La benedizione degli oggetti religiosi si tiene ogni giorno alla fine della messa ufficiale nel Santuario di Fátima.
  • La processione delle candele si svolge dalla notte dal 12 al 13 maggio di ogni anno e riunisce migliaia di persone ogni anno.

Fatti rapidi su Fátima

  • Il 2017, anno del centenario delle apparizioni, è stato l’anno con il maggior numero di visitatori, circa otto milioni.
  • Fátima ha avuto il primo charter nel 1588.
  • Fátima ha circa 11600 abitanti.

Dizionario di Fatima

  • Beatificazione: beatificazione significa attribuire lo status di beato. È un passo verso qualcuno che diventa santo (canonizzato). Il processo di beatificazione è solitamente condotto dal Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi.
  • Canonizzazione: è la decisione della Chiesa cattolica che stabilisce il culto della venerazione per una persona che è già morta e che inizia a chiamarsi santo.
  • Círio: è il nome dato ai pellegrinaggi mariani. Ogni parrocchia ha un gruppo di candele che portano candele a Nossa Senhora de Fátima.
  • Ostia: è il termine usato per indicare il pane consacrato che viene donato alla fine di ogni Messa. Il pane più comune è il pane azzimo.
  • Immacolata Concezione: L’Immacolata Concezione si celebra l’8 dicembre e invoca la vita e la virtù della Vergine Maria, Madre di Gesù. l’Immaculada da Conceição è una festa religiosa molto importante per il Portogallo perché il 25 marzo 1646 il re Dom João IV (1604-1656) dichiarò che Nossa Senhora da Conceição sarebbe stata la patrona e la regina del Portogallo nella chiesa di Nossa Senhora da Conceição in Vila Viçosa. Da questo momento in poi, nessun re ha indossato una corona.
  • Processione a lume di candela: la processione a lume di candela riunisce ogni anno migliaia di persone nel santuario. Ognuna di queste persone ha una candela accesa e recita il rosario. Dopo la Messa inizia la Processione delle Candele tra Capelinha e il Santuario. La processione si svolge tra maggio e ottobre.
  • Processione Adeus: è la processione che segna la fine delle celebrazioni del 13 maggio. La processione parte dall’altare del recinto e si conclude a Capelinha das Aparições
  • Rosa de Ouro: è una delle più grandi distinzioni che possono essere attribuite dal Vaticano. La Rosa d’Oro è stata assegnata da Papa Leone IX (1049-1054) al fine di distinguere governanti, santuari o città che hanno contribuito alla Chiesa cattolica. Fátima ha ricevuto tre rose d’oro **: una nel 1965 assegnata da Papa Paolo VI nel 1965, un’altra da Papa Benedetto XVI nel 2010 e l’ultima da Papa Francesco nel 2017. La benedizione delle rose d’oro si tiene la Domenica della Gioia, alla fine di Quaresima.
    Sacro Lausperene Il Lausperene è l’esposizione continua del Santissimo Sacramento dell’Eucaristia, cioè l’ostia sacra ai credenti. Il Lausperene è esposto, nella maggior parte dei casi, per circa quaranta minuti in onore del tempo trascorso da Gesù Cristo nella tomba fino alla sua risurrezione
  • Teofania: La Teofania descrive una manifestazione visibile di Dio, qualunque cosa Egli voglia.
  • Venerabile: è colui che ha la santità ma non è stato ancora canonizzato.
  • Veggente: è colui che osserva i fenomeni soprannaturali.

Cronologia degli eventi del Santuario di Fátima

  • 13 maggio 1917: prima apparizione della Madonna di Fatima
  • 13 giugno 1917: seconda apparizione della Madonna di Fatima
  • 13 luglio 1917: Terza apparizione della Madonna di Fatima
  • 19 agosto 1917: quarta apparizione della Madonna di Fatima
  • 13 settembre 1917: Quinta apparizione della Madonna di Fatima
  • 13 ottobre 1917: Sesta Apparizione della Madonna di Fatima e Miracolo del Sole
  • 17 gennaio 1918: viene istituita la Diocesi di Leiria
  • 4 aprile 1919: morte di Francisco
  • 20 febbraio 1920: morte di Jacinta
  • 28 aprile – 15 giugno 1919: costruzione della Capelinha das Aparições
  • maggio 1920: prima immagine della Madonna di Fatima
  • 17 giugno 1921: partenza di Suor Lucia per il manicomio di Vilar a Porto
  • Settembre 1921: il vescovo di Leiria Dom José Alves Correia da Silva visita Cova da Iria
  • Ottobre 1921: la prima messa viene celebrata nella Capelinha das Aparições
  • 6 marzo 1922: Capelinha das Aparições fu dinamizzata
  • 13 ottobre 1923: Inizia la pubblicazione di Voice of Fatima
  • 13 maggio 1928: inizia la costruzione della Basilica delle Apparizioni
  • Dicembre 1929: Papa Pio XI ha benedetto un’immagine della Madonna di Fatima che sarebbe andata al Collegio portoghese a Roma
  • 13 ottobre 1930: in una Lettera Pastorale il Vescovo di Leiria conferma la verità delle visioni dei Tre Pastorelli e autorizza ufficialmente il culto di Nostra Signora di Fátima
  • 31 ottobre 1942: Papa Pio XII ha consacrato il mondo al Cuore Immacolato di Maria
  • 13 maggio 1946: Papa Pio XII inviò il cardinale Masella a Fatima per incoronare la statua della Madonna di Fatima
  • 13 maggio 1946: ritorno di Suor Lucia a Fátima
  • 13 maggio 1948: Lucia è entrata a far parte dell’Ordine dei Carmelitani Scalzi a Coimbra
  • 1952: inizia la canonizzazione di Francisco e Jacinta
  • 1964: Papa Paolo VI ha dichiarato Nostra Signora di Fatima Madre della Chiesa e ha donato la Rosa d’Oro al Santuario di Fatima
  • 13 maggio 1967: Papa Paolo VI fece un pellegrinaggio a Fatima. È stato l’anno in cui Fatima è diventata il luogo principale in cui pregare per la pace mondiale
  • 19 settembre 1977: Fátima è stata elevata alla categoria di villaggio
  • 1979: consegna della canonizzazione di Francesco e Giacinta in Vaticano
  • 13 maggio 1982: Papa Giovanni Paolo II va in pellegrinaggio a Fatima per ringraziare la protezione divina durante l’attacco subito nel 1981 a Roma e per consacrare Uomini e Popoli al Cuore Immacolato di Maria
  • 1984: l’Immagine della Madonna di Fatima viene inviata a Roma per Papa Giovanni Paolo II per rinnovare la consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria
  • 1989: il proiettile che ha colpito Papa Giovanni Paolo II era incastonato nella corona dell’immagine della Madonna di Fatima
  • 13 maggio 1991: Giovanni Paolo II ha visitato Fatima, dieci anni dopo l’attacco subito
  • 4 luglio 1997: Fátima è stata elevata alla categoria di città
  • Dall’11 al 14 maggio 2010: Papa Benedetto XVI ha visitato il Portogallo e ha celebrato la messa a Lisbona, Praça do Comércio davanti a circa 500mila persone. Durante la visita si è recato anche a Fátima e Porto
  • 12 e 13 maggio 2017: Papa Francesco ha canonizzato Francesco e Giacinta
error: