Veduta aerea della Città di Beja, con le mura del Castello di Beja, la Porta de Évora, la Cattedrale e la vista dei dintorni

Veduta aerea della Città di Beja, con le mura del Castello di Beja, la Porta de Évora, la Cattedrale e la vista dei dintorni

Beja

La città di Beja è un'antica città situata nel basso Alentejo, con una cultura agricola tradizionale, paesaggi caratterizzati da piantagioni e strade e piazze con caratteristiche spiccatamente storiche ed ecclesiastiche. A Beja troviamo una grande varietà di attrazioni, una città circondata dalla campagna, con castelli e musei, parchi naturali ed edifici religiosi. È una città dove troviamo la memoria storica molto presente nelle chiese, conventi e monumenti che caratterizzano il paesaggio bejense. Il vecchio aspetto della città dell'Alentejo si interseca con il passaggio di altri popoli, come i Mori o Visigoti, che hanno influenzato la cultura e le usanze di Beja, impresso anche sullo stemma della città, dove un toro simboleggia un'antica narrativa. La leggenda narra che un serpente oscuro terrorizzò gli abitanti di Beja, quando la popolazione decise di collocare un toro avvelenato nella foresta per liberarsi della creatura. È questo tipo di racconti e miti che conferiscono un lato misterioso alla regione di Beja e riempiono l'immaginazione di tutti coloro che visitano la città di Beja. Beja è la capitale distrettuale più calda del paese, con inverni miti ed estati calde e lunghe.

Attrazioni da visitare nella città di Beja

Il centro storico della città di Beja:

Praça da República: è il cuore di Beja, che corrisponde al centro politico e amministrativo della città. Fu in questa piazza che si tenevano feste, corride, rappresentazioni teatrali durante il Medioevo e l'Età delle Scoperte. Praça da República ospita edifici come la Igreja da Misericórdia, la sede del Conservatorio Regionale del Baixo Alentejo installato in un palazzo del XVI secolo, la Finanza in un palazzo del XVII secolo, la prigione della città vecchia e il municipio inaugurato nel 1953 Il Largo de Santo Amaro, luogo in cui ha funzionato il mercato della riforma agraria dopo il 25 del 1974, merita di essere evidenziato dalla Igreja de Santo Amaro, dove si trova il Centro visigoto del Museo regionale di Beja. Largo de São João, la zona più recente del centro storico. Le sue principali attrazioni sono il centenario Clube Bejense, il Cine-Teatro Pax Julia inaugurato nel 1928, una scultura di Noémia Cruz al centro della piazza e Travessa do Cepo, che integra la città medievale di Beja, con enfasi sull'arco gotico . La Rua do Sembrano, che evidenzia il Núcleo Museológico da Rua do Sembrano, che comprende le mura dell'età del ferro, rovine di terme romane e pannelli di piastrelle moderne che alludono al tema dell'acqua e della paternità del pittore Rogério Ribeiro. E la Praça Diogo Fernandes, che evidenzia il Jardim do Bacalhau dove troviamo una moderna scultura in ferro di Jorge Vieira dedicata al Prigioniero politico sconosciuto.

Castello di Beja

Castelo de Beja: è il monumento più popolare ed emblematico di Beja, un castello medievale ben tenuto situato nel centro della città, con un muro che circonda la città vecchia. Il castello di Beja è noto per avere il mastio più alto della penisola iberica, alto quasi 40 metri, e un'incredibile volta con una stella a otto punte. Il castello ha una presenza imponente grazie alla sua torre e per le caratteristiche architettoniche degli stili manuelino, gotico, manierista e romanico. È un monumento direttamente legato alla storia del Portogallo, dove possiamo visitare la Casa do Governador, il meraviglioso mastio, e camminare lungo il perimetro delle mura che circondano la città vecchia con una vista panoramica privilegiata su Beja e i dintorni della città. Il vecchio recinto di Castelo de Beja era composto da quaranta torri e quattro porte principali, le porte di Évora, le porte di Mértola, le porte di Avis e le porte di Aljustre. Nel corso dei secoli sono state aggiunte tre porte al muro, le porte Moura, le porte São Sisenando e le porte Corredoura. La Porta de Évora, conosciuta anche come l'Arco Romano di Beja, è l'ingresso principale accanto al castello. All'interno del castello troviamo dal 2019 il museo d'arte contemporanea Jorge Vieira.

Beja City Park

Il Parque da Cidade è un tipico giardino per il tempo libero molto ricercato dalla popolazione locale. Situato a ovest della città di Beja, è stato costruito nel 2004 con un ampio lago situato al centro, diversi giardini per attività ricreative e servizi. Qui troviamo un ristorante, terrazza e chiosco, un parco giochi, un piccolo halfpipe per pattini e pattini, un'area dedicata agli animali domestici, tavoli e panchine per i picnic. C'è un'area con attrezzature sportive ad uso dei visitatori. Il Parque da Cidade de Beja si distingue dal paesaggio urbano, per l'esistenza di molti spazi verdi, dove si intravede una grande diversità di piante, vale a dire salici, pioppi, fichi e alberi da sughero tipici dell'Alentejo. Questo parco garantisce un miglioramento ambientale nella regione con la sua macchia verde e funge da palcoscenico per attività varie come giochi con la palla, escursionismo, ciclismo, lettura o yoga.

Attrazioni da visitare nel distretto di Beja

Parco naturale del sud-ovest dell'Alentejo e della Costa Vicentina

Parco Naturale Sudoeste Alentejano e Costa Vicentina: è un parco naturale ipotizzato come una delle zone costiere più belle del mondo, con un'estensione costiera superiore a 100 km, delimitato a nord dal torrente Junqueira a São Torpes, nel distretto di Setúbal ea sud dalla spiaggia di Burgau in Algarve, distretto di Faro. Il parco è una delle perle dell'Alentejo a causa della grande diversità di monumenti, isolotti, spiagge selvagge con increspature dell'Atlantico, scogliere calcaree, vegetazione protetta, uccelli migratori, sentieri, piccole città e villaggi e molti punti di interesse che attraggono migliaia di visitatori ogni anno. Le spiagge con ampie sabbie catturano l'attenzione dei surfisti, mentre gli amanti della natura visitano il Parco Naturale del sud-ovest dell'Alentejo e la Costa Vicentina per scoprire la punta di Sagres, dove troviamo la Fortaleza de Sagres in cabo di São Vicente. L'aspetto del parco subisce radicali metamorfosi di stagione in stagione, che attira molti visitatori durante tutto l'anno. Con dozzine di spiagge lungo la costa occidentale e meridionale, il Parque Natural do Sudoeste Alentejano e Costa Vicentina è conosciuto in tutto il mondo come destinazione per il surf, da São Torpes a Zavial sulla costa meridionale, passando per dozzine di spiagge, elencando da nord a sud le più conosciute: spiaggia di Samoqueira, spiaggia di Buizinhos e spiaggia di Porto Covo a Porto Covo, spiaggia di Franquia e spiaggia di Furnas a Vila Nova de Milfontes, spiaggia di Almograve, spiaggia di Cavaleiro, spiaggia di Zambujeira do Mar, spiaggia di Amália, spiaggia di Adegas e Odeiceixe spiaggia, spiaggia Vale dos Homens, spiaggia Carriagem, spiaggia Amoreira alla foce della Ribeira de Aljezur, spiaggia Monte Clérigo e spiaggia Fateixa a Monte Clérigo, spiaggia Medo da Fonte Santa, spiaggia Arrifana nel villaggio di Arrifana, spiaggia Pedra Agulha, spiaggia Canal, Vale Spiaggia di Figueiras, spiaggia di Bordeira e spiaggia di Amado nel villaggio di Carrapateira, spiaggia di Cordoama e spiaggia di Castelejo a Vila do Vescovo; la spiaggia di Ponta Ruíva in un luogo completamente immerso nella natura selvaggia, e le spiagge del villaggio di Sagres, ovvero Praia do Beliche, Praia do Tonel, Praia da Marteta e Praia do Martinhal. Il Parco Naturale del sud-ovest dell'Alentejo e della Costa Vicentina ha le principali attrazioni naturali:

  • As Scogliere e scogliere sull'isola di Pessegueiro, Cabo Sardão, Carrapateira, Cabo de São Vicente;
  • A Fauna, con circa 200 specie di avifauna, 26 delle quali nidificano su scogliere. Una menzione speciale va fatta alla cicogna bianca (l'unica al mondo a nidificare sulle scogliere marine), al falco pellegrino, l'uccello più veloce del parco naturale, che raggiunge una velocità di immersione di circa 385 km / h;
  • A Flora, con circa 750 specie di flora, di cui 12 esistono solo in questa località;
  • Le zone fluviali di pesca vietate, vale a dire la riva del fiume Seixe, il fiume de Aljezur, il fiume Bordeira e il fiume Mira;
  • Le zone marittime di pesca vietate, vale a dire Burrinho, Atalaia, Carraca, Agulha, Santoleiro, Baía da Nau, Gaivotas, Gigante, Ilha do Pessegueiro, Cabo Sardão, gli isolotti di Martinhal e l'area di Rogil;

Parco naturale della Valle del Guadiana

Il Parco naturale della Vale do Guadiana è un parco naturale protetto creato nel 1995 per preservare la sezione del fiume Guadiana, situato intorno al villaggio di Mértola. L'area del parco è limitata ad una zona di pianura, collina e vallata che si estende lungo il bacino idrografico della Valle del Guadiana con una fauna e una flora estremamente ricche, che includono vegetazione mediterranea protetta dall'intervento umano, con la presenza di uccelli rupicoli lungo il territorio che costituisce il Parco Naturale. Qui troviamo diversi sentieri escursionistici dove possiamo osservare gli uccelli, il parco è un importante corridoio per gli uccelli migratori e habitat per i rapaci, e trovare alcune specie uniche al mondo, come il pesce Saramugo. Oltre a tutti questi attributi naturali, possiamo visitare diverse attrazioni nel Parco Naturale della Vale do Guadiana, come le cascate di Pulo do Lobo, il villaggio-museo di Mértola che ha più di mille anni, il Castelo de Mértola, la Cappella di Nossa Senhora das Neves, la Chiesa Madre di Nossa Senhora da Anunciação, il Museo di Mértola – Nucleo della Basilica Paleocristana, il Ponte de Mértola un ponte secolare sul torrente Oeiras dichiarato Monumento Nazionale, la spiaggia fluviale Azenhas do Guadiana, la spiaggia fluviale di Tapada Grande e la Mina de S Domingos, un complesso minerario abbandonato. Nel Parco Naturale della Vale do Guadiana presenta le principali attrazioni naturali:

  • I Geositi, ovvero la cascata Pulo do Lobo; la sequenza stratigrafica di Pomarão con rocce vulcaniche con caratteristiche uniche nella penisola iberica e con un'età approssimativa di 350 milioni di anni; e la miniera di São Domingos, una miniera esplorata dal periodo romano fino al 1962, essendo stata ricca di rame, zolfo, oro, piombo e zinco;
  • Il Patrimonio composto dal Centro di Interpretazione del Paesaggio di Amendoeira, dal Centro di Studi Ambientali e Consapevolezza del Monte do Vento e dalla Spiaggia Fluviale di Tapada Grande;
  • E i Punti di interesse composti da Moinho dos Canais, Rocha da Galé, Azenhas do Guadiana, Penha da Águia, Ribeira do Vascão, Antas das Pias, Azinhal (Zona di alimentazione delle gru), Monte da Balança con la diga dei corvi.

Cascata Pulo do Lobo

La Cascata Pulo do Lobo è una cascata situata sul fiume Guadiana, a cui si accede dalla Herdade do Pulo do Lobo, caratterizzata dalla spettacolare caduta di acque cristalline a più di 20 metri di altezza attraverso le spesse rocce. L'acqua della cascata cade nel fiume con violenza provocando uno spettacolare effetto cascata. La cascata Pulo do Lobo è stata menzionata come una delle meraviglie naturali del Portogallo. Il nome della cascata deriva da una leggenda, secondo la quale un lupo riuscì ad attraversare le esili sponde del fiume con un solo salto. Pulo do Lobo è un luogo di forte energia tellurica, con il rumore dell'acqua, l'atmosfera nebbiosa, la corrente del fiume. Il pericolo di caduta esiste per i più distratti, tuttavia l'area consigliata per l'osservazione della cascata è protetta da un balcone. Le rive della cascata Pulo do Lobo sono rocciose e ripide, con il fiume Guadiana sullo sfondo. Per accedere alla cascata sulla riva portoghese, dobbiamo entrare in Herdade do Pulo do Lobo, dove troviamo un cancello. A questo punto c'è l'indicazione che possiamo aprire il cancello per entrare, tuttavia sono grati che lo lasciamo chiuso dopo il passaggio.

Isola di Pessegueiro, Forte Ilha de Fora, Spiaggia di Pessegueiro e Forte Nossa Senhora da Queimada

Ilha do Pessegueiro: è una piccola isola senza spiaggia di sabbia situata a sud di Porto Covo, integrata nel Parco Naturale del Sudovest dell'Alentejo e della Costa Vicentina. L'unico edificio esistente sull'isola è il Forte di Santo Alberto do Pessegueiro, noto anche come Forte da Ilha de Fora, con l'antica funzione di incrociare i fuochi con il Forte di Nossa Senhora da Queimada, classificato come monumento nazionale, situato vicino alla spiaggia di Ilha do Pessegueiro. Si tratta di una costruzione di difesa militare eretta su roccia arenaria e presenta una pianta omologa, rinforzata da bastioni triangolari con muri di terrapieno, realizzata nel XVII secolo con l'obiettivo di impedire l'avanzata dei pirati. Il terremoto del 1755 provocò ingenti danni alle fortezze nel loro complesso. Di fronte all'isola, sulla terraferma troviamo Praia do Ilha do Pessegueiro, una spiaggia di circa 750 metri di sabbia e roccia, orientata a ovest, situata 2 km a sud di Porto Covo, di fronte al Porto Campeggio Covo. Quest'isola è stata immortalata nella canzone "Porto Covo" composta dal musicista portoghese Rui Veloso.

Castello di Mértola

Castello di Mértola: è un castello eretto nel XIII secolo dai Cavalieri dell'Ordine di Santiago, situato nel villaggio di Mértola (distretto di Beja) in una posizione elevata sul villaggio e sul fiume Guadiana. Si tratta di un castello in stile gotico, che ha subito nel corso dei secoli diverse trasformazioni e restauri dovuti alla presenza di romani e arabi. Il Castello di Mértola comprende un mastio di circa 30 metri, due torri più piccole e una cisterna al centro della Plaza de Armas. Il castello ha beneficiato di lavori di riparazione nel secolo scorso e la Torre de Menagem funge oggi da area espositiva per scoperte archeologiche di epoca romana, visigota, islamica e portoghese. Oltre agli attributi storici e all'eccellente stato di conservazione, uno degli aspetti più apprezzati del Castello di Mértola è l'ampia vista del villaggio di Mértola e del fiume Guadiana attraverso la parte superiore delle mura. Da qui possiamo vedere le altre parrocchie. A sinistra del Castello di Mértola troviamo la chiesa madre, un'antica moschea trasformata in chiesa dopo la riconquista dei cristiani.

Castelo de Moura

Castelo de Moura: è un edificio medievale del XIII secolo situato sulla riva sinistra della Guadiana, un tempo in cui Moura fu occupata per la prima volta dai cristiani. I portoghesi approfittarono delle fortificazioni lasciate dagli arabi per costruire e aumentare le dimensioni del castello con l'aumento della popolazione. Castelo de Moura ha subito diversi cambiamenti architettonici nel corso degli anni, i punti salienti principali sono stati la costruzione del Convento di Nossa Senhora da Assunção e delle Torri dell'orologio. Oltre alla magnificenza del monumento e alla posizione proprio nel cuore della città di Moura, il castello è un'attrazione per la sua pianta rettangolare in stile manuelino e per lo stile gotico del mastio, con la Sala dos Alcaides a pianta ottagonale piano coperto attraverso una volta a croce di testate. La leggenda di Moura Salúquia dice che la città di Moura fu conquistata dai Mori a causa di un errore della principessa Salúquia, che confuse erroneamente i fratelli di D. Afonso Enriques mascherati in abiti musulmani con cavalieri islamici, permettendo loro di entrare nel castello. Questi sconfissero i Mori e conquistarono la fortezza e il villaggio, ribattezzandoli "Terra da Moura Salúquia", originando il nome della città di Moura.

Centro Ciência Viva do Lousal

Il Centro de Ciência Viva do Lousal è uno spazio dinamico per la conoscenza e il tempo libero, il cui obiettivo principale è diffondere la cultura scientifica e tecnologica alla popolazione. Il luogo ti invita a viaggiare indietro nel tempo, dove possiamo vedere una rappresentazione della miniera Lousal ormai estinta con migliaia di minatori in piena attività. Sebbene il lato scientifico e la conoscenza siano al centro del Centro Ciência Viva do Lousal, c'è spazio anche per affrontare altre questioni del tempo attraverso contenuti interattivi dedicati alla geologia, fisica, chimica, matematica, computer grafica o biologia. Il museo industriale che attualmente ospita il Centro Ciência Viva do Lousal era un vecchio complesso minerario tra il 1934 e il 1992. Dopo alcuni adattamenti, questo centro ha iniziato ad avere una grotta virtuale, sale per l'esposizione dei contenuti, un laboratorio, un auditorium, un cybercafé e un punto di vista. Il Centro Ciência Viva è un modo fantastico per le famiglie di unire conoscenza e divertimento in un'unica attività.

Museo regionale di Beja – Museo Rainha D. Leonor

Il Museu Regional de Beja – Museu Rainha D. Leonor è il museo più antico del Portogallo, essendo stato inaugurato nel 1791. Si trova nei resti del vecchio Convento da Conceição, in la parrocchia Santa Maria da Feira e la città di Beja. Conosciuto anche come Museo Rainha Dona Leonor, questo spazio documenta le diverse culture presenti nell'Alentejo dalla preistoria ai giorni nostri attraverso un'immensa tenuta, proveniente da altri conventi e palazzi della regione. La collezione principale presenta pezzi di archeologia romana, trovati durante l'impero di Giulio Cesare, che rivelano l'occupazione di questo territorio. Il museo ha subito diversi lavori di ampliamento e restauro nel corso degli anni, che hanno permesso di concentrare nello stesso luogo una combinazione di pezzi di stili diversi come il gotico, il manuelino o il barocco. La bellezza delle piastrelle, della pittura, della scultura e dell'intaglio che si trovano al suo interno ci colpisce per la sua grandezza. Dal 1991 il museo è entrato a far parte della Igreja de Santo Amaro, considerata uno dei nuclei visigoti più importanti della penisola iberica.

Castello di Serpa

Castelo de Serpa è un edificio medievale del XIII secolo, dai tempi della riconquista cristiana nella penisola iberica. Il castello si trova nell'União de Freguesias de Serpa, che unisce Salvador e Santa Maria, nel centro storico del comune di Serpa, a circa duecentotrenta metri sul livello del mare. Il Castelo de Serpa è un ottimo esempio di architettura militare, gotica e manierista, con una pianta rettangolare, le mura bastionate a nord e un mastio a sud. Il muro del castello è rinforzato da cubi e torri quadrangolari con la Porta de Beja e la Porta de Moura, due porte monumentali. In passato c'erano anche Porta da Corredoura, Porta de Sevilha e Porta Nova. L'imponente Torre dell'Orologio si trova nella vicina piazza Igreja de Santa Maria, un'antica moschea musulmana. Dalle mura del castello si può godere di una vista panoramica sulla città di Serpa.

Faro di Cabo e Sardão

Cabo Sardão è la più grande prominenza della costa occidentale tra Cabo de Sines e Cabo de São Vicente. Situato sulla costa dell'Alentejo sull'Oceano Atlantico, nel comune di Odemira e nel distretto di Beja, Cabo Sardão è caratterizzato dalla comunione tra il paesaggio terrestre e marino, dove spicca il contrasto tra le vaste pianure verdi e i ripidi pendii verso la punta in direzione del mare. Lungo la costa possiamo vedere coppie di cicogne bianche che hanno scelto questo luogo per la nidificazione. Con una certa attenzione, possiamo anche identificare falchi pellegrini, torri dal becco rosso o francoho. Qui troviamo il Farol do Cabo Sardão, una torre quadrata bianca alta 17 metri, costruita in muratura con una lanterna cilindrica rossa nella parte superiore. In funzione dal 1915, questo faro ha un'ampiezza luminosa di 23 miglia. Le zone circostanti ci invitano a passeggiate o momenti di introspezione, approfittando del contatto con la natura, del rumore dell'Oceano Atlantico e del profumo tipico delle zone costiere.

Diga di Monte da Rocha

La diga Monte da Rocha integra la parte occidentale del Baixo Alentejo, più precisamente la parrocchia di Panóias e il comune di Ourique. La sua attrazione sono i suoi dintorni di bellezza naturale e un gigantesco scarico che cattura l'attenzione per un effetto a spirale dell'acqua che scompare in un buco. Questo scarico si trova nella parte superiore settentrionale della diga. Lungo l'area della diga del Monte da Rocha possiamo intravedere diverse specie di uccelli. La diga è utilizzata principalmente per l'agricoltura, ed sono i paesaggi circostanti che attirano curiosi da diversi angoli del mondo per passeggiate nella natura, birdwatching, fotografia e alla scoperta della regione.

Museo della scrittura sudoccidentale

il Museu da Escrita do Sudoeste è un museo storico situato nel villaggio di Almodôvar, con una raccolta delle principali testimonianze della cosiddetta “scrittura del sud-ovest”. Questa scrittura era usata dai Tartesso, un popolo iberico dell'età del ferro, che si concentrava nelle regioni dell'Algarve, dell'Andalusia e del Baixo Alentejo. La scrittura su pietra è la testimonianza fisica più accentuata di questo popolo, con l'Alentejo che è l'area in cui queste tracce sono più presenti. La scomparsa di questo popolo iberico manca ancora di una solida spiegazione oggi, tuttavia il Museo della scrittura sudoccidentale raccoglie molte informazioni sui Tartessi. Il museo ospita l 'Estela de São Martinho, un pezzo di grandi dimensioni, forse la più grande attrazione tra i vari manufatti legati ai Tartessi. Questo pezzo è considerato una delle iscrizioni più complete della scrittura tartesica, contenente circa 60 segni.

Museo Severo Portela

Museo Severo Portela
Il Museu Severo Portela è uno spazio che rende omaggio alla vita e all'opera del pittore Severo Portela Júnior, situato nel comune di Almodôvar. Le circa 40 opere trovate nel museo furono donate dal pittore alla Camera di Almodôvar prima della sua morte nel 1985. Il museo si trova in Praça da República, ex Paços de Concelho, in un edificio del XVI secolo dove si dice che D. Sebastião trascorse la notte in un passaggio di Almodôvar nel 1573. Le opere di Severo Portela Júnior sono dipinti ad olio, disegni, sculture e studi dell'artista, divenuto famoso nel XX secolo. Il legame di Severo Portela con Almodôvar è avvenuto perché l'artista si innamorò di una signora in questa località e decise di trasferirsi in Alentejo, dedicando 30 anni al villaggio, riflesso nel museo. Al piano terra è allestita una mostra dal titolo “Calzolaio – Memorie di un mestiere”, che promuove e rende omaggio alle calzature e agli artigiani della regione. Il museo dispone anche di una piccola biblioteca con sala lettura.

Chiesa di Nostra Signora dell'Assunzione

La Chiesa di Nossa Senhora da Assunção, o Chiesa di Nossa Senhora de Entrevinhas è attualmente la chiesa madre di Mértola. È stato originariamente costruito come moschea, durante l'occupazione degli arabi. Successivamente fu trasformato in chiesa dopo la riconquista cristiana. Nonostante i cambiamenti, il sito mantiene molti dettagli della vecchia moschea, come gli archi a ferro di cavallo, le porte e le finestre o le varie colonne che sostengono il soffitto a volta. Questa miscela dei vari popoli che sono passati per Mértola funge da epitome per la cultura della città. È una costruzione semplice, senza molta opulenza e con una bellezza minimalista. Si presenta come un perfetto esempio della fusione tra caratteristiche architettoniche di arabi e cristiani, in quanto ci permette di osservare contemporaneamente in questo edificio la nicchia della preghiera musulmana (il mihrab), e alcune caratteristiche dello stile manuelino. Questa chiesa si trova vicino al Castello di Mértola.

Basilica reale di Nossa Senhora da Conceição

La Basilica Reale di Nossa Senhora da Conceição è un importante tempio nella parrocchia e nel comune di Castro Verde, che si distingue per il rivestimento murale in piastrelle del XIX secolo con immagini della battaglia di Ourique. Questa battaglia ebbe luogo nel 1139 e la sua importanza storica è inevitabile, poiché culminò con l'espulsione degli arabi da parte delle truppe cristiane di D. Afonso Henriques, incoronato re del Portogallo. Questa chiesa fu ricostruita da zero nella prima metà del XVIII secolo in onore della città per il suo contributo alla storia del paese. La Basilica Reale di Nossa Senhora da Conceição è stata progettata dall'architetto João Nunes, noto per la grandiosità dei suoi edifici. I cicli di piastrelle e la pittura morale ispirata alla guerra sono l'attrazione principale di questo sito, tuttavia possiamo apprezzare anche gli altari dorati che così caratterizzano lo stile portoghese. Qui troviamo il Tesoro della Basilica, un insieme di pezzi di arte sacra che fanno parte del Dipartimento per i beni storici e artistici della Diocesi di Beja.

Igreja do Carmo, Beja

L 'Igreja do Carmo è una chiesa confraternita tipicamente settecentesca con una facciata semplice e un timpano triangolare sormontato da pinnacoli. Si trova in Largo do Carmo a Beja, ex sito della Cappella di Santa Catarina. Questo vecchio edificio ha un contesto urbano, ordinato dalla vedova di Diogo Fernandes de Beja, un famoso capitano delle forze armate dell'India. Lo stile architettonico di questo monumento è tipicamente religioso e presenta elementi di carattere barocco, rococò e neoclassico. Il portale d'ingresso è tipicamente barocco, l'altare e il pulpito si adattano allo stile rococò con gli altari laterali in uno stile che ricorda il neoclassico. La Igreja do Carmo è stata oggetto di lavori di restauro alla fine degli anni '80 con lo scopo di recuperare e conservare i diversi elementi della costruzione, ma anche con l'obiettivo di ampliare gli annessi e posizionare una nuova copertura. La Igreja do Carmo è attualmente adibita a chiesa parrocchiale, e si distingue per la sua struttura mista, dove le pareti in muratura di pietra e calce, intonacate e imbiancate si mescolano a portali ed elementi secondari in muratura, pale d'altare dorate e policrome.

Casa-Museu Quinta da Esperança

La Casa-Museu Quinta da Esperança è una casa padronale risalente alla fine del XVI secolo, situata nel villaggio di Cuba, appartenente al distretto di Beja. La Casa-Museu ha uno stile molto Alentejo, dove spicca la pittura bianca con linee blu, e comprende vari temi storici e culturali della regione, dimostrando una forte tradizione agricola e di tauromachia. L'edificio ha quattro piani con più di 200 stanze. Attualmente sono 25 le sale esposte aperte al pubblico, tra cui l'emblematica Cappella e i dintorni del museo, quindi occorrono circa 90 minuti per poter visitare tutti gli angoli del luogo con la dovuta attenzione. In quanto dimora nobiliare, Quinta da Esperança ha avuto l'onore di ospitare la regina D. Maria II, il re D. Pedro V e il re D. Luís, tre membri della famiglia reale portoghese durante le loro visite a Beja.

Museo della Ruralità

Il Museu da Ruralidade è un centro dedicato a tre aree espositive, le mostre temporanee di oggetti tipici delle caratteristiche rurali della regione, le mostre che comprendono una bottega di fabbro o la collezione degli ultimi bottiglia di Castro Verde e Núcleo da Oralidade, dove è possibile entrare in contatto con la documentazione del patrimonio immateriale della regione. Il Museo della Ruralità si trova nella parrocchia di Entradas, nel comune di Castro Verde. In funzione dal 2011, questo museo ospita una raccolta di strumenti, attrezzature e macchine legate al mondo rurale, cercando di mostrare le caratteristiche e le specificità dell'oralità del patrimonio immateriale delle terre di Campo Branco. Qui possiamo trovare una trebbiatrice fissa, un aratro, una raccoglitrice di semi o una pressa manuale con le definizioni appropriate e i dati storici. Possiamo sentire i suoni della viola campaniça, che ritraggono gran parte della cultura del popolo dell'Alentejo.

Villa Romana de Pisão

Villa Romana de Pisão è un sito archeologico situato a 10 km dalla città di Beja a Herdade da Almocreva, scoperto nel 1967 durante le attività agricole. Il monumento è una delle principali ville romane che è costituita da una grande casa padronale di epoca romana, occupata dal I secolo al dominio visigoto. Si distingue per l'ottimo stato di conservazione, che permette di apprezzare nel dettaglio la ricchezza dei suoi mosaici e delle terme. L'edificio è parzialmente scavato e presenta 48 stanze centrate su un peristilio, una serie di colonne in stile greco che circondano l'edificio. La diga Pisão si trova a circa 200 metri di distanza ed è stata utilizzata per alimentare i serbatoi, le terme e le piscine della villa. Una delle stanze ha una vasca con rivestimento di mosaici marini, che mirava a controllare la temperatura della stanza in modo che gli abitanti potessero ripararsi dal caldo. Sono inoltre presenti le tracce di quattro strutture funerarie costruite parallelamente alla piscina e destinate ai membri più abbienti della villa. In poco più di 60 minuti è possibile fare una visita completa a Villa Romana de Pisão.

Diga di Alqueva

Diga di Alqueva: è la diga più importante dell'Alentejo, il più grande lago artificiale d'Europa, che ha contribuito alla crescita della coltivazione agricola negli ultimi anni nella regione dell'Alentejo superiore e inferiore. La diga si trova sul fiume Guadiana, essendo stata costruita allo scopo di produrre energia, creare un sistema di irrigazione per l'Alentejo e sviluppare l'agricoltura. Alla diga di Alqueva è ricercata per varie attività, vale a dire pesca, caccia, escursionismo, equitazione, gite in barca, voli in mongolfiera, mountain bike, sport acquatici e spiaggia fluviale. La diga di Alqueva copre i comuni portoghesi di Alandroal, Moura, Mourão, Reguengos de Monsaraz e Portel. E i comuni spagnoli di Alconchel, Cheles, Olivença e Villanueva del Fresno. Ad Alqueva consigliamo di visitare il villaggio museo nel castello di Monsaraz, il Castelo de Mourão, il villaggio di Luz, un villaggio che era parzialmente sommerso quando fu inaugurata la diga nel 2002, il castello romano di Lousa, il villaggio fortezza di Monsaraz, con highlight al Centro Nautico di Monsaraz e al festival biennale “Monsaraz Museu Aberto”, il villaggio di Campinho, il villaggio di Amieira, il villaggio di Estrela, il porto turistico di Amieira, attualmente la più grande infrastruttura nautica della diga di Alqueva, Alqueva, il villaggio di Capelins, il villaggio di Juromenha, il villaggio di Granja, il villaggio di Marmelar, il villaggio di Mina de da Orada, il villaggio di Monte Trigo, il villaggio di Pedrógão, il villaggio di Póvoa de São Miguel e il villaggio di Telheiro.

Barragem do Roxo

La diga Roxo è una diga mista, costituita da cemento nella parte più profonda della valle e terra e roccia sulla riva destra del torrente. Si trova nella parrocchia di Ervidel, nella Ribeira do Roxo, un affluente del fiume Sado. La diga è stata inaugurata nel 1967 per rifornire i comuni di Beja e Aljustrel ed è principalmente destinata all'irrigazione. Inoltre, la diga di Roxo viene utilizzata per la pesca e gli sport acquatici come il nuoto, le barche a vela o il windsurf. Il muro della diga è alto 35 metri e si estende per 864 metri di terra e cemento. Questa infrastruttura è inclusa in un paesaggio pianeggiante, dove il terreno non è molto accidentato e possiamo camminare tra pascoli e seminativi aridi. Questa diga si trova ad Albufeira do Roxo e rappresenta il patrimonio naturale e paesaggistico più rilevante di questa regione.

Diga di Santa Clara

Barragem de Santa Clara è un bacino idrico situato nella parrocchia di Odemira con una superficie di circa 2000 ettari. Inaugurata dall'Estado Novo Português nel 1969 con l'obiettivo di irrigare l'intero comune di Odemira, questa diga alimentata dal fiume Mira era una volta la più grande diga portoghese. Contrariamente a quanto è consuetudine, il materiale utilizzato per costruire questa infrastruttura era la terra e non il cemento. All'epoca era una costruzione pionieristica. Intorno alla diga, possiamo vedere colline e valli con querce da sughero e lecci. Ci sono anche percorsi regolari per la corsa e altri più accidentati con indicazioni per esplorare le aree periferiche. Nelle acque specchiate della diga di Santa Clara ci sono luoghi per la pesca sportiva, canottaggio e canoa, e qui vivono specie come carpe, spigole, gamberi o scorfani. La grandiosità della diga è impressionante se vista attraverso il muro o la cima delle valli. Qui troviamo un luogo tranquillo e adatto per rilassarsi a contatto con la natura.

Diga di Odivelas

La diga di Odivelas è una delle più grandi dighe del Baixo Alentejo. È stato costruito nel 1972 sul letto del torrente Odivelas, vicino al villaggio di Odivelas nel comune di Ferreira do Alentejo. L'acqua immagazzinata in questa diga viene utilizzata soprattutto per l'irrigazione. Luogo di birdwatching, la diga si estende su 970 ettari per 5 km di lunghezza e 3 km di larghezza, essendo un importante punto di concentrazione di numerosi uccelli acquatici come il germano reale, il becco-grossudo, la starna e il comune folaga. Vicino alla diga di Odivelas c'è un sentiero di pini marittimi che ci portano al muro della diga. Arrivati ​​qui, possiamo osservare un invaso in tutta la sua estensione con l'acqua sullo sfondo e alcuni uccelli nel paesaggio. Le acque offrono condizioni eccellenti per la pesca di spigole e torbiere. Dall'altro lato del muro, c'è un piccolo bosco dove possiamo riposarci o mangiare nell'area pic-nic dell'area ricreativa. Accanto alla diga c'è un campeggio.

Parco naturale di Noudar

Noudar Nature Park: è un parco situato a Herdade da Coitadinha, al confine con la Spagna. Le principali attrazioni del Parco Naturale di Noudar sono gli orti, vale a dire Horta do Monte, Horta da Senhora e Horta do Olival; Pascoli per bovini Mertolengo; il Castello di Noudar; luogo per gite in bicicletta, osservazione di fauna e flora e osservazione del cielo notturno con telescopio.

Cappella di Nossa Senhora do Mar

La Cappella di Nossa Senhora do Mar è un modesto edificio religioso, situato su una grande piazza vicino alla spiaggia di Zambujeira do Mar, vicino al villaggio di São Teotónio. La struttura della cappella è tipica dell'architettura religiosa, con pareti bianche con alcuni elementi in azzurro e una pianta composta da una navata e sacrestia. È incorniciato in uno spazio urbano isolato sul lungomare con scogliera tra la cappella e il mare. La posizione del monumento è la sua più grande risorsa, in quanto consente una vista ampia, libera e luminosa dell'Oceano Atlantico attraverso il punto di vista. La signora del mare che dà il nome alla cappella è la santa patrona di Zambujeira do Mar e della sua gente di mare. Ogni anno la popolazione organizza una festa il 15 agosto per rendere omaggio a Nossa Senhora do Mar, protettrice della regione.

Castello di Cola

Castelo de Cola è una città fortificata nella parrocchia e città di Ourique, che si trova in una posizione dominante su una collina. È un sito archeologico avvolto da qualche mistero, poiché non ci sono molte informazioni storiche su questo castello. I segni trovati in questo sito rivelano che l'occupazione del sito è dovuta a un castro del periodo neolitico, caratteristico dell'età del ferro. È chiaro che questo villaggio ha avuto una lunga occupazione umana, dalla preistoria all'età moderna, passando per il dominio romano e islamico. Come altri castelli nel distretto di Beja, questa fortificazione entrò in possesso dei portoghesi con l'avvento della Reconquista cristiana. Nel XVI secolo il castello fu completamente abbandonato per ragioni sconosciute e questo è evidente nelle mura usurate del forte e nell'eccesso di vegetazione e fiori che circondano il monumento. Essendo i ruderi posti in posizione dominante, la vista in un piano spezzato permette di ottenere una visuale libera delle zone circostanti. Il Castelo de Cola è anche conosciuto come Cidade de Marrachique o Castro da Cola e ha un santuario cristiano sulla sua riva, che rende culto a Nossa Senhora da Cola.

Principali paesi e città nel distretto di Beja

Aljustrel

Aljustrel: è un villaggio portoghese situato a una distanza approssimativa di 40 km da Beja, organizzato amministrativamente nelle cinque parrocchie di Aljustrel, Ervidel, Messejana, Rio de Moinhos e São João de Negrilhos. Le principali attrazioni del comune di Aljustrel sono la diga di Roxo, il castello di Aljustrel, il Castro de Mangancha, la cappella di Nossa Senhora do Castelo, la chiesa madre, la chiesa di Santa Maria, le miniere di Aljustrel e la striscia di Piritosa, la centrale elettrica, il giardino pubblico, il Museo Archeologico, la piscina all'aperto e il Nucleo Rurale del Museo Municipale di Ervidel. La gastronomia di Aljustrel è il riflesso di una regione di coloro che lottano quotidianamente nelle miniere e nei campi contro la scarsità di mezzi, semplici e intensi. Degni di nota sono il gazpacho, i fagioli al sugo, il passato di verdure, il passato di pomodoro, la frittura di pesce.

Almodôvar

Almodôvar: è un villaggio portoghese situato nel distretto di Beja tra la Serra do Caldeirão e la pianura dell'Alentejo con circa 7500 abitanti. I prodotti principali di Almodôvar sono il sughero, il miele, il formaggio di capra e l'acquavite di corbezzolo selvatico. Nel villaggio di Almodôvar, si dovrebbero evidenziare il Museo municipale Severo Portela, il Museo della scrittura sudoccidentale, il Museo archeologico ed etnografico Manuel Vicente Guerreiro, la stazione archeologica Mesas do Castelinho. Le feste e i pellegrinaggi più importanti ad Almodôvar sono la Fiera medievale che si svolge ogni anno ad aprile, la Fiera delle arti e della cultura (FACAL) che si svolge ogni anno a giugno e la Fiera dei funghi e del Medronho che si svolge ogni anno a novembre.

Mértola

Mértola: è un villaggio portoghese situato vicino al confine spagnolo. Mértola è la capitale nazionale della caccia, ha 60 zone turistiche di caccia, 64 zone di caccia associative e 2 zone di caccia municipali per un totale di 1279,40 km2, e una posizione privilegiata per il birdwatching, dove ci sono quattro percorsi suggeriti dal consiglio comunale. La Route 1 a Mértola, roccaforte peneireiro-das-Torres, dove possiamo osservare questa specie rara e in via di estinzione; o Itinerario 2 Nel territorio della vecchia miniera, dove possiamo vedere il mangiatore veloce, la taccola dal collo grigio, l'aquila imperiale iberica, l'aquila reale e l'usignolo selvatico; Itinerario 3 situato sulle rive della Guadiana, il fiume che bagna l'Alentejo è l'habitat prediletto di numerose specie di uccelli, ovvero l'aquila reale, la civetta e la cicogna nera; e la Route 4, da Pulo do Lobo a Serra de Alcaria, dove possiamo vedere l'aquila reale, la civetta, il gheppio grigio, il torcicollo, il manico azzurro e i sisons. Questo percorso merita una menzione speciale per la Cappella di Nossa Senhora de Aracelis, un autentico belvedere per osservare l'intero paesaggio circostante.

  • da visitare a Mértola: segnaliamo la Moschea, il Castello di Mértola, il Nucleo Islamico, il Nucleo Basilica Paleocristiana, il Nucleo della Tessitura, il Nucleo Romano, il Nucleo dell'Arte Sacra, il Nucleo Achada de São Sebastião, la Forgia do Ferreiro, la Torre do Rio, la Torre do Relógio, la miniera di São Domingos, il Pulo do Lobo, una cascata di 16 metri situata nel cuore del Parco Naturale della Vale do Guadiana, la spiaggia del fiume São Domingos e il Festival islamico, uno dei le più grandi feste islamiche in Portogallo che si svolgono ogni anno a maggio.
  • Storia di Mértola: Mértola era popolata da iberici, fenici, greci, cartaginesi, romani e arabi. Il periodo dell'occupazione romana iniziò nel II secolo a.C., diventando un importante centro commerciale, chiamato Iulia Myrtilis. Mértola divenne la capitale di un piccolo emirato indipendente, la taifa di Mértola. D Sancho II conquistò Mértola nel 1238 e ricevette il primo statuto nel 1512. Alla fine del XIX secolo, questa città dell'Alentejo conobbe uno sviluppo economico con le miniere di São Domingos. Tra il 1961 e il 1971 ha perso più del 50% della popolazione con la diminuzione dell'attività mineraria e non si è più ripresa.

Serpa

Serpa: è una città portoghese situata vicino al confine spagnolo. Serpa dista circa 30 km da Beja. Questa città dell'Alentejo fu fondata dai Romani e definitivamente conquistata dai Mori nel 1230. Serpa fu elevata a città il 26 agosto 2003. L'importante patrimonio edilizio di Serpa comprende la Chiesa di Santa Maria, Torre da Horta, Torre do Relógio, il Palazzo Ficalho, Museo Archeologico Comunale e Nucleo Intramuros della città di Serpa. Le principali attrazioni del patrimonio naturale di Serpa sono Sítio Guadiana, Sítio Moura / Barrancos, l'area di Malpique e Vila Nova de São Bento. Serpa presenta diversi prodotti regionali, vale a dire formaggio Serpa, vini Pias e Serpa, olio d'oliva, salsicce, miele e olive. Le fiere e i pellegrinaggi più importanti a Serpa sono la Fiera del formaggio dell'Alentejo – che si svolge ogni anno a febbraio – e la festa di Nossa Senhora de Guadalupe – è la festa del comune e si svolge ogni anno ad aprile.

Odemira

Odemira: è un villaggio portoghese situato sulla costa dell'Alentejo. Il comune di Odemira è integrato nel Parco Naturale del sud-ovest dell'Alentejo e della Costa Vicentina. Le principali attrazioni del comune di Odemira sono il Giardino Ribeirinho do Mira, il Jardim da Fonte Férrea, il Parque das Águas, la Necropoli di Pardieiro, la Cappella di Nossa Senhora do Carmo, la Cappella di Nossa Senhora das Neves, la Chiesa Madre di Nossa Senhora da Assunção, Chiesa della Misericordia, Cerro do Castelo, Forte São Clemente, Parco Naturale Sudoeste Alentejano e Costa Vicentina, spiaggia Malhão, spiaggia Farol, spiaggia Franquia, spiaggia Furnas, spiaggia Zambujeira do Mar, spiaggia Carvalhal, spiaggia Almograve, naturista Alteirinhos Zona, diga di Santa Clara, Cabo Sardão, porto di Lapa das Pombas e Azenha do Mar. Le feste e i pellegrinaggi più importanti di Odemira sono "Abril em Odemira" che si tiene ogni anno ad aprile, il Festival Tassjazz, che si tiene ogni anno a giugno e luglio , la Fiera del turismo, che si tiene ogni anno a giugno, il Sudoeste Festival, il più grande festival estivo in Portogallo che si svolge ogni anno in agosto, e Fe Caça Maior ire che si svolge ogni anno a settembre.

Ourique

Ourique: è una città e capoluogo di contea nel distretto di Beja che si trova tra la pianura dell'Alentejo e le montagne di Monchique. Ourique è la capitale del maiale dell'Alentejo, una specialità gastronomica dell'Alentejo molto apprezzata nei piatti alla griglia. Ourique è stata fondata nel 711, l'anno dell'invasione araba della penisola iberica. La battaglia di Ourique ebbe luogo il 25 luglio 1139, essendo stata decisiva per D Afonso Henriques, acclamato re del Portogallo dopo aver sconfitto cinque re moreschi. Ourique ricevette una carta nel 1290. Il patrimonio di Ourique comprende il Castello di Ourique, le rovine di Castro da Cola, l'Igreja da Misericórdia, l'Hospital da Misericórdia e la diga di Monte da Rocha. La festa più importante della contea è la Feira do Porco Alentejano che si svolge ogni anno a marzo.

Breve storia di Beja

Beja fu fondata nell'età del ferro, aumentando di importanza durante l'occupazione romana, e una colonia romana fu creata da Júlio César chiamata Pax Julia. Beja divenne un importante centro commerciale e agricolo durante questo periodo storico. Dopo l'occupazione romana, questa città portoghese fu dominata dai Visigoti, essendo elevata alla categoria di sede episcopale fino all'invasione degli arabi nel 711, diventando una delle città più importanti della penisola iberica durante i quattro secoli di occupazione musulmana. Beja fu conquistata definitivamente nel 1234 ed elevata alla categoria di città nel 1525 dal re portoghese D João III. Beja fu grandemente distrutta durante le invasioni francesi tra il 1807 e il 1811. Dal XX secolo in poi, conobbe un periodo di sviluppo economico con la costruzione di infrastrutture nei settori dell'istruzione (il nuovo Liceu nel 1937), nell'area di sanitaria (il nuovo Ospedale nel 1970), giudiziaria e commerciale. Nel 2011 è stato aperto l'aeroporto di Beja.

Altri argomenti interessanti relativi a Beja

I fiumi e le montagne nel distretto di Beja

I fiumi più importanti nel distretto di Beja sono: il r io Guadiana, con gli affluenti Enchoé, Colces e Carreiras e il fiume Mira. Le montagne più importanti nel distretto di Beja sono la Serra do Mendro, i Picos de Arposa, il Monte do Cercal e la Serra do Caldeirão.

O Cante Alentejano, un patrimonio mondiale dell'UNESCO

La cante Alentejo è stata classificata come Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità dall'UNESCO il 27 novembre 2014 a causa di una richiesta congiunta del Comune di Serpa e dell'Autorità Regionale del Turismo dell'Alentejo. Il canto dell'Alentejo è una delle più antiche tradizioni musicali del Portogallo, appartenente al patrimonio collettivo dell'Alentejo. I testi di questo genere musicale hanno cantato testi che ritraggono temi sull'Alentejo, vale a dire le pianure calde, il lavoro nei campi, i santi locali, i villaggi della regione e l'amore. Questo genere musicale è cantato in un coro e senza strumenti musicali, essendo spesso associato a lavoratori agricoli e minatori dell'Alentejo. Il primo gruppo corale del Cante Alentejano apparve nel 1926 nelle miniere di São Domingos, attualmente disattivate. L'origine di questo genere musicale è sconosciuta, ma all'inizio del XX secolo alcuni ranch folcloristici iniziarono a organizzare prove nei villaggi dell'Alentejo con cori maschili locali. La dittatura di Oliveira Salazar ha promosso Cante Alentejano come un buon esempio di cultura popolare portoghese, con concorsi organizzati tra gruppi di canto corale. Attualmente, i gruppi corali non sono composti solo da uomini. Ci sono gruppi formati solo da donne e misti. In Cante Alentejano, l'inizio è dato da "Ponto", con una voce precisa, seguito da "Alto", qualcuno con una voce più alta e intensa e, infine, il coro. Le canzoni che sono state tramandate di generazione in generazione vengono attualmente insegnate a scuola.

La gastronomia di Beja

La gastronomia di Beja è il risultato di un clima caldo, una regione dura e con pochi mezzi per cucinare. Nel corso del tempo, le varie generazioni di Alentejo hanno imparato a preparare piatti di origine semplice con prodotti della regione, ovvero pane, acqua e spezie. La scarsità di mezzi è visibile in alcuni piatti dell'Alentejo che sono molto popolari oggi, ma che non hanno carne o pesce, come il gazpacho, una zuppa fredda a base di pomodori, cetrioli e peperoni da servire nelle giornate calde della dura estate dell'Alentejo . La gastronomia riflette il vero spirito dell'Alentejo, facendoti venire voglia di tornare. I piatti tipici del quartiere Beja includono specialità come:

  • Maiale Nero
  • Zuppa di portulaca
  • Açorda de Poejos
  • Açorda à Alentejo
  • Spezzatino di agnello
  • Migas con carne di maiale
  • Mioleira con filetto
  • Sputa
  • Torte sfoglia
  • Torta marcia
  • Formaggi Wafer
  • Pancetta dal cielo
  • Fagottini di uova
  • Formaggio di capra e pecora

L'economia di Beja

Il distretto di Beja ha avuto come produzione agricola principale il grano, il sughero e l'allevamento di bestiame fino al decennio del 2010. Con l'emergere della diga di Alqueva, si è intensificata l'agricoltura intensiva, in particolare gli uliveti, che negli ultimi anni hanno cambiato il paesaggio dell'Alentejo. I prodotti agricoli più importanti in questa regione sono il vino e l'olio d'oliva. Le industrie predominanti nel distretto di Beja sono la ceramica, l'estrazione del marmo e la lavorazione dei metalli.
L 'artigianato nel quartiere di Beja rappresenta la sussistenza di alcune famiglie, con tradizioni e arti ancestrali che ancora contribuiscono allo sviluppo economico della città e della regione, ovvero ceramiche, vimini, lavori in legno e sughero, il merletto, e scarpe. Il basso Alentejo era un tempo un luogo di grande tradizione nella produzione di scarpe.
Il seminterrato del Baixo Alentejo è ricco di materie prime, ovvero rame, granito, stagno, marmo e piriti.

Progetti e supporto alle aziende

Beja si trova in una regione in rapida crescita e innovazione aziendale, con i seguenti progetti che meritano di essere evidenziati:

  • Beja Ecopolis
  • BejaGlobal: partnership avvenuta il 9 giugno 2011 con i comuni di Alvito, Beja, Cuba, Ferreira do Alentejo e Vidigueira per promuovere l'Aeroporto di Beja e la regione che lo circonda.
  • CEBAL: creazione del Centro di biotecnologie agricole e agroalimentari di Baixo Alentejo e Litoral
  • Beja Energy Cluster
  • Beja Aeronautical Cluster
  • Cluster Beja "New Rurality"
  • Mobilità e Trasporti Cluster
  • Cluster delle industrie creative
  • Nido di società NERBE / ERBAL
  • Nido di società Ponto Ótimo
  • Rete di laboratori tecnologici nel comune di Beja
  • Parco industriale Beja

Turismo a Beja

Il turismo si presenta come un settore in piena crescita nella regione, svolgendo un ruolo di primo piano nell'economia del Baixo Alentejo. Le principali attrazioni turistiche del distretto sono la Cidade Fronteiriça e Guarnição de Elvas e le fortificazioni dell'UNESCO, castelli e villaggi tipici, locande, religiosi patrimonio, Cante Alentejano, gastronomia e vini, quercia da sughero, cavallo lusitano e corrida, Alqueva , il Parque Natural do Vale do Guadiana e le spiagge del Parque Natural do Sudoeste Alentejano e Costa Vicentina. La maggior parte dei turisti stranieri proviene da Spagna, Francia, Brasile, Germania e Regno Unito.

Feste e Pellegrinaggi

Le feste e i pellegrinaggi più importanti a Beja sono:

  • Festival di musica sacra Baixo Alentejo: si tiene ogni anno tra marzo e luglio
  • Florir Beja: si tiene ogni anno a maggio
  • Beja Romana: tenutasi a maggio
  • Festival Internazionale del fumetto: si tiene ogni anno tra maggio e giugno
  • Ovibeja: si tiene ogni anno in aprile e maggio
  • Beja Gourmet: si tiene ogni anno nel mese di ottobre
  • Olivipax: si tiene ogni anno nel mese di ottobre
  • RuralBeja: si tiene in ottobre
  • Vinipax: si tiene ogni anno nel mese di ottobre

Beja Quick Facts

  • Popolazione: circa 36mila abitanti
  • Area: 1106, 44 km2
  • Regione: Alentejo
  • Sottoregione: Baixo Alentejo
  • Distretto: Beja
  • Aeroporto: 1
  • Ospedali: 1
  • Farmacie mobili e farmacie: 12
  • Centri sanitari: 1
  • Istituzioni di banche e casse di risparmio: 20
  • Strutture alberghiere: 7
  • Capacità di alloggio negli esercizi alberghieri: 664
Back to Top
error: