Portalegre

Portalegre è la capitale del distretto con la minor popolazione in Portogallo, situato nel cuore del Parco Naturale della Serra de São Mamede, nella regione dell’Alentejo e nella sottoregione dell’Alentejo. È una città ricca di patrimonio culturale, ovvero con artigianato, costumi, gastronomia, folklore, canti e danze tradizionali. Portalegre attrae il turismo principalmente attraverso la gastronomia e i prodotti alimentari, in particolare con vini, oli d’oliva, formaggi, salsicce e dolci conventuali. La regione di Portalegre è nota per la sua gastronomia, i campi agricoli, la produzione di sughero, i vigneti, l’artigianato, il bestiame, i formaggi, i dolci conventuali, i castelli nella zona di Raiana del Portogallo, i monumenti romani e l’archeologia millenaria.

Luoghi da visitare nella città di Portalegre

1. Centro storico della città di Portalegre

Il centro storico di Portalegre è un luogo tranquillo pieno di storia, dove possiamo sentire la calma, apprezzare le case dell’Alentejo, con case bianche e blu mescolate a palazzi signorili. Nelle strade strette e tortuose del centro storico di Portalegre troviamo botteghe tradizionali, e case, con antiche facciate che risalgono al Medioevo.
Il centro di Portalegre è organizzato in due aree principali:

  • Largo do Rossio: dove troviamo il giardino Avenida Liberdade e il platano Rossio, un albero piantato nel 1838, è attualmente uno degli ex libris di Portalegre, con oltre trenta alto metri, conosciuto come il più grande platano della penisola iberica.
  • Praça da República: con i portici pieni di terrazze e caffè, ei palazzi barocchi, dove si trova la Scuola Superiore di Educazione di Portalegre.

2. Serra de São Mamede

Parco Naturale della Serra de São Mamede: è un parco naturale creato nel 1989, che integra i comuni di Arronches, Castelo de Vide, Marvão e Portalegre parte della catena montuosa dei Montes de Toledo. La Serra de São Mamede è la catena montuosa più alta a sud del fiume Tago, con 1025 metri di altitudine, con sentieri nella natura di pietra e vegetazione, che collegano piccoli paesi, un luogo di eccellenza per birdwatching, con una natura che cambia il paesaggio ad ogni stagione. Nella Serra de São Mamede troviamo il Parco Naturale di São Mamede, un’area protetta del Portogallo con 56000 ettari distribuiti nei quattro comuni di Portalegre, Castelo de Vide, Marvão e Arronches. Il Parco Naturale di São Mamede è composto da una vegetazione di sughere, lecci, querce, castagni e pini marittimi, con una bassa vegetazione di cisto. Il Parco Naturale di São Mamede è un’area di eccellenza per il birdwatching, in quanto fa parte della rotta migratoria di molte specie di uccelli tra l’Europa e l’Africa, ovvero l’aquila del Bonelli, Grifone, Avvoltoio nero, Cinghiale dai sopraccigli bianchi, Nibbio bruno, Nibbio reale, Gufo reale, Aquila punta corta, Falco europeo, Gheppio grigio, Pernice, Merlo nero, cinciallegra, cinciallegra, cinciallegra, cinciallegra , ghiandaia comune, stonechat, red robin. Qui vediamo anche lontre, tassi, tori, donnole, gatti selvatici, volpi, conigli selvatici, cinghiali, donnole, lepri, cervi e altri animali selvatici. In alcune parti del parco naturale troviamo colonie di pipistrelli e altri animali anfibi e rettili.
I quattro principali percorsi a piedi sono il percorso Alegrete con 11 km, il percorso Esperança con 16 km, il percorso Galegos con 11,5 km e il percorso Marvão con 8 km.
Il patrimonio costruito da visitare nella Serra de São Mamede: la diga di Póvoa e Meadas, il Centro per l’interpretazione dell’identità locale di Esperança, il castello di Marvão, il belvedere di São Mamede, il museo della sinagoga, il museo e la città romana di Ammaia e le pitture rupestri di Vale de Junco o Lapa dos Gaviões.

  • Il Pico de São Mamede: situato a circa 1025 metri sul livello del mare, è il punto più alto del Portogallo continentale a sud del Tago. Da qui possiamo godere della vista panoramica sulla diga di Apartadura, il villaggio di Marvão, la Serra da Estrela e l’Estremadura spagnola.
  • Punto di vista della Cappella di Nossa Senhora da Lapa: è una cappella situata a circa 1 km dal villaggio di Besteiros. Merita una menzione speciale per l’esistenza di una piccola chiesa scavata nella roccia e per la vista che offre sul Parco Naturale della Serra de São Mamede

3. Portalegre Cathedral

Sé Catedral de Portalegre: è un monumento di architettura rinascimentale del XVI secolo, classificato come monumento nazionale. La Sé Catedral si distingue per i suoi due campanili, i portali barocchi e le formelle settecentesche che decorano l’intera sacrestia.

4. Monastero di São Bernardo

Monastero di Nossa Senhora da Conceição de Monjas dell’Ordine dei Cistercensi: noto come Convento, o Monastero di São Bernardo, è un edificio di architettura manuelina, rinascimentale e barocca classificato come monumento nazionale. Il convento fu inaugurato nel 1518 con lo scopo di accogliere “fanciulle senza dote”. Il convento si estinse nel 1878, nel 1911 fu trasformato in caserma, tra il 1932 e il 1961 servì da strutture per il Museo Civico di Portalegre, nei primi anni ’80 servì da strutture per la Scuola Nazionale della Guardia Repubblicana. Le grandi attrazioni del Monastero di São Bernardo sono l’imponente bellezza del Monastero e il fatto che sia il sito della tomba più grande e sontuosa del Portogallo, la tomba di D Jorge de Melo, ex Vescovo di Guarda.
Il Convento de São Bernardo è conosciuto come uno dei principali conventi dolciari, insieme al Convento di Santa Clara. La pasticceria originaria del Convento di Santa Clara è composta dal Toucinho do Céu, i dolci all’uovo, il toast francese della badessa, le morcelas dolci di São Bernardo, la torta del convento marcio, il vero torrão all’uovo, il dolce sarrabulho, la zuppa dolce di São Bernardo, e i Pastelli di Pancetta dal cielo.

5. Convento di Santa Clara

Convento di Santa Clara: è un convento del XIV secolo, fondato dalla regina D Leonor Teles. Il chiostro del convento è l’unico chiostro di architettura fernandina in Portogallo.
Il Convento di Santa Clara è conosciuto come uno dei principali conventi dolciari, insieme al Convento di São Bernardo. La pasticceria originaria del Convento di Santa Clara è composta dal Golden Cheese, la Marmellata di Mandorle, il Toucinho do Céu, il Manjar bianco, i Santa Clara Pastels, il Sweet Ham, il Marzapane e la lampreda di mandorle, il Seraph Milk, la Ricetta di abbondanti, la Comfort Cake e i Pasties di mimo.
La biblioteca comunale di Portalegre si trova nel Convento di Santa Clara.

6. Casa-Museo José Régio

Casa-Museu José Régio: è un museo installato nella vecchia casa del professore e scrittore José Maria dos Reis Pereira, noto come José Régio. La casa risale alla fine del XVII secolo, dove possiamo visitare le opere e le collezioni di José Régio, con mostre di scultura, pittura, terracotta, arte religiosa, lavori pastorali e tessuti. José Régio è stato un grande collezionista di arte sacra, arte popolare e artigianato. Le principali attrazioni sono gli oggetti di arte sacra, le immagini di Cristo crocifisso e il Barros de Portalegre.

7. Portalegre Tapestry Museum Guy Fino

Portalegre Guy Fino Tapestry Museum: è un museo dedicato a Portalegre Tapestry, un arazzo decorativo murale che consiste in una tecnica di arazzo completamente manuale ispirata ad opere originali di pittori, vale a dire replica arazzo di dipinti degli artisti: Almada Negreiros, Anna Christina Dryselius, António Charrua, António DaCosta, Armando Alves, Barbara Walraven, Bruno Munari, Carlos Botelho, Carlos Carreiro, Carlos Santos, Cláudia Lima, Costa Pinheiro, Cruzeiro Seixas, Danielle Moser, David Adickes, Eduardo Nery, Emília Nadal, Eugénio Granell , Figueiredo Sobral, Gilberto Pereira, Graça Morais, Guilherme Camarinha, Joana Vasconcelos, John Olsen, Jorge Martins, José de Guimarães, José Nuno da Câmara Pereira, José Sousa Lara, Júlio (Saul Dias), Júlio Resende, Lourdes Castro, Luís Filipe de Abreu, Luís Pinto-Coelho, Manuel Amado, Manuel Cargaleiro, Marcello Moraes, Maria João Franco, Matégot, Menez, Nadiz Afonso, Otto Nielsen, Paul Mathieu, Renato Torres, Rigo 23, Roger Kathy, Rogério Ribeiro Rui Moreira, Sérgio Telles, Tom Phillips, Vieira da Silva e Vitor Pomar.
Il Portalegre Guy Fino Tapestry Museum è ospitato in un palazzo del XVIII secolo, organizzato al piano terra con storia della produzione di arazzi Portalegre, e al primo piano con opere di arazzo in ordine cronologico dagli anni Quaranta ad oggi.

8. Portalegre Municipal Museum

Portalegre Museo Civico: è un museo inaugurato nel 1918, installato in una casa nobiliare del XVI secolo, situata accanto alla Cattedrale. Al Museo Municipale di Portalegre, possiamo visitare una collezione di arte sacra dai conventi di Portalegre, maioliche portoghesi dal XVII secolo all’inizio del XX secolo, mobili di D. João V, stili di D. artisti portoghesi, la collezione di Santos António, tabacchiere d’argento e la prima automobile che circolò a Portalegre.

9. Cappella del Calvario

Capela do Calvário: è una cappella di architettura manierista del XVIII secolo, situata a Portalegre.

10. Portalegre Castle

Castelo de Portalegre: è un castello di architettura gotica del XIII secolo classificato come Patrimonio Nazionale dal 1946. Il castello di Portalegre era una delle fortificazioni più importanti, parte del sistema difensivo dell’Alto Alentejo. Con i recenti lavori di ristrutturazione, il castello è stato trasformato in rovine di un castello medievale con un mix di architettura contemporanea.
Sulle mura del castello intorno a Portalegre troviamo le Portas do Postigo,
Portas de Alegrete, Portas de Elvas, Portas da Deveza, Portas do Espírito Santo, Portas do Bispo, Portas de São Francisco, e le Portas de Évora.

11. Miradouro da Serra

Miradouro da Serra: è un belvedere situato nella Serra de Portalegre, a un’altitudine di circa 670 metri, che offre una vista panoramica sulla città di Portalegre.

12. Cappella di Nossa Senhora da Penha

Cappella di Nossa Senhora da Penha: è una cappella classificata come Edificio di Interesse Pubblico, situata sulla sommità di una collina a Serra da Penha ad un’altitudine di circa 628 metri, vicino alla Estrada Nacional 18, vicino a Portalegre . All’esterno della cappella troviamo il Miradouro da Penha, da dove possiamo godere di una vista panoramica sul paesaggio circostante.

13. I palazzi e le dimore signorili di Portalegre

  • Palácio dos Tavares Falcões, XVI secolo
  • Palácio dos Caldeira Castelo-Branco, XVI-XVII secolo
  • Palazzo episcopale, XVI-XVII secolo
  • Municipio, XVII secolo
  • Palazzo Giallo, XVII secolo
  • Palazzo Andrade e Sousa, XVII secolo
  • Palazzo Achioli, XVII secolo
  • Palazzo Avilez del XVIII secolo
  • Palazzo Caldeira de Castel-Branco Barahona, o Palazzo
  • Barahona, XVIII secolo
  • Palazzo Póvoas, XVIII secolo
  • Solar dos Viscondes de Portalegre
  • Solar das Avencas

14. Le fonti di Portalegre

  • Fonte do Outeiro, con lo stemma della città
  • Fontane Corro
  • Fontana di Três Bicas, sormontata da un balcone
  • Fonte da Concha
  • Fonte da Boneca, realizzata in liso
  • Fonte do Mergulho, fornita dal Convento di Santa Clara
  • Fontana della Misericordia
  • Fonte Nova, dello scultore Augusto Desirat
  • Fontana Rossio
  • Fontana del Nettuno

Altri luoghi da visitare nel quartiere di Portalegre

Castello di Marvão

Castelo de Marvão: è un castello situato nel Parco Naturale di São Mamede, con una costruzione del castello iniziata nel XII secolo e completata nel XIII secolo. Era importante come la prima linea di difesa del paese nella Guerra di Restauro e durante le invasioni francesi del XIX secolo. Le principali attrazioni del castello sono il mastio, un ristorante, un centro interpretativo di Portalegre e una sala espositiva.

  • Marvão: è un villaggio portoghese di circa 500 abitanti situato vicino al confine tra Portogallo e Spagna. Marvão si trova in cima alla Serra do Sapoio, con le mura del castello che proteggono l’intero villaggio. Marvão è una delle 21 meraviglie del Portogallo.
    L’eccezionale patrimonio di Marvão comprende il Castelo de Marvão, la Cappella dell’Espírito Santo, la Casa da Cultura, il Convento di Nossa Senhora da Estrela, il Museo Municipale, la Città romana di Ammaia, il Lagar / Museu António Picado Nunes, Quinta Pedagógica das Avelãs e Torre da Portagem.
    Integrato nel Parco Naturale della Serra de São Mamede, Marvão è un comune segnato dalla natura, con enfasi sul fiume Sever e la Serra de São Mamede. Marvão è il capoluogo del comune, con le parrocchie di Beirã, Santa Maria de Marvão, Santo António das Areias e São Salvador da Aramenha.
    Vicino a Marvão troviamo la Torre medievale di Portagem, una torre quadrangolare, probabilmente del XIV secolo, destinata alla sorveglianza del Ponte romano di Portagem, un ponte costruito sul fiume Sever alla fine del XVI secolo, all’inizio del XVII secolo con pietre di granito riutilizzate da un primitivo ponte romano. Qui troviamo la Praia Fluvial de Portagem, una spiaggia fluviale con l’acqua del fiume Saver.
  • Ammaia: sono le rovine di un’antica città romana della fine del I secolo a.C., situata nel Parco Naturale della Serra de São Mamede, classificata come Monumento Nazionale dal 1949.

Castello di Elvas

Castelo de Elvas: è un castello del XIII secolo classificato come Patrimonio dell’Umanità, Monumento Nazionale, situato in posizione dominante sul villaggio di Elvas e sul fiume Guadiana. Il castello di Elvas fa parte del progetto Turismo Militare, che presenta itinerari storici con l’obiettivo di far conoscere la Storia Militare del Portogallo.

  • Elvas: è una città portoghese di circa 20mila abitanti situata vicino al confine con la Spagna. Elvas fu popolata da Visigoti, Celti, Romani e Arabi fino alla Riconquista nel 1229. Il centro storico della città di Elvas è protetto dal più grande insieme di fortificazioni bastionate del mondo, con un perimetro di da otto a dieci chilometri, in un’area di circa 300 ettari.
    Parte della città di Elvas è stata classificata come Patrimonio dell’Umanità, vale a dire il centro storico, le mura bastionate del XVII secolo, il Forte de Santa Luzia, il Forte da Graça, l ‘Aqueduto da Amoreira con gli 843 archi che lo compongono, il forte São Pedro, il forte São Mamede e Fortim de São Domingos. Il patrimonio di Elvas comprende anche il Museo Municipale di Fotografia João Carpinteiro, il Museo Militare del Forte di Santa Luzia, il Museo di Arte Contemporanea, il Museo Rurale e il Museo Archeologico.
    Elvas ha una grande importanza nel turismo equestre, in particolare attraverso il Centro ippico di São Brás e il Parque e Clube de Tiro e Caça de Elvas.
    La gastronomia di Elvas, una cucina tipica dell’Alentejo, comprende specialità come zuppe di pane, agnello arrosto, merluzzo dorato, migas di coriandolo, olive Elvas e prugne Elvas.
  • Aqueduto da Amoreira: è un magnifico acquedotto del XVI e XVII secolo, classificato come patrimonio mondiale dell’UNESCO, parte della “Città di confine e guarnigione di Elvas e le sue fortificazioni, monumento nazionale, considerato il più grande acquedotto nella penisola iberica., con 8,5 chilometri di lunghezza, 843 archi con più di cinque archi e torri che si elevano a 31 metri di altezza.
  • Forte di Nossa Senhora da Graça: o Fort Conde de Lippe, è una spettacolare fortificazione del XVIII secolo, con una cittadella, classificata come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, Monumento Nazionale, situata sul top do Monte da Graça, parte della “Città Fronteiriça e Guarnição de Elvas e le sue fortificazioni. Il Forte di Nossa Senhora da Graça è uno spazio ampio e ben conservato che richiede tempo per essere esplorato. Il Forte è costituito da tre linee difensive considerate un’opera d’arte di architettura militare Il Forte di Nossa Senhora da Graça era la fortezza che ha permesso di completare il circuito difensivo della città di Elvas.
  • Forte di Santa Luzia: è un forte del 1648 classificato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, Monumento Nazionale, progettato con pianta a stella, destinato a difendere il fronte meridionale della città di Elvas.
  • Museo militare di Elvas:

Monumento naturale di Portas de Ródão

Monumento naturale di Portas de Ródão: noto come Portas de Rodão, è un luogo tranquillo creato da una formazione rocciosa tra scarpate alte 170 metri che simulano due porte con il fiume Tago al centro, creando un paesaggio naturale di grande attrazione . Dopo le Portas de Rodão c’è un grande lago, che testimonia che la Portao de Rodão è stata originata dall’erosione di milioni di anni. In cima a Portas de Rodão possiamo visitare il castello di Rei Wamba, il villaggio paleolitico di Vilas Ruivas. Questo è un luogo eccellente per il birdwatching, con avvistamenti regolari di avvoltoi, rapaci e altre specie. Le Portas de Rodão sono uno dei geositi del Geopark Naturtejo da Meseta Meridional che fa parte del World Geoparks Network, creato dall’UNESCO e copre un’area che comprende i comuni di Castelo Branco, Idanha-a-Nova, Nisa, Oleiros, Proença -a-Nova e Vila Velha de Ródão.

Castelo de Vide

  • Castelo de Vide: è un villaggio portoghese situato su una collina nella Serra de São Mamede con circa 3400 abitanti. Castelo de Vide è considerato da molti come “Sintra do Alentejo”, un villaggio dell’Alentejo dalle peculiarità uniche, con case imbiancate a calce, strade in pendenza, circondate da mura. A Castelo de Vide possiamo visitare un importante e vasto patrimonio, vale a dire: il castello medievale di Vide, il ebreo di Castelo de Vide, un quartiere ebraico che comprende una sinagoga, Praça D Pedro V, la Chiesa di São João Batista, la Chiesa Madre e le case signorili, che troviamo in tutto il villaggio. Vicino al villaggio di Castelo de Vide troviamo il Monte da Pena, un luogo dove si trova la Cappella di Nossa Senhora da Pena, con un punto di vista sul Castelo de Vide. La moderna area di Castelo de Vide dispone di piscine comunali, piscine con scivoli, un padiglione comunale, una pista di atletica e un campo da calcio. Le feste più importanti a Castelo de Vide sono il Carnaval Trapalhão, che si svolge ogni anno a febbraio, la Semana Santa, che si svolge ogni anno ad aprile, e il Mercato medievale, che si tiene luogo che si tiene ogni anno in agosto e settembre. Il Festival Andanças – Festival Internazionale di Musica e Danze Tradizionali, che si tiene ogni anno ad agosto, sta acquistando importanza negli ultimi anni.
  • Castelo Medieval de Vide: è un castello del XIV secolo, classificato come monumento nazionale, situato sulla sommità della collina della catena montuosa di São Mamede. Il Castello Medievale di Vide è una delle maggiori attrazioni del quartiere Portalegre. All’interno delle mura troviamo il borgo medievale, il quartiere ebraico e la sinagoga.
  • Anta da Melriça: situato vicino al villaggio di Castelo de Vide, è costituito da un monumento megalitico di roccia eretta, che era una funzione funeraria.

Castello di Belver a Gavião

Castelo de Belver è un castello del XIII secolo, considerato uno dei castelli più completi dell’architettura militare medievale portoghese, situato in posizione dominante sulla confluenza del torrente Belver con la riva destra del fiume Tago.
Gavião: è un villaggio di circa 3200 abitanti, profondamente segnato dalla bellezza naturale circostante. Nel comune di Gavião, vale la pena visitare il Castelo de Belver, il ponte sul fiume Tagus de Belver, il belvedere di Outeirinho, il belvedere di Pintalgaio, il cappella Nossa Senhora do Pilar, il centro di interpretazione del castello di Belver, il sentiero Fonte Velha, la chiesa madre Gavião, il museo Sabão, il museo della vite e del vino, il museo delle mante e degli arazzi Belver, spiaggia del fiume Alamal, osservatorio di Avifauna e Ribeira da Venda.

  • Praia Fluvial de Ortiga: è una spiaggia di sabbia fluviale sul fiume Tago a ridosso della diga di Belver, dove si trova il campeggio Ortiga. Nelle vicinanze si possono intraprendere alcuni sentieri a contatto con la natura, dove troviamo il belvedere naturale di Cova, la Terrazza GEOSSITIO con materiale paleolitico e il borgo di Ortiga.
  • Anta do Penedo Gordo: un monumento megalitico situato a nord della diga di Belver.

Castello di Alegrete

Castelo de Alegrete: è un piccolo castello di architettura gotica costruito nel Medioevo, situato nel villaggio di Alegrete, Portalegre. Dal castello abbiamo una vista panoramica del paese e del paesaggio montano circostante. Per la sua posizione era una delle fortificazioni più importanti dell’Alto Alentejo.

Fluviário de Mora

Fluviário de Mora: è un fiume situato nel Parco Ecologico di Gameiro, nella parrocchia di Cabecção. Il Fluviário de Mora è composto da un insieme di acquari dedicati agli ecosistemi d’acqua dolce, con l’esposizione di habitat rappresentativi del corso di un fiume iberico, dalla sorgente, attraverso la foce, al mare. Fluviário de Mora ha programmi scientifici e pedagogici presentati su diversi temi, vale a dire, Lontrário, la sala Saramugo, la sala Monstros do Rio, la sala delle esposizioni multimediali, l’aula, un auditorium e la sala degli habitat esotici, con il Rio delle Amazzoni e l’African Great Specie dei laghi. È un’attrazione speciale per famiglie e bambini, un luogo speciale per conoscere la natura. Vicino al Fluviário de Mora possiamo visitare il villaggio di Mora, dove troviamo:

  • Museo Interattivo del Megalitismo: è un museo situato nella vecchia stazione ferroviaria di Mora, premiato con il premio “Miglior progetto pubblico”, dove possiamo conoscere il patrimonio megalitico del Comune di Mora attraverso tre spazi rappresentativi di la quotidianità delle popolazioni, dedicata al tema: “Vita, morte e contemplazione” attraverso un video 3D che racconta la vita in un villaggio neolitico.

Parco ecologico di Gameiro

Parque Ecológico do Gameiro: è un parco naturale che coinvolge il Fluviário de Mora a Vila de Cabecção, dove troviamo una spiaggia fluviale, campeggio, area picnic, parco giochi per bambini, bar / caffetteria, Passerelle in legno Gameiro lungo la Ribeira da Raia, parco giochi e Centro di interpretazione ambientale. Il Parco Ecologico Gameiro è il luogo ideale per godersi una giornata nella natura, con un campo da calcio, una caffetteria, docce, molta ombra, in un ambiente pulito e attento.

Castello di Alter do Chão

Castello Alter do Chão: è un castello di architettura medievale, costruito nel XIV secolo, con mura in scisto e granito, rinforzato da sei torri. Il castello di Alter do Chão è un’antica difesa della regione dell’Alentejo, situata nel villaggio portoghese di Alter do Chão, un villaggio situato nel distretto di Portalegre con circa 3100 abitanti. Alter do Chão fu fondata nel 204 d.C. con il nome di Elteri sotto l’occupazione romana. Qui possiamo visitare il Castello Alter do Chão, la Chiesa di Nosso Senhor Jesus do Outeiro, la Chiesa della Misericórdia, la Cappella di Santana e la Stud Farm fondata nel 1748 dal re portoghese D João V , con l’obiettivo di creare cavalli lusitano per il maneggio reale.

Museo Militare di Elvas

Museo Militare di Elvas: è un museo situato all’interno delle mura della città di Elvas, nell’edificio del Convento de São Domingos e della Igreja de São Domingos. Nel museo militare di Elvas possiamo vedere gli elementi di trazione animale e imbracatura militare, il servizio sanitario nelle diverse specialità mediche militari, la Collezione di veicoli militari, ovvero un militare carro armato presente all’ingresso del museo, il carro armato M42-AI Stuart, modello dal 1942, i veicoli M47 Patton e Unimog 411, utilizzati nelle campagne coloniali portoghesi, le comunicazioni militari, il Centro di Interpretazione del Patrimonio Elvas e il Centro di Animazione e Formazione Equestre di Elvas

Castello di Campo Maior

Castello di Campo Maior: è un castello di architettura militare costruito da D. Dinis nel 1310, classificato Monumento Nazionale, situato nel villaggio Alentejo di Campo Maior. Campo Maior divenne il centro militare più importante del Portogallo, dopo Elvas. Aveva la funzione di difesa di confine, motivo per cui fu ampliata nel XV secolo con una cinta muraria che ospitava l’intero perimetro urbano. All’interno delle mura del paese possiamo visitare altre attrazioni, ovvero il Lagar Museu do Palácio Visconde d ‘Olivã, la Cappella delle Ossa di Campo Maior, la Igreja Matriz, Igreja de São João Batista, il Museo all’aperto di Campo Maior a Praça da República dove troviamo la Gogna di Campo Maior e il municipio, e ai margini del centro storico con l’ampliamento di nella nuova città di Campo Larger troviamo il Giardino Comunale, con aree verdi, terrazze, e la statua del Comendador Nabeiro, un uomo d’affari della regione che ha contribuito allo sviluppo locale attraverso la creazione di posti di lavoro con il caffè industria. Da segnalare il patrimonio naturalistico di Campo Maior, ovvero la diga del fiume Caia e la diga di Abrilongo. Campo Maior è noto per le feste popolari, che si tengono ogni anno a settembre. Durante queste feste, il villaggio viene “vestito” di fiori di carta e trasformato in un immenso giardino

  • Science and Café Center: è uno spazio creato dall’industriale Comendador Rui Nabeiro, in un edificio con una superficie totale di 3426 m2, dove possiamo visitare e conoscere la storia, il processo di trasformazione e tutto ciò che riguarda come il mondo del caffè, attraverso mostre e interattività. Il Science and Coffee Center appartiene al gruppo Nabeiro, creatore del marchio portoghese Delta Café dal 1961. Un luogo da visitare …

Adega Mayor

Adega Mayor: è una cantina progettata dall’architetto Siza Vieira, dove in un campo di 350 ettari è stata creata una cantina, con vista sul vigneto, un uliveto, la Spagna e la Serra de Portalegre. Qui possiamo sperimentare laboratori, visite guidate nel mondo degli aromi del vino prodotti in questa tenuta, degustazioni di prodotti gastronomici della regione e un tour della tenuta Adega Mayor.

Castello di Amieira do Tejo

Castello di Amieira do Tejo: è un castello di architettura gotica del XIV secolo, che integrava la linea di difesa del confine tra Portogallo e Spagna, situato nel villaggio di Amieira do Tejo. Il Castello di Amieira è un piccolo castello in buone condizioni.

Museo del sapone

Museu do Sabão: è un museo installato nella vecchia scuola elementare di Belver, che preserva la cultura dell’industria del sapone dal XVI secolo, avvenuta principalmente nelle zone dell’Alto Alentejo e del Castelo Branco. L’importanza economica e sociale nel villaggio di Belver derivata dall’industria del sapone era notevole per la presenza di diversi produttori artigianali e per la Royal Soap Factory. Il Museo del sapone è un museo con molte informazioni sulla produzione, la storia e l’uso del sapone, che mira a diffondere le conoscenze acquisite dagli antenati e ad onorare la memoria dei produttori di sapone di Belver.

Centro di interpretazione della battaglia di Atoleiros

Centro di Interpretazione della Battaglia di Atoleiros: è un museo che rappresenta una ricostruzione, attraverso mezzi multimediali, della Battaglia di Atoleiros condotta il 6 aprile 1384 nei pressi del villaggio di Fronteira.

Rail Bike Marvão

Rail Bike Marvão: è un’esperienza con due percorsi in una macchina a pedali, che scorre sulla vecchia linea ferroviaria Marvão, tra le stazioni storiche del Parco Naturale della Serra de São Mamede, permettendoti di osservare la natura e la vita selvaggia, un ponte alto 30 metri e viste panoramiche sul Castello di Marvão e sul villaggio storico di Castelo de Vide. Questa esperienza richiede uno sforzo fisico.

Menhir de Meada

Menhir de Meada: è un menhir del periodo neocalcolitico 2500-3500 a.C., situato a Castelo de Vide, classificato come il più grande Menhir della penisola iberica, con circa 4 metri di altezza, classificato Monumento Nazionale . L’area dei menhir è circondata da menhir più piccoli e querce da sughero.

Tapiro di Pavia

Tapiro di Pavia: è un tapiro risalente al IV o III millennio a.C. e trasformato nella cappella di São Dinis nel XVII secolo, situata al centro del piccolo villaggio di Paiva.

Ponte di Nossa Senhora da Ajuda

Ponte Nossa Senhora da Ajuda: è un ponte cinquecentesco lungo trecentottanta metri e largo cinque metri e mezzo, sorretto da diciannove archi, creando un fantastico paesaggio sul fiume Guadiana.

Monastero di Flor da Rosa

Monastero Flor da Rosa: o Monastero dell’Ordine dell’Ospedale da Flor da Rosa, è un monastero fortificato del XIV secolo classificato Monumento Nazionale, trasformato nel 1995 in unità alberghiera di Pousadas de Portugal . Nella chiesa del convento si trovano attualmente il Centro di scultura medievale del Museo Nazionale di Arte Antica e una mostra di sculture di João Cutileiro.

  • Anta da Aldeia da Mata: è un monumento megalitico ben conservato, situato vicino al Monastero Flor da Rosa, situato in una tenuta privata circondata da pascoli e querce da sughero, un tipico paesaggio dell’Alentejo. Per visitare il Tapiro di Aldeia da Mata dobbiamo attraversare il cancello della proprietà. All’interno della proprietà privata sono presenti bovini e si consiglia cautela con gli animali.

Castello di Avis

Castelo de Avis: è un castello è un castello del XIII secolo situato nel villaggio di Avis, un villaggio portoghese situato ad un’altitudine di 201 metri con circa 4200 abitanti. Il villaggio di Avis era la sede dell’Ordine di Avis, uno dei più importanti ordini militari del Portogallo. Il villaggio respira storia, in particolare il centro storico, il Castelo de Avis, l’Igreja Matriz, l’Igreja de Ervedal, il Museu do Campo Alentejano, il Centro Interpretativo da Ordem de Avis e il convento di São Bento da Order of Avis. Avis dispone di luoghi per la pratica degli sport all’aria aperta e del turismo rurale, ovvero il campeggio del bacino idrico del Maranhão e il complesso del club nautico Avis, con spiaggia fluviale, piscine, ristorante e aree verdi. Le feste e i pellegrinaggi più importanti in Avis sono la Fiera iberica medievale che si svolge a maggio e la Feira Franca de Avis, che si svolge a luglio.

Museo municipale della fotografia João Carpinteiro

Museo Municipale di Fotografia João Carpinteiro: è un museo installato nell’edificio del vecchio Cinema Central, dove possiamo conoscere la storia della fotografia, una collezione di macchine fotografiche del Dr. João Carpinteiro, come un laboratorio fotografico opere di sviluppo, una libreria e una banca di immagini.

Diga di Póvoa

Diga di Póvoa: è una diga vicino a Castelo de Vide, che forma il piccolo bacino idrico della diga di Póvoa e Meadas. È un luogo immerso nella natura, ricercato per gli sport all’aria aperta e per i picnic.

Ponte Vila Formosa

Ponte de Vila Formosa: è un antico ponte romano del I o II secolo, con 6 arcate divise in 100 metri di lunghezza sul torrente Seda, situato al km 8 della EN. 369. Il ponte fa parte dell’antica strada romana che collegava Lisbona a Mérida in Spagna. Per le sue buone condizioni viene ancora utilizzata per la circolazione automobilistica. Il ponte Vila Formosa è classificato come monumento nazionale.

Caia Dam

Barragem do Caia: è la diga con l’invaso più grande del comprensorio di Portalegre, alimentata dal fiume Caia. La diga è ricercata per gli sport acquatici, ovvero windsurf, kitesurf, canoa, stand up paddle, mountain bike e sport nella natura, ovvero birdwatching, escursionismo e pesca.

Convento di Nossa Senhora da Estrela

Convento di Nossa Senhora da Estrela: si tratta di un convento del XV secolo situato nel villaggio di Santa Maria de Marvão, classificato come Bene di Interesse Pubblico.

Vila de Arronches

  • Arronches: è un villaggio portoghese situato vicino al confine con circa 2800 abitanti. Arronches si trova nel Parco Naturale della Serra de São Mamede, che permette di praticare attività sportive all’aperto e passeggiate in mezzo alla natura. Nel villaggio di Arronches segnaliamo il Castello di Arronches, la Chiesa Madre, la Chiesa della Misericórdia, la Chiesa di Nossa Senhora da Luz, la torre medievale e il Passeio do Vassalo.

Vila de Fronteira

  • Fronteira: è un tradizionale villaggio portoghese con circa 3000 abitanti, fondato dal re portoghese D Dinis nel XIII secolo. Vicino a Fronteira troviamo Atoleiros, il luogo in cui D Nuno Álvares Pereira sconfisse i castigliani nel 1384, garantendo l’indipendenza del Portogallo. Nel villaggio di Fronteira, la Igreja Matriz, la Igreja dos Senhor dos Mártires, l’edificio Paços do Concelho, la stazione ferroviaria con pannelli di piastrelle raffiguranti lo stile di vita della regione, i palazzi signorili del XVIII secolo, l’Interpretazione Centro della battaglia di Atoleiros, le Termas da Sulfúrea, il belvedere del Santuario di Nossa Senhora de Vila Velha e la spiaggia fluviale di Ribeira Grande.
    Le feste e i pellegrinaggi più importanti a Fronteira sono: le Feste d’Onore di Nossa Senhora da Vila Velha che si svolgono ogni anno in agosto, la Commemorazione della Battaglia di Atoleiros, festa municipale che si svolge ogni anno ad aprile, la Fiera medievale, che si tiene si svolge ogni anno ad aprile e il festival in onore di Nossa Senhora das Candeias, che si svolge ogni anno a febbraio.

Vila de Monforte

  • Monforte: è un paese di 3000 abitanti situato nel comune di Portalegre. Monforte è noto per essere il luogo di origine del cane Serra d’Aires e del rafeiro dell’Alentejo. A Monforte si evidenziano il Centro di riproduzione Rafeiro Alentejano, il Centro interpretativo Tauromatic, Herdade do Perdigão, la chiesa di Calvário, la chiesa di Nossa Senhora da Conceição, la chiesa di São João Batista, il museo municipale, il vecchio ponte di Monforte, le rovine di Palma, la Torre das Figueiras e la Torre do Frade.

Ponte de Sor

  • Ponte de Sor: è una città e un comune nel distretto di Portalegre con circa 15000 abitanti. Nel comune di Ponte de Sor possiamo visitare il Centro di Arte e Cultura, la Chiesa Madre di Ponte de Sor, l’Albufeira de Montargil, le sei cappelle della Galveia, il parco acquatico Oásis Parque, i mulini ad acqua rotanti, il Nucleo megalitico de Montargil, la necropoli di Santo André e l’area fluviale di Ponte de Sor.
    Le feste e i pellegrinaggi più importanti a Ponte de Sor sono il festival Salgueirinha che si svolge ogni anno il lunedì di Pasqua, il festival Centrum Sete Sois Sete Luas, che si svolge ogni anno tra luglio e settembre, il La fiera di ottobre, che si svolge ogni anno in ottobre, e il Festival internazionale delle mongolfiere che si svolge ogni anno a novembre. Ponte de Sor è servito dall ‘Aerodromo Municipale di Ponte de Sor, con voli in aliante, e corsi superiori relativi ad aeronautica / aerospaziale, tenuti presso l’edificio Campus Universitário.

La gastronomia di Portalegre

I piatti tipici di Portalegre sono:

  • Spezzatino di cereali
  • Quaglia fritta
  • Crato Stew
  • Stufato di agnello
  • Lacon arrosto
  • Lepre con fagioli bianchi
  • Lepre con riso
  • Marheiros à Belverense
  • Pernice marinata
  • Pastelli di Santa Clara
  • Portalegre Queijadas
  • Sericaia
  • Formaggio Nisa

Il mestiere di Portalegre

L’ex libris dell’artigianato della città è l’arte dell’arazzo, considerato il miglior arazzo del Portogallo e uno dei migliori al mondo. L’artigianato di Portalegre include anche le tradizioni del fabbro e della latta.

Storia di Portalegre

Portalegre è stata fondata nel periodo dell’occupazione romana, essendo chiamata Portus Alacer o Porto Alegre. Portalegre fungeva da rifugio per i viaggiatori di passaggio nella regione. Portalegre fu fortificato a causa della vicinanza del confine con la Spagna, e nel 1290 fu costruito un castello con dodici torri e sette porte che proteggevano il villaggio dall’accesso di estranei. Portalegre fu elevata alla categoria di città nel 1550. Nel XVII secolo fu inaugurata la Real Fábrica de Lanificios, che contribuì allo sviluppo della città. Nell’Ottocento venne costruita la Robinson Factory, dedicata alla preparazione e trasformazione del sughero. Il 18 luglio 1835 Portalegre fu designata capitale del distretto.

L’economia di Portalegre

L’agricoltura rappresenta la massima importanza nell’economia del distretto di Portalegre, con la produzione di cereali, olio d’oliva, noci e vino; bestiame, con la creazione di bovini, caprini, suini e cavalli; l’industria della panificazione, l’industria del latte, del caffè e del tè, la produzione di sughero e il turismo. Il distretto di Portalegre ha il punto di residenza cittadina più grande d’Europa.
Il turismo è cresciuto nell’interno dell’Alentejo negli ultimi decenni, con l’emergere del turismo rurale migliorato con alloggi rurali di qualità, turismo naturalistico, enoturismo, turismo nautico associato alle dighe, turismo legato al circuito culturale e religioso, gastronomico ed enoturistico, turismo della salute legato alle terme.

L’economia imprenditoriale e industriale del distretto di Portalegre è sostenuta e sostenuta dall’esistenza di tredici Zone Industriali:

  1. Zona industriale Alter do Chão
  2. Zona industriale Avis
  3. Zona Industriale Campo Maior
  4. Zona industriale di Castelo de Vide
  5. Zona industriale di Crato
  6. Zona industriale di Elvas
  7. Zona industriale di frontiera
  8. Zona industriale di Gavião
  9. Zona industriale di Marvão
  10. Zona Industriale Monforte
  11. Zona industriale di Nisa
  12. Zona industriale di Portalegre
  13. Zona industriale Sousel

Posizione geografica del distretto di Portalegre

Portalegre confina a nord con il distretto di Castelo Branco, a sud con il distretto di Évora, a ovest con il distretto di Santarém e a est con la Spagna. Il distretto di Portalegre conta 69 parrocchie, divise per 15 comuni comprendenti la città di Elvas, la città di Portalegre, la città di Ponte de Sor, la frazione di Campo Maior, il villaggio de Nisa, il villaggio di Alter do Chão, il villaggio di Castelo de Vide, il villaggio di Fronteira, il villaggio di Arronches, il villaggio di Sousel, il villaggio di Avis, il villaggio di Crato, il villaggio di Gavião, il villaggio di Monforte e il villaggio di Marvão.
I fiumi più importanti nel distretto di Portalegre sono il fiume Avis, il fiume Caia, il fiume Guadiana, il fiume Sever e il fiume Tago. Le montagne più importanti del distretto di Portalegre sono la catena montuosa del Monte da Penha, la catena montuosa di São Mamede, la catena montuosa del Nisa, la catena montuosa del Marvão e la catena montuosa di Portalegre.

Portalegre Feste e Pellegrinaggi

  • Made in Portalegre: si tiene nel mese di ottobre, ogni due anni;
  • Portalegre JazzFest: si tiene ogni anno a febbraio;
  • Fiera Conventuale della Pasticceria: si tiene ogni anno nel mese di aprile;
  • Campionato fuoristrada Low 500: si tiene ogni anno in ottobre;
  • Festival Internazionale del Teatro: si tiene ogni anno a novembre.

Portalegre Fast Facts

  • Popolazione cittadina: circa 22mila abitanti
  • Fondazione della contea: 1259
  • Regione: Alentejo
  • Sotto-regione: Alto-Alentejo
  • Distretto: Portalegre
  • Festa comunale: 23 maggio
Back to Top
error: