Viana do Castelo

Viana do Castelo

Viana do Castelo conosciuta come “Princesa do Lima”, è la capitale del distretto e la città dell'Atlantico più settentrionale del Portogallo, situata a circa 25 minuti dall'aeroporto internazionale di Porto. È una città dell'Alto Minho, rinomata per le sue molteplici offerte storiche, culturali, gastronomiche e tradizionali, situata di fronte alla foce del fiume Lima. Il centro storico di Viana do Castelo è ricco di monumenti rilevanti, ha un'architettura unica caratterizzata da edifici importanti, fontane e un paesaggio naturale di fiume, mare e colline, responsabile della principale attrazione turistica e dell'integrazione di Viana do Castelo nell'elenco delle "città sane" portoghesi. Possiamo osservare la tradizione di Viana do Castelo nelle feste, pellegrinaggi, artigianato e gastronomia della città, e la cucina locale è ampiamente riconosciuta nella regione con sapori emblematici come Bacalhau à Viana, Octopus Rice à Moda do Minho o Nasello a Vianense. Troviamo anche etnografia e folclore viennese espressi nella conoscenza artigianale, nei costumi tradizionali e nei gioielli della tipica Coração de Viana. È a Viana che troviamo il Parco Naturale di Peneda-Gerês, una delle attrazioni naturali più ambite del Portogallo considerata dall'UNESCO Riserva della Biosfera Mondiale.

Attrazioni da visitare a Viana do Castelo (Top 10)

Nel quartiere di Viana do Castelo, le attrazioni che ricevono più visite e sono più apprezzate dai visitatori sono il Parco Nazionale di Peneda-Gerês, la Fortaleza de Valença, il Santuário de Santa Luzia e il viaggio attraverso l 'ascensore di Santa Luzia, la spiaggia di Moledo, la Fondazione Gil Eannes, il Castelinho Leisure Park, il Santuário de Nossa Senhora da Peneda, la Ecovia do Vez con il Passadiço do Sistelo, la Praia do Cabedelo e la Espigueiros do Soajo. Tuttavia, abbiamo raccolto per te, oltre a queste, tutte le attrazioni di Viana do Castelo … descritte di seguito.

Punti di interesse a Viana do Castelo

Il Santuario di Santa Luzia o Santuario del Sacro Cuore di Gesù, è il tempio-monumento che corona la città di Viana do Castelo, con facciata a croce greca e ornato di vetrate colorate, situato su la vetta Monte de Santa Luzia, dove svetta in un contesto bucolico e naturale di grande bellezza, rimandandoci alla tradizione religiosa della città e al culto del Sacro Cuore di Gesù. Per godere della vista privilegiata sul verde in evoluzione, il fiume Lima e il tessuto urbano della città, possiamo salire al santuario con l 'Ascensore Santa Luzia, che collega la stazione dei treni al tempio , risalendo il pendio naturale attraverso la funicolare più lunga del paese. In prossimità delle montagne, possiamo visitare la Citânia Santa Luzia, localmente riconosciuta come Cidade Velha de Santa Luzia, che ci riporta all'età del ferro, delimitata dai resti delle antiche mura. Dirigendosi verso la zona fluviale di Viana do Castelo troviamo il Forte di Santiago da Barra del XVI secolo, che contiene alcune tracce dell'architettura manuelina; il Fundação Gil Eannes, un museo galleggiante situato nel vecchio molo commerciale di Viana do Castelo, che si avvale del vecchio ospedale navale per la presentazione di un centro museale la cui collezione fa riferimento al patrimonio storico e culturale ruolo del mare; e il Centro Culturale di Viana do Castelo, un edificio di architettura moderna situato vicino al fiume Lima.

Man mano che ci spostiamo verso il centro storico, troviamo anche l'emblematico Museo del Costume di Viana do Castelo, edificio del XX secolo, con architettura dell'Estado Novo, la cui collezione conserva elementi rappresentativi di costumi e costumi del Alto Minho, incentrato principalmente sui costumi femminili viennesi il cui ruolo storico e simbolico è riconosciuto a livello nazionale. A pochi passi da questo museo, siamo invitati a incontrare il XVI secolo Sé Catedral de Viana do Castelo, di architettura gotica, la cui facciata mostra le sculture di sei apostoli che segnano la fede viennese (Santo André, São Bartolomeu, São João, São Paulo, São Pedro e São Tiago) e il ricco interno evidenzia la collezione artistica della Cappella del Senhor Jesus dos Mareantes. Del patrimonio religioso di questa zona della città, segnaliamo la Igreja da Misericórdia del XVI secolo, di architettura manierista e rinascimentale con pregevoli elementi interni in legno dorato e maioliche; la Igreja de São Domingos del XVI secolo, che offre alcune delle opere più preziose ed eccezionali di intaglio dorato nazionale; e il romanico Capela das Almas del XIII secolo, accanto al Jardim da Marginal sul fiume Lima dove troviamo il Ponte Rodoferroviária de Viana do Castelo, un collegamento di ferro basato su nove pilastri granitici e meglio conosciuti come Ponte Eiffel. Qui troviamo anche il Núcleo Museológico de Arqueologia, noto come Casa dos Nichos, un edificio del XV secolo con facciata in pietra, la cui tenuta si riferisce alla preistoria, all'età del ferro e all'antichità romana.

Sport e tempo libero nella regione di Viana do Castelo

Lo sport e il tempo libero nella regione di Viana do Castelo sono profondamente legati agli sport acquatici e alle pratiche balneari. Nella costa sud del fiume Lima troviamo spiagge particolarmente ricercate dagli appassionati di surf, windsurf e kitesurf , la Praia do Cabedelo è la più acclamata, distinguendosi per la bellezza naturale del suo bianco sabbia fornita da un ambiente di vegetazione autoctona e dune, vicino ai campeggi locali e anche dalle forti onde del mare che consentono la pratica degli sport acquatici. Avanzando verso sud, troviamo altre spiagge invitanti, come Praia de Luzia Mar con la sua ampia sabbia, passerelle in legno e splendidi dintorni verdi; la Praia do Rodanho , dove troviamo i sistemi di dune ad altitudine più alta nel nord del Portogallo ; la Praia da Amorosa , uno spazio di grande bellezza naturale, ricercato soprattutto dai surfisti e accanto al quale possiamo trovare il Kartódromo de Viana , l'unico complesso nel suo genere che offre due corsie; Lordelo Beach , circondata dal sottobosco e da un ambiente urbano; e la Praia do Castelo do Neiva , integrata in un ambiente rurale che conserva una tendenza alla pesca. Arrivando qui, segnaliamo due luoghi di grande interesse nel Monte de São Lourenço : Castro de São Lourenço , un luogo di interesse storico e archeologico, dove siamo invitati a contemplare la bellezza paesaggistica in un punto di vista che domina il mare e la Capela de São Lourenço ** del XVI secolo, con architettura in stile barocco.

A nord della città di Viana do Castelo, la costa offre diversi luoghi di interesse per gli amanti dello sport e della cultura, come la Praia do Paçô con i suoi verdi dintorni e da cui possiamo osservare il Faro di Montedor del XX secolo, con facciata in pietra e torre quadrangolare, che costituisce il faro più settentrionale della costa portoghese. Avanzando verso la foce del fiume Lima vicino alla città di Viana do Castelo, ci imbattiamo in Praia de Carreço, una spiaggia accessibile di grande bellezza naturale; la Praia do Canto Marinho, dai tratti più selvaggi, circondata da una sporgente scogliera adatta alla passeggiata; e il Forte da Areosa, una piccola struttura difensiva, a pianta stellata e quattro bastioni, realizzata durante le Guerre di Restauro.

Parco nazionale di Peneda-Gerês

Il Parco Nazionale di Peneda-Gerês è un'area protetta nel nord del Portogallo, classificata da UNESCO come Riserva Mondiale della Biosfera, con un vasto patrimonio naturale e costruito, di interesse paesaggistico, storico e culturale. Essenzialmente granitico e montuoso, questo parco ci porta in siti storici come il Castelo de Lindoso, costruito nel XIII secolo a scopo difensivo, attualmente fa parte della Porta del Parco Nazionale di Peneda-Gerês , sito che comprende un Museo Militare, nei pressi del quale troviamo l'aia della comunità e gli cinquanta Espigueiros de Lindoso, composti da strutture in pietra ad uso agricolo del XVII e XVIII secolo, che servivano per essiccare il cereale. Il Poço da Gola, una piccola diga artificiale con una bellissima cascata, è un altro punto di interesse che possiamo trovare nelle vicinanze del villaggio di Lindoso, da dove proseguiamo per la Dam do Alto Lindoso, il più potente centro di produzione di energia del Portogallo, situato sul fiume Lima, e il Miradouro Lindoso, accessibile tramite un sentiero pedonale e la cui vista panoramica copre la Serra Amarela e la regione di Lindoso.

Nelle vicinanze, troviamo tracce dell'occupazione romana sul Ponte de São Miguel, un ponte di legno, incorniciato nella natura e che conserva ancora i resti del vecchio ponte, distrutto nel XVII secolo, e il Ponte da Cava da Velha, che collega le sponde del Rio Laboreiro e si distingue per il suo cavalletto irregolare in pietra con alla base due archi di forma irregolare. Spiccano anche qui le manifestazioni di religiosità, principalmente nel Santuario di Nossa Senhora da Peneda, tempio settecentesco per adorare la Vergine, con ambientazione naturale accanto allo sperone granitico del Penedo da Meadinha e da di cui si evidenzia la scala delle virtù, con la sua statuaria raffigurante Speranza, Fede, Carità e Gloria. Percorrendo all'interno del parco, troviamo il Castelo de Castro Laboreiro, luogo di difficile accesso che corrisponde ad un'antica fortificazione medievale in rovina, dove è possibile vedere parti della cinta muraria e del mastio, oltre che osservare il bucolico ambiente naturale. A pochi chilometri spiccano luoghi di interesse sportivo e naturalistico, tra cui la Meadinha, parete rocciosa e granitica molto ricercata dagli appassionati di arrampicata, e la Lagoa da Peneda, con uno specchio d'acqua limpida .che riflette le montagne e l'ambiente naturale e roccioso.

Luoghi di interesse naturale a Viana do Castelo

L 'Ecovia do Vez è un percorso pedonale e naturale di 32 chilometri, che integra il piccolo sentiero del Passadiço do Sistelo, considerato uno dei più belli del Parco Nazionale di Peneda-Gerês. Questo sentiero è molto popolare per passeggiate a piedi e in bicicletta, evidenziando lo scenario naturale delle rive del Rio Vez e del Rio Lima. Accanto all'Ecovia do Vez troviamo il Castello di Visconde de Sistelo, un piccolo palazzo del XIX secolo la cui facciata imita un castello con due torri. A pochi chilometri, la regione conosciuta come Penedo do Castelo ci invita ad osservare il paesaggio offerto al Miradouro da Estrica, un belvedere costruito su una roccia. Dal fiume possiamo visitare Arcos de Valdevez, la spiaggia urbana e fluviale Praia Fluvial da Valeta, dove troviamo un mulino ad acqua e varie infrastrutture ricreative, oltre a visitare il recuperato Paço de Giela , che domina questo villaggio di Raiana, nella cui torre possiamo visitare un museo archeologico. Gli ventiquattro Espigueiros do Soajo, integrati in un ambiente naturale, sono un altro punto di grande interesse nel villaggio di Arco de Valdevez, per il suo uso storico (e attuale) nell'essiccazione del mais e per la sua architettura in pietra, da dove si evidenzia per la circolazione dell'aria, e la croce sopra le strutture.

A soli 600 metri da questa località, attraverso un percorso pedonale, troviamo il Ponte da Ladeira, nonché il sentiero dell'acqua su cui si trova il Poço Negro do Soajo, una delle cascate più acclamate dell'Alto regione del Minho, molto ambita da bagnanti e amanti della natura, integrata nell'insieme delle Cascades do Soajo, che formano diverse lagune di acqua fresca e cristallina. Caratteristiche simili sono le cascate Poço das Canejas e il Poço das Mantas, luoghi di interesse naturalistico, balneabili e recentemente recuperati. Dal fiume alla montagna, il sentiero ci porta ad una delle porte del Parco Nazionale di Peneda-Gerês: il Parque Porta do Mezio, situato nell'omonimo comune e formato da 3 ettari montuosi, tra che includono infrastrutture turistiche e ricreative, che includono l 'Aldeia dos Pequeninos, il Museo Rurale ed Etnografico, un parco di arrampicata sugli alberi e diversi punti panoramici, spazi sportivi e luoghi gastronomici. Per la grande bellezza naturale e la storia millenaria della regione, vale la pena visitare il Centro Megalitico del Mezio, dove possiamo trovare monumenti megalitici ben conservati che ci permettono di conoscere la primitiva architettura nordica. Il Baloiço do Mezio, posto in uno dei punti più alti della Serra do Soajo, merita una menzione anche per la splendida vista panoramica.

Portela do Homem è una regione montuosa della Raiana di Terras de Bouro, che delimita il confine tra Portogallo e Spagna nella Serra do Gerês, delimitando il Parco Nazionale di Peneda-Gerês e nelle vicinanze del quale , attraversando un ponte rustico sul Rio Homem, troviamo un susseguirsi di cascate di grande bellezza naturale e il cui accesso all'acqua può essere alquanto aspro e scivoloso, note come Cascades of Portela do Homem. A 5 chilometri, nel Pé de Cabril, siamo invitati ad osservare il paesaggio sul Parco Nazionale, evidenziando il bacino idrico del Vilarinho das Furnas. La Cascata de Leonte che precipita da una parete di roccia granitica, e la Cascata da Laja, alimentata dal torrente Laja e circondata da querce, sono anche spazi imperdibili per gli amanti della natura, i migliori paesaggi della regione ci vengono offerti sul pendio della Vale do Gerês, in luoghi come il pergolato di Miradouro da Junceda e lo swing di Miradouro da Boneca, luoghi che offrono viste panoramiche privilegiate sul valle verdeggiante, fiumi e bacini artificiali. Inoltre, il Miradouro da Pedra Bela, situato a circa 800 metri di distanza, a Terras de Bouro, è una visita essenziale, che offre una magnifica vista sul parco, situato a pochi chilometri dal Cascado do Arado , una cascata situata vicino a Vila do Gerês, dove l'acqua squarcia le rocce e forma un lago, creando un ambiente bucolico, in un ambiente verde che è considerato uno dei luoghi più belli della regione, insieme al Cascata de Fecha de Barjas (o Cascata do Tahiti), situata nel collegamento tra il villaggio di Ermida e il villaggio di Fafião (Aldeia dos Lobos do Gerês), e il cui accesso è possibile attraversando il ponte sul fiume Arado. Un punto di interesse a vocazione religiosa che spicca per ricchezza e contesto naturale è la Chiesa di São Bento da Porta Aberta del XV secolo, rinomato luogo di pellegrinaggio, con un campanile e un ricco interno, con le piastrelle, la pala d'altare dorata e le offerte poste ai piedi dell'immagine di São Bento, situata sull'altare.

Nel Parco Nazionale di Peneda Gerês troviamo diversi punti di interesse storico, ricreativo e paesaggistico. Il Ponte do Bico del XIX secolo, in stile fontista e situato vicino alla confluenza del fiume Homem e del fiume Cávado, e il robusto Ponte de Prado, con nove archi e il belvedere centrale quadrangolari, sono luoghi di alto valore storico dove possiamo intravedere il fiume con paesaggi sui corsi d'acqua. Le spiagge sulla riva del fiume Cávado: la spiaggia fluviale di Adaúfe, con bandiera blu, zona erbosa e adatta per immersioni, pedalò e sport; la spiaggia fluviale di Verim, spiaggia accessibile, ideale per la balneazione e con campo da pallavolo; e Praia Gerês Albufeira, una spiaggia situata a Albufeira da Caniçada, nota per le sue acque calde e dintorni, il cui idilliaco contesto naturale comprende la centrale elettrica di Vilarinho das Furnas. I corsi d'acqua ci portano al Barragem Da Caniçada, tra i fiumi Cávado, Gerês e Caldo, responsabile dell'energia elettrica e dotato di un magnifico paesaggio. Qui ci imbarchiamo per i Caniçada Boat Tours, con la "O Brancelhe", la tipica imbarcazione turistica che ci porta attraverso lo specchio d'acqua tra le montagne e le baie, permettendoci di entrare in contatto con il paesaggio di lungofiume di Terras de Bouro, Vieira do Minho e Montalegre.

Lasciando Albufeira da Caniçada in direzione del villaggio di Ermida, incontriamo il Miradouro das Rocas con vista sulla valle del Rio Arado e della Serra do Gerês; il belvedere di Cilhas, circondato dalla vegetazione autoctona, copre il fiume Arado, la valle e la Cascada da Rajada; e il Miradouro da Ermida, integrato nei dintorni con scale in pietra e corrimano in legno da cui si possono osservare i massicci rocciosi di Gerês, il villaggio di Ermida e il paesaggio rurale circostante. Il belvedere di Ermida è il punto di partenza del Sentiero del Sobreiral di Ermida do Gerês, dal quale possiamo visitare il Miradouro Vela, situato su una grande roccia granitica, con protezioni in legno, situato nel vicino alla Cascada da Rajada, permettendoci di raggiungere a piedi la Cascata do Arado. Da qui, seguendo uno dei sentieri non ufficiali di Gerês, possiamo trovare il Poço Azul, composto da un piccolo bacino d'acqua naturale, con una tinta blu, tra le scarpate rocciose. La cascata di Pincães, inserita in un sentiero che parte dal villaggio di Pincães, è un altro luogo che merita attenzione per la grande bellezza naturale originata dalla vegetazione autoctona e dalle acque cristalline.

Attrazioni lungo il fiume Lima nel Parco Naturale di Peneda-Gerês

Percorrendo il percorso lungo la riva del fiume Lima attraverso il Parco Naturale Peneda-Gerês ci porta in luoghi di grande interesse storico e naturalistico. Ponte da Barca è un remoto villaggio di Minho, evidenziato dal suo ambiente naturale, caratteristiche fluviali, patrimonio storico e culturale, tra i quali segnaliamo alcuni punti di interesse, come il Ponte da Ponte da Barca, risalente all'inizio del XV secolo, è integrato in un paesaggio idilliaco sul fiume Lima. Il ponte conserva otto dei suoi nove archi originali e vanta due lapidi che mostrano le armi locali e la sfera armillare. Il villaggio ha un Ippodromo riconosciuto a livello nazionale, che ospita rinomati tornei, tra cui il Gran Premio del Portogallo di Trotto e Galoppo. Seguendo il fiume, visitiamo l'antico Monastero benedettino di Bravães, risalente al XII secolo, di architettura romanica e che si distingue per la rarità delle figure umane dei suoi due fusti.

E Ponte de Lima, un villaggio tradizionale riconosciuto per la sua gastronomia e il patrimonio storico, da cui evidenziamo il Ponte Romana Ponte de Lima, un ex libris della città che ci presenta una sezione medievale situata tra la riva sinistra del fiume, la Igreja de Santo António da Torre Velha e una sezione romana, di cui rimangono cinque archi del I secolo. La Igreja Matriz Ponte de Lima costruita sul sito di antica chiesa del secolo XII, presenta traccia romanica in pietra, con risalto alle cappelle ornate di legni dorati e all'altare maggiore ricoperto di reliquie di santi. A Ponte de Lima possiamo visitare alcuni spazi culturali, vale a dire la Casa de Arnado e il Museo portoghese del giocattolo, dove possiamo conoscere tecniche di fabbricazione e materiali utilizzati nella produzione di giocattoli nazionali, con permanente e mostre temporanee, una sala giochi e un laboratorio; e il Museu dos Terceiros, situato in due antiche case religiose dell'ordine di San Francisco, che conservano il disegno cinquecentesco delle facciate ecclesiastiche, esponendo una ricca collezione di arte sacra. Avanzando verso Cais da Garrida, inserita in Ecovia do Rio Lima, troviamo uno dei più bei paesaggi costieri del fiume, con dighe e sbarramenti, luogo di fortissima importanza per l'economia locale , dove si pratica la pesca della lampreda. Qui possiamo trovare la scultura in bronzo Allegoria delle nuove fiere e del folclore che rappresenta l'importanza del folklore nella società del Minho, e il Clube Náutico de Ponte de Lima, simbolo della cultura sportiva locale che si è distinta per il suo successo nella canoa.

Attrazioni lungo il confine del Portogallo con la Spagna

Nel nord del Portogallo, lungo il confine del Portogallo con la Spagna ci sono diversi tesori del patrimonio Raian degni di menzione. Il Rio Minho sorge nella Serra de Meira in Spagna, e sfocia nell'Oceano Atlantico tra la Spagna e il Portogallo, vicino a Caminha (Portogallo). È un confine naturale tra paesi e un punto innegabile, con un estuario di grande bellezza nella regione. Le strutture difensive lungo il fiume sono parte integrante del paesaggio, con grande enfasi sull'architettura militare della Fortezza di Valença del 17 ° secolo, situata sulla cima di due colline, è una delle più grandi e meglio conservate fortezze nel mondo, con più di cinque chilometri di mura rinforzate da bastioni del XVII e XVIII secolo, contenenti la Chiesa di Santa Maria dos Anjos del XIII secolo, che rimanda all'architettura romanica, barocca e revivalista. Il collegamento tra il Portogallo e la Spagna è segnato fisicamente e simbolicamente dai ponti, tra cui il Ponte Rodoferroviária de Valença, infrastruttura del XIX secolo costruita in una struttura a travi metalliche che attraversa il fiume Minho; e il Ponte da Amizade, un collegamento Raiana tra Vila Nova de Cerveira e Tomiño, risultato del progetto 2015 “Europa per i cittadini” e che evidenzia, basato su una Carta dell'amicizia, lo sgretolamento dei confini. Questo ponte ha nei suoi dintorni pentagonali il Forte di São Francisco de Lovelhe, una struttura militare del XVII secolo situata su una piccola elevazione lungo il fiume, vicino alla Bienal Art Foundation di Cerveira, dove l'arte contemporanea è promossa attraverso eventi multidisciplinari e uno spazio museale. Tuttavia, prima di spostarci da Valença a Vila Nova de Cerveira, abbiamo visitato l'antico e romanico Monastero di San Fins, con i primi edifici risalenti all'anno 604 d.C., con influenze galiziane e incorniciato da una quercia.

Vila Nova de Cerveira è un villaggio nella regione del Minho con diversi luoghi di interesse storico e naturale. Il Parque de Lazer do Castelinho è uno spazio verde ricco di infrastrutture dedicate al tempo libero, allo sport (inclusi minigolf, calcio e basket), tempo libero ed eco-pedagogia, che comprende un Parque Aquático e Aquinhouse del fiume Minho, un luogo rappresenta la memoria del rapporto umano con il fiume. Nel villaggio, posizione privilegiata del Castelo de Vila Nova de Cerveira, iniziò la costruzione nel XIII secolo, con una struttura ovale attualmente trasformata in albergo, dove si possono visitare la gogna e la cappella all'interno. Al centro del paese spicca l 'Igreja Matriz de Vila Nova de Cerveira con la facciata che mostra due campanili e i dettagli interni del tabernacolo. Sulla costa troviamo l 'Ecopista do Rio Minho, uno spazio che collega la Praia da Mota e il Parque de Cerveira, in un contrasto scenico guidato dalla biodiversità lungo un percorso fluviale con più di 13 chilometri.

I dintorni di Vila Nova de Cerveira hanno diversi punti di interesse paesaggistico, rurale e religioso. Tra i punti di vista, segnaliamo il Miradouro do Espírito Santo (o Porta do Ceo) nella Serra da Gávea, con le rovine della Cappella dell'Espírito Santo, di cui rimane solo la facciata fronte e il cui portico incornicia la vista sul fiume Minho e sulla Spagna; e il belvedere di Cervo, con due altalene da cui si gode una vista panoramica su Tomiño e sul fiume, accanto alla scultura in ferro “O Cervo”, dello scultore locale José Rodrigues. La visita ai punti panoramici può essere fatta a piedi da un sentiero iniziato nella Cappella della Senhora da Encarnação, una piccola cappella con una facciata in pietra, con pareti decorate con piastrelle e un'immagine di Santa da Encarnação in una posizione prominente. Vicino ai belvedere troviamo il Lago do Cervo, uno specchio d'acqua che riflette le colline verdi e rocciose, e il tradizionale Moinhos da Gâvea, visitabile su prenotazione, e recentemente recuperato per scopi interpretativi e turistici scopi.

A nord e nord-ovest del Parco Nazionale di Gerês troviamo punti di patrimonio e interesse naturale integrati nelle regioni di Melgaço, Monção, Paredes de Coura e Ponte da Barca. A Melgaço troviamo la struttura difensiva medievale del Castelo de Melgaço, risalente al XIII secolo, di cui rimane solo il mastio, tuttavia è un luogo da cui si possono godere bellissime vedute del centro storico e dei dintorni montagne. Proseguendo per la Espaço Memória e Fronteira, nell'edificio del vecchio mattatoio comunale, possiamo conoscere la storia contemporanea del villaggio. Sulla strada per Monção, la Torre de Lapela, un vecchio mastio evoca il ricordo di un castello demolito nel XVIII secolo, aprendo le porte del villaggio dove possiamo visitare il Palácio da Brejoeira del XIX secolo, architettura neoclassica, integrata in una fattoria con boschi, vigneti e giardini come un ambiente naturale. Lungo il fiume Minho, troviamo l'affluente che dà origine al fiume Coura, portandoci all'idilliaca Praia Fluvial do Taboão, con un ambiente rurale e agricolo, noto per ospitare il vacanziere Paredes De Coura Festival, così come il Corno do Bico Paesaggio Protetto **, luogo di notevole biodiversità, che integra un panorama montuoso e agricolo, con blocchi di roccia granitica unici e vegetazione idrofila.

Attrazioni sulla costa, da Caminha a Viana da Castelo

Dalle Passeggiate a Viana do Castelo ci sono diversi punti di interesse da evidenziare. A Caminha, la Torre do Relógio, eretta su mura medievali, mostra sulla sua facciata l'immagine della Vergine, una campana integrata in una struttura metallica e l'orologio che la nomina, consentendo l'ingresso sotto un arco al centro storico centro. Qui troviamo la Igreja Matriz de Caminha del XV secolo, di ispirazione spagnola e interni gotici con vari elementi del XVII e XVIII secolo, al Rinascimento Chafariz de Caminha (XVI secolo), con un design classico e basato su una piattaforma circolare con una balaustra in ferro, e la Cappella di Nossa Senhora da Agonia, che mescola stili rococò e neoclassici. Il fiume Minho è un riferimento nella regione e, attraversandolo a Pontevedra, il sito archeologico di Castro de Santa Trega ci permette di conoscere uno dei castros galiziani più emblematici. Alla foce del fiume Minho, tornando in Portogallo, la spiaggia del mare Foz do Minho (o spiaggia Caminha) merita la nostra attenzione, a causa della sabbia bianca che circonda con l'estensione del fiume e la vicinanza a Mata do Camarido, piantato per ordine di D. Dinis, un luogo dove possiamo passeggiare o andare in bicicletta lungo la spiaggia o in mezzo alla natura.

Ai margini del bosco, troviamo la Praia do Camarido con la sabbia ricoperta dal Forte do Ínsua, una fortezza di forma irregolare del XVII secolo situata nella Ilhéu da Ínsua a Moledo, con un revelim e cinque bastioni che compongono un convento francescano di cui si conosce l'esistenza sin dal XIV secolo. Di fronte troviamo la spiaggia costiera del Moledo, con caratteristiche rocciose e sabbia bianca, integrata in un paesaggio naturale riconosciuto dall'elevato contenuto di iodio delle sue acque terapeutiche, e dalle favorevoli condizioni del mare per la pratica del surf, windsurf, kitesurf e bodyboard. Questi luoghi fanno parte del paesaggio del Miradouro do Sino dos Mouros. Sempre nel comune di Caminha, Vila Praia de Âncora è un'altra località turistica che si distingue per il suo patrimonio storico e culturale, con percorsi balneari, sportivi e pedonali. Nel villaggio troviamo due forti difensivi del XVII e XVIII secolo, ovvero il Forte da Lagarteira, una fortezza, situata nell'area del Portinho de Vila Praia de Âncora, con una stella pianta con bastioni laterali ed elementi medievali; e Forte do Cão situato a Lugar da Gelfa. Delimitata dalla Mata Nacional de Gelfa e dal sistema di dune, la Praia da Duna do Caldeirão è un riferimento locale, a cui si accede dalla passerella vicino al fiume. Nelle vicinanze di Vila Praia de Âncora troviamo la cappella costiera della Capela Santo Isidoro, con l'antica croce di testata; e Anta da Barrosa, un dolmen in buone condizioni situato a Lapa dos Mouros, in un ambiente naturale punteggiato di alberi.

Sulla strada tra Caminha e Viana do Castelo, troviamo la Serra de Arga, una delle aree verdi più acclamate del Minho, evidenziata dall'unicità dei massicci granitici, dalla biodiversità e dalla luoghi di interesse storico, come mulini a vento, santuari, cappelle e crociere. Qui, prendiamo il percorso da Montaria, portandoci lungo un percorso pedonale di 10 km, lungo il quale troviamo la Cascata do Pincho, una famosa cascata di Rio Âncora che forma una laguna blu-verde, adatta alla balneazione. In cima alla montagna, troviamo il Santuario di Nossa Senhora do Minho, una costruzione del XX secolo, con facciata in pietra e tetto semicircolare, integrato in un ambiente naturale acclamato come luogo di pellegrinaggio e pellegrinaggi . Ritornando sulla costa per scoprire altre spiagge lungo il sentiero che ci collega a Viana do Castelo, ci fermiamo al Convento de São João de Cabanas, costruito nel 564, che servì come sede di diversi ordini religiosi e di una festa residenza del poeta Pedro Homem de Melo, autore le cui poesie adornano le pareti. Seguendo Viana do Castelo, troviamo una linea di spiagge costituita dalla ventosa Praia da Ínsua, con piccole piscine naturali durante la bassa marea, particolarmente adatte a famiglie con bambini; la Praia de Afife, il cui mare è favorevole al surf; e Praia da Arda, incorniciata in un ambiente verde e invitante per la pratica degli sport oceanici.

Cultura e festival a Viana do Castelo

Viana do Castelo è la capitale del folclore portoghese, con la Festa de Viana che è uno dei momenti salienti della città, conosciute come le Fiestas de Nossa Senhora da Agonia includono una processione al mare con centinaia di barche da pesca da tutti oltre il paese, e dalla Galizia in Spagna, per rendere omaggio ai pescatori. In questo periodo dell'anno, le strade della Ribeira de Viana do Castelo sono adornate di tappeti colorati. Alle feste di Senhora da Agonia possiamo assistere a una sfilata con donne vestite con abiti tradizionali da sposa, mordomi e contadini. La festa si conclude con uno spettacolo pirotecnico. Questo pellegrinaggio è legato alla Igreja da Agonia, costruita nel 1674 in omaggio al santo patrono dei pescatori e iniziata nel 1772. L'artigianato di Viana do Castelo, ovvero stoviglie, ricami, filigrane d'oro e d'argento , e le calzature, hanno un posto di rilievo nella tradizione della regione e sono un'importante attrazione turistica. La promozione dell'artigianato viennese include lo svolgimento di una Fiera dell'artigianato durante le Fiestas de Nossa Senhora da Agonia tra il 10 e il 20 agosto di ogni anno.

L'artigianato di Viana do Castelo comprende abiti tradizionali unici in tutto il paese, vale a dire il Costume di Vianesa o Lavradeira, il Costume da Sposa, il Costume di Campo o Lavoro, il Costume di Mordoma, il Costume di Morgada, il Costume dell'Uomo, l'Opera dell'Uomo L'abbigliamento e l'abbigliamento dello sposo. I costumi locali, composti da tessuti colorati prodotti in casa, portano il simbolismo dell'antico uso quotidiano (tra il XIX secolo e la metà del XX secolo) fino ad oggi, dove scandisce le celebrazioni e i pellegrinaggi della città, riferendosi alla femminilità, attraverso figure come il contadino, la sposa o il mordoma con gonne colorate e arrotondate, ricamate in rilievo, coperte da grembiuli solcati e accompagnate da una camicia bianca con manica ricamata, scialli, sciarpe e gioielli locali. Tra i pezzi in oro, segnaliamo la filigrana portoghese dei Cuori di Viana, un pezzo di produzione di gioielleria lavorato in maglia d'oro fine, che rappresenta il culto del Sacro Cuore di Gesù, originario del regno di D Maria I.

Breve storia di Viana do Castelo

Viana do Castelo fu fondata da D Afonso III nel 1258. Il muro di Viana do Castelo fu completato nel 1374 durante le guerre fernandine con la Castiglia. La città ebbe un grande sviluppo nel XV secolo grazie al suo eccellente porto, essendo legata all'Epopea delle Scoperte. Viana do Castelo è stata elevata alla categoria di città nel XIX secolo.

Economia di Viana do Castelo

Viana do Castelo ha un'economia e un ambiente imprenditoriale dinamico in costante sviluppo. Viana scommette sulla creazione di progetti innovativi, vale a dire la Rete portoghese di città sane, Agenda XXI o il Progetto Città sostenibili; e nella creazione di infrastrutture di supporto per aziende locali e straniere che desiderano stabilirsi in città e nel comune, e nel sostegno all'imprenditorialità, come il Parque Empresarial da Praia Norte, il Parque Empresarial da Mendela , il Parque Empresarial de Lanheses e la Zona Industrial de Neiva.

Viana do Castelo ha legami molto antichi con il merluzzo. È qui che i pescherecci di merluzzo partono per la pesca del merluzzo in Groenlandia e Terranova. La gastronomia Viana do Castelo comprende specialità come pane di mais, zuppa di pesce (chorinha), gamberi della costa, aragosta, rojões à la Minho, capretto Serra d'Arga, stufato portoghese, merluzzo a Viana, merluzzo a Gil Eanes, merluzzo di Cebolada, riso di polpo alla Minho, riso lampreda, nasello a vianaense, stufato di pesce, mezzelune di Viana, toast francese, torta di Viana, biscotti di Viana, Santas Luzias e vermicelli.

Viana do Castelo è stata la prima regione vinicola portoghese ad esportare vini, in questo caso verso i mercati delle Fiandre e dell'Inghilterra nel XV secolo. I vini esportati erano vini verdi di Melgaço e vini di Ribeira de Lima. La regione vinicola di Viana do Castelo comprende vitigni come Alvarinho, Loureiro e Vinhão

Brevi fatti su Viana do Castelo

  • Popolazione della città: 40mila abitanti
  • Popolazione della Contea: 91mila abitanti
  • Costa: 24 km
  • Spiagge dorate e bandiera blu: 8 (Afife, Arda, Paçô, Carreço, North, Cabedelo, Amorosa e Castelo de Neiva)
  • Spiagge marittime: 11
  • Spiagge e zone fluviali: 17
Back to Top
error: