Tempio romano di Évora, in Largo do Conde de Vila Flor

Tempio romano di Évora, in Largo do Conde de Vila Flor

Évora

Évora è un’antica città portoghese, situata nella regione dell’Alentejo con uno dei centri storici del Portogallo più ricchi di monumenti. La città di Évora è stata soprannominata Città-Museo per via del suo centro storico, classificato come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1986. Évora ha una storia di oltre cinque millenni, con insediamenti neolitici come Castelo de Giraldo, abitata ininterrottamente dal III millennio al primo millennio avanti Cristo, e monumenti megalitici che possiamo visitare, come la Anta do Zambujeiro e la Cromeleque dos Almendres. La città medievale di Évora è circondata dal recinto medievale di Évora, da alcune mura del XIV secolo con una lunghezza approssimativa di 2mila metri e una superficie di 100mila metri quadrati, con torri difensive romane dal 2 ° o 3 ° secolo.

Luoghi da visitare nel centro di Évora (top 25)

1. Évora Historic Centre

Centro storico di Évora: classificato come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO dal 1986, è costituito dalla città circondata dal recinto medievale di Évora. All’interno delle mura del recinto medievale di Évora troviamo una città definita da strade labirintiche tra edifici storici, case basse con l’architettura tradizionale dell’Alentejo, dipinte con strisce colorate di giallo e grigio, balconi con recinzioni in ferro, tetti di tegole e strade strette pavimentato con pietra naturale, dove troviamo monumenti in abbondanza. La Praça do Giraldo segna il centro della città vecchia, con numerosi ristoranti, negozi, la chiesa di S. Antão, l’ufficio turistico di Évora e la Chafariz da Praça do Giraldo una fontana di marmo bianco, classificata Monumento Nazionale, che segna il centro della città vecchia di Évora in Praça do Giraldo. La fontana è decorata con otto fontane che simboleggiano le otto strade che collegano alla piazza Giraldo. Nel centro storico della città possiamo anche trovare la Capela dos Ossos, il Convento dos Lóios, la Chiesa di São Francisco, il Palazzo Dom Manuel, la Cattedrale di Évora, il Tempio Romano di Évora (noto come Tempio di Diana), l’Università di Évora, ristoranti e negozi tradizionali e molto altro …

2. Tempio romano di Évora

Tempio Romano di Évora: noto anche erroneamente come Tempio di Diana, è un tempio romano del I secolo che rimane dal foro della città di Évora. Con un aspetto decisamente imponente nel centro della città, è stato costruito nell’arco di due secoli, situato in Largo Conde de Vila Flor, è il monumento più visitato del centro storico di Évora. Il tempio romano di Évora è iscritto nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO, classificato come monumento nazionale. Durante le invasioni “barbariche” nel V secolo, il tempio fu distrutto, mentre nel XIV secolo fungeva da macellaio e caposaldo del castello di Évora, essendo stato ristrutturato nel XIX secolo. Dal tempio romano di Évora, rimane il podio alto 4 metri in pietra di granito, parte del colonnato con 14 colonne, 12 delle quali complete, in pietra di marmo bianco di Estremoz e vestigia della scala. Recenti scavi hanno rivelato che il Tempio era anticamente circondato da un monumentale portico e da uno specchio d’acqua. Il Tempio Romano di Évora è stato a lungo considerato una dedica a Diana, dea figlia di Giove nell’Impero Romano, tuttavia ora è più consensuale del tempio di Évora è una dedica al culto dell’imperatore Augusto.

3. Cappella delle ossa

Capela dos Ossos: è un’imponente cappella con pareti e pilastri rivestiti da migliaia di ossa e teschi, e mummie esposte in acquari di vetro, provenienti dagli spazi funerari collegati al convento. La Cappella delle Ossa si trova nella Chiesa di São Francisco, costruita nel XVII secolo, con l’intento di riflettere sulla caducità della vita umana e il conseguente impegno per un’esperienza cristiana permanente. I soffitti della cappella sono decorati con illustrazioni che rappresentano passaggi biblici e strumenti della Passione di Cristo, risalenti al 1810. Quando si visita la cappella, siamo invasi da innumerevoli sensazioni, a causa della natura insolita di essere circondati da così tante ossa … per alcuni possono essere un po ‘spaventosi, allo stesso tempo super interessanti!
Il messaggio che abbiamo trovato all’ingresso allude al pensiero: “Noi ossa che siamo qui per le vostre aspettiamo”.

4. Évora Cathedral

Sé Catedral de Évora: o Sé Basilica di Nossa Senhora da Assunção, è una cattedrale in stile romanico e gotico, classificata come monumento nazionale, situata sulla cima più alta della città di Évora. La Sé Catedral è stata costruita in pietra di granito durante il XII e il XII secolo e nel 1930 è stata insignita del titolo di Basilica Minore dal Papa Pio XI. La magnificenza della Cattedrale Sé è notevole all’estero con il facciata, il campanile, il portico con le figure atlantidee degli Apostoli e la torre della lanterna, essendo l’ex libris della cattedrale visibile come il punto più alto dell’intera città di Évora. L’interno della Sé Catedral è altrettanto imponente, le navate della chiesa lunghe 80 metri, le statue in marmo, l’organo a canne, le cappelle, l’altare e il presbiterio in marmo e i chiostri riccamente ornati. Nel Museu de Arte Sacra, situato nell’ex Colégio dos Moços do Coro da Sé, nell’edificio della Sé Catedral de Évora, possiamo vedere alcuni pezzi di arte sacra ovvero collezioni di gioielli, paramenti, pittura e scultura e un trittico scolpito in avorio che rappresentano la vita di “Nossa Senhora do Paraíso” in nove episodi. La vista panoramica dalla cima della cattedrale sulla città e sui suoi dintorni è magnifica, dandoci la percezione della città di Évora, dei suoi limiti e dei campi all’orizzonte.

5. Chiesa di São Francisco

Igreja de São Francisco: è una chiesa in stile manuelino del XVI secolo, classificata come monumento nazionale. La primitiva chiesa fu fondata inizialmente nel XIII secolo, fu rimaneggiata alla fine del XV secolo fino al XVI secolo, diventando nota come Convento do Ouro durante il XVI secolo fino a quando fu ceduta al Terzo Ordine di Penitenza di San Francisco. Attualmente la chiesa è una delle attrazioni più visitate di Évora per la sua magnificenza e storia, e per aver ospitato la Capela dos Osso e il Núcleo Museológico creati nell’antico dormitorio dei frati con una collezione di dipinti, gioielli religiosi e sculture dal XVI al XVIII secolo esistenti nei conventi francescani ebanensi estinti.

6. Silver Water Acqueduct

Acquedotto Água de Prata: è uno dei pochi acquedotti del XVI secolo ancora in funzione. Costruito per volere del re D. João II, è classificato come Monumento Nazionale, fa parte del Centro Storico di Évora incluso nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, e parte della lista biennale di World Monuments Watch. L’Acquedotto Água de Prata ha un’estensione di 18 km, è stato costruito con l’obiettivo di rifornire la città di Évora con l’acqua delle sorgenti delle terre del Convento São Bento de Castris, nella parrocchia Graça do Divor. Lungo i 18 km di lunghezza, l’Acquedotto Água de Prata percorre boschi, boschi di querce da sughero, campi coltivati ​​fino ad entrare nella città di Évora, creando paesaggi di bellezza unica in armonia con la natura e all’interno della città, dove troviamo le case costruite gli archi dell’acquedotto. È un’ottima attrazione fotografare lungo una passeggiata di diversi chilometri.

7. Évora Public Garden

Évora Public Garden: è un giardino di architettura romantica del XIX secolo (1866) compreso nel centro storico della città, con 33mila m2 situato nel sud della città di Évora. Qui troviamo grandi alberi, cigni, anatre e pavoni, chioschi, luoghi ombreggiati, panchine da giardino, tavoli da picnic, parco giochi per bambini, fontane d’acqua ed edifici storici, ovvero le Rovine di Fingidas. Il giardino è circoscritto da un ampio tratto del vecchio muro di Fernandina. Possiamo accedere al giardino attraverso Rua da República, attraverso Largo de São Francisco e attraverso Rua do Raimundo.
Le Rovine Finged sono un monumento gotico, ricostruzione di false rovine di un immaginario palazzo a due piani, inizialmente creato come spazio pedonale per il Giardino Pubblico di Évora dall’architetto José Cinantti. Le Rovine di Fingidas sono composte da finestre moresche, persiane e colonne manueline, originate dai resti di una torre medievale riutilizzata da strutture architettoniche in rovina o che era stata precedentemente demolita dal palazzo Vimioso accanto alla Cattedrale di Évora, ex residenza del vescovo d «Évora, D. Afonso de Portugal. Le Rovine di Fingidas sono composte da una scalinata che conduce alla torre, da dove possiamo accedere al belvedere sul Giardino Pubblico di Évora.

8. Museo dell’orologio – Polo di Évora

Museu do Relógio – Pólo de Évora: è un’estensione del museo del Relógio de Serpa, un museo con una collezione di 2500 orologi meccanici datati dal 1630 ai giorni nostri. Il polo Évora del Museu do Relógio ha una collezione di 500 orologi, situato nel Palácio do Barrocal, nel centro di Évora. Il Museo dell’orologio è riconosciuto come l’unico museo privato e autoportante in Portogallo. Offre servizi di restauro di orologi al pubblico attraverso i Maestri Orologiai nel suo laboratorio di restauro. Il Museo dell’orologio progetta e produce anche orologi meccanici con il marchio “Museo dell’orologio” in collaborazione con produttori tedeschi e russi.

9. Graça Church

Igreja da Graça: conosciuta anche come Convento de Nossa Senhora da Graça, è una chiesa in stile rinascimentale dell’inizio del XVI secolo, classificata come Monumento Nazionale. La chiesa si trova nel centro della storica città di Évora. Nelle sue spettacolari facciate possiamo intravedere le figure atlantidee di “Meninos da Graça”. Dopo la cessazione dell’estinzione degli ordini religiosi in Portogallo nel 1834, la chiesa di Graça fu nazionalizzata e trasformata in una caserma militare, come si trova attualmente.

10. Évora Museum

Museu de Évora: oppure Museu Nacional Frei Manuel do Cenáculo è un museo con una collezione di 20mila pezzi che variano tra archeologia, pittura, sculture, gioielli e altri temi. Qui troviamo il “Políptico da Sé de Évora”, un dipinto composto da 13 dipinti ad olio datati dal 1495 al 1510, considerato uno dei principali esempi di arte fiamminga in Portogallo. Il Museo di Évora si trova nel centro di Évora, nell’antico palazzo episcopale, di fronte al Tempio romano di Évora.

11. Monastero di Santa Maria Scala Coeli

Monastero di Santa Maria Scala Coeli: noto come Convento da Cartuxa, è un monastero del XVI secolo, con una ricchezza architettonica che comprende il più grande chiostro del Portogallo, con 98 metri, il portico e la facciata in marmo, e la pala d’altare dorata, classificata come monumento nazionale. Il monastero è stato un luogo di abitazione e preghiera per i monaci dal 1598. Nel 1834 furono espulsi dalla rivoluzione dell’estinzione degli ordini religiosi, il monastero fu trasformato dallo stato portoghese in una scuola di agricoltura e la chiesa in un granaio . Nel 1871 il monastero in rovina di Cartuxa fu acquistato dalla famiglia Eugénio de Almeida. Nel tempo fu restaurato e nel 1960 i monaci furono invitati dal fondatore della Fundanção Eugénio de Almeida a trasferirsi, trasformando il Monastero di Santa Maria Scala Coeli, Convento da Cartuxa in un luogo di preghiera e contemplazione a Évora. Il Convento da Cartuxa si trova 1 km a nord di Portas da Lagoa di fronte a Aqueduto da Água de Prata, accanto a Quinta de Valbom, Adega da Cartuxa, un’azienda vinicola con tradizione nell’istruzione scolastica e universitaria sin dal XVI secolo e nella produzione di vino e olio d’oliva, dove attualmente i vini di eccellente qualità sono riconosciuti in Portogallo ea livello internazionale, vale a dire Vinea Cartuxa, EA, Foral de Évora, Cartuxa, Scala Coeli e Pêra-Lame.

12. Strada del vino dell’Alentejo

Alentejo Wine Route: Tasting Room è uno spazio di degustazione di vini situato in Rua Rua 5 de Outubro, nº 88, accanto al museo Évora nel centro della città di Évora. Évora è completamente integrata nella Strada del Vino dell’Alentejo, una mappa composta da un circuito turistico con punti di interesse legati alla visita alle cantine, storia dei vini dell’Alentejo, informazioni di interesse sulla produzione di vino in Portogallo.

13. Chiesa dello Spirito Santo

Igreja do Espírito Santo: è una chiesa del XVI secolo, con un’imponente facciata, situata in Largo dos Colegiais, nel centro storico di Évora, fa parte dell’edificio della Università di Évora. La chiesa ha un’architettura religiosa educativa, manierista e barocca, con un interno con un alto coro e cappelle laterali decorate da maioliche, pale d’altare dorate manieriste, barocche e giovanne.
La Universidade de Évora, situata nella stessa posizione dell’Igreja do Espírito Santo, è un’università tradizionale con il diritto di utilizzare “mantello e tonaca” sin dal XIX secolo dalla regina Dona Maria II. L’Università di Évora è stata fondata con il nome di Universidade do Espírito Santo nel 1559, essendo la seconda università creata in Portogallo, dopo l’Università di Coimbra. È iniziato come il Colégio do Espírito Santo fondato dal cardinale D.Henrique, e presto D. João III ha fondato l’Università di Évora con il consenso di Papa Paolo IV, con il diritto di insegnare tutte le materie, ad eccezione di Medicina, diritto civile e parte litigiosa del diritto canonico, già insegnati all’Università di Coimbra. Nel 1973 è stato nominato Instituto Universitário de Évora, e nel 1979 ha vinto il titolo di University of Évora.

14. Igreja da Misericórdia

Igreja da Misericórdia: è una delle chiese più belle di Évora, nonostante abbia una facciata discreta, l’interno è imponente decorato con pannelli di piastrelle blu e bianche alle pareti, ricoperti di dipinti ad olio con rappresentazione Atti di misericordia e pala d’altare dorata. La chiesa si trova in Largo da Misericórdia, vicino alla Cattedrale di Évora.

15. Chiesa di São Tiago

Igreja de São Tiago: è una piccola chiesa di architettura barocca del XVII secolo situata nel centro di Évora, tra Rua de São Tiago e Rua de Dona Isabel. La chiesa è molto discreta all’esterno, tuttavia l’interno è estremamente bello e semplice, con i lati decorati da pannelli di maiolica e la volta decorata con dipinti ad affresco.

16. Pátio de São Miguel • Fondazione Eugénio de Almeida

Pátio de São Miguel • Fundação Eugénio de Almeida: è la sede della Fundação Eugénio de Almeida, composta da un insieme di edifici situati nel punto più alto del centro storico di Évora, in una posizione storica difensiva. Quelle che possiamo visitare oggi sono state recuperate nel XV secolo e completamente restaurate nel XX secolo dalla famiglia Eugénio de Almeida. Paço de São Miguel noto anche come Palácio dos Condes de Basto, è un imponente palazzo architettonico composto da portali gotici, gallerie del XVI secolo, finestre in stile manuelino-mudéjar, interni con soffitti decorati con magnifici affreschi del XVI secolo e piacevoli giardini. Storicamente, il Pátio de São Miguel fu reintegrato nella Corona come palazzo reale, servendo da locanda per tutti i re fino a D. Duarte. Al giorno d’oggi è un’attrazione culturale dove possiamo visitare il Paço de São Miguel, l ‘Ermida de São Miguel, gli Archivi e Biblioteca Eugénio de Almeida, la Collezione di carrozze, il giardino e la caffetteria con terrazza con gradevole vista. Il Pátio de São Miguel è di proprietà della Fundanção Eugénio de Almeida, un’istituzione portoghese di diritto privato e pubblica utilità, creata per disposizione testamentaria di Vasco Maria Eugénio de Almeida. La Fondazione ha sede a Évora, un edificio i cui scopi statutari si concretizzano nei settori culturale, educativo, sociale e spirituale, mirando al pieno, integrale e sostenibile sviluppo umano della regione di Évora.

Video su Pátio de São Miguel • Fondazione Eugénio de Almeida

17. Convento di Lóios

Convento dos Lóios: oppure Convento de São João Evangelista è una chiesa monumento nazionale in stile manuelino costruita nel XV secolo sulle rovine di un castello medievale, situata di fronte al Tempio romano di Évora . L’attrazione principale del Convento dos Lóios sono gli interni rivestiti con pannelli di piastrelle del XVII e XVIII secolo. Nell’edificio adiacente al Convento dos Lóios è stata creata la Pousada do Convento dos Lóios de Évora, un hotel di charme con due suite e 31 camere nei luoghi in cui esistevano le ex Celle Cónegos Regrantes. L’ex refettorio dei monaci è ora la sala della colazione e dei pasti.

18. Palazzo dei Duchi di Cadaval

Palácio dos Duques de Cadaval: noto come Palácio Cadaval o Palácio das Cinco Quinas è una casa padronale del XIV secolo con un’architettura in stile mudéjar, gotico e manuelino, costruita sulle mura romane -visigodi dal vecchio castello di Évora. Il Cadaval Palace si trova nel centro storico di Évora, di fronte al Tempio romano di Évora. È di proprietà di Casa Cadaval, composta dal Palácio do Cadaval e dalla Igreja dos Lóios, di proprietà dei duchi di Cadaval. Attualmente possiamo visitare il Palazzo di Cadaval e vedere alcune mostre d’arte temporanee, la collezione di codici miniati, sculture, dipinti e armature, con pezzi datati tra il XV e il XVIII secolo, e visitare l’interno del Jardim do Paço dove possiamo goderci la terrazza dell’omonimo ristorante Jardim do Paço.

19. Centro d’arte e cultura • Fondazione Eugénio de Almeida

Centro di arte e cultura • Fondazione Eugénio de Almeida: è un centro con mostre temporanee artistiche e culturali installate in un edificio storico ristrutturato a Évora, che comprende il Palácio da Inquisição, le Casas Pintadas e il Centro per l’Arte e la Cultura. Il Centro Arte e Cultura si sviluppa su una superficie di 1200 mq, con 2 sale espositive, un auditorium, sale polivalenti, un centro congressi e riunioni, ristorante, caffetteria, wine bar e negozio. Fuori dal centro troviamo il Páteo de Honra ei giardini, tra cui il Jardim das Casas Pintadas con affreschi del XVI secolo, un sontuoso dipinto murale unico in Portogallo che raffigura figure immaginarie rappresentati con draghi, centauri e sirene, uccelli, leopardi, volpi, cervi e galli, ricreando un mondo ricco di simbolismi in un’area di oltre 3000 mq. Lo spazio è classificato come Bene di Interesse Pubblico. Il Centro de Arte e Cultura si trova di fronte al Jardim de Diana nel centro storico di Évora.

20. Il giardino di Diana

Jardim de Diana: è un piccolo giardino situato di fronte al Tempio romano di Évora, con spazi d’ombra, la figura di Liberalitas Júlia, che rappresenta la personificazione della designazione romana di Évora per adorare il busto in omaggio al dottor Barahona, un ex eborense che ha contribuito molto al restauro dei monumenti della città di Évora, vale a dire il restauro della Cappella di S. Brás, la riparazione dell’acquedotto Água da Prata, la costruzione del Mercato e delle Terme, la fondazione della banda Amadores de Música Eborense, la fondazione del giornale Notícias de Évora, la donazione della sua collezione di statue al Museo di Évora e un contributo decisivo alla costruzione del Teatro Garcia de Resende , tra le altre iniziative di sponsorizzazione. Qui troviamo anche una fontana con “O Beijo”, una scultura in marmo situata nel Miradouro do Jardim de Diana, un luogo dove possiamo ammirare il paesaggio dai tetti delle case di Évora e i paesaggi rurali sullo sfondo .

21. Évora Public Library

Évora Public Library: è una biblioteca situata in un edificio del XVII secolo vicino al Convento dos Lóios. La Biblioteca pubblica di Évora ha due secoli di storia, fondata nel 1805, è considerata una delle biblioteche più ricche e antiche del Portogallo, con una ricca collezione composta da 664 incunaboli e 6445 libri stampati del XVI secolo, diversi documenti manoscritti, cartografia, spartiti e oltre 20mila titoli di pubblicazioni periodiche e una raccolta bibliografica di 612mila volumi.

22. Porte del castello di Évora

Porte del Castello di Évora: consentono l’ingresso nel Muro Fernandina della città di Évora, sono composte dalla Porta di Alconchel, la porta principale della città, protetta da due grandi torrette, la Porta di Avis , la Porta de Mendo Estevens o Porta do Moinho de Vento , la Porta da Alagoa difesa da una torre. La Porta do Raimundo fu demolita nel 1880, e oggi c’è una rappresentazione simbolica in marmo situata a 75 metri dalla vecchia posizione.

23. MADE • Museo dell’artigianato e del design a Évora

MADE • Évora Handicraft and Design Museum: è un museo con la collezione del vecchio Museo dell’artigianato / Centro di arti tradizionali, con l’obiettivo di salvaguardare i mestieri tradizionali dell’Alentejo, adattandoli al design moderno . MADE è una partnership tra l’Ente Regionale del Turismo (ERT) dell’Alentejo, il Comune di Évora e il collezionista Paulo Parra.

24. Aeródromo Municipal de Évora

  • Évora Municipal Aerodrome: è l’aeroporto situato a 3,5 km a sud di Évora, considerato uno degli aeroporti più completi del Portogallo, con il Rescue and Fire Fighting Service, il Emergency Service Aerodrome Brigade , Centro di paracadutismo, Scuola di caduta libera, Scuola pilota e officine di riparazione. L’Aeródromo Municipal de Évora è stato considerato il miglior aeroporto nel 2005 nella categoria di tipo II a livello nazionale.

Luoghi da visitare vicino a Évora

Castello di Monsaraz

Castello di Monsaraz: è considerato un museo a cielo aperto, un borgo medievale fortificato a tre bastioni, circondato da un muro di pietra di scisto e granito. Il villaggio è situato in una posizione spettacolare, su un’alta collina sopra le pianure dell’Alentejo e il lago della diga di Alqueva. L’accesso al villaggio si può fare tramite Porta da Vila un ingresso a nordovest dove troviamo il campanile; attraverso il porto di Évora; attraverso la Porta da Cisterna o Porta do Buraco; e la Porta da Alcoba. Entrando nel borgo fortificato, abbiamo avuto la sensazione di tornare indietro nel tempo, con il pavimento in lastre di ardesia naturale, le tipiche case a un piano con spessi muri imbiancati, e le piccole finestre, costruite lungo le strade scavate dalle rocce originarie. Lungo le strade troviamo case, botteghe artigiane e locali, ristoranti con cucina tradizionale e un centro con il Pelourinho de Monsaraz, la Igreja da Misericórdia e la Laguna di Nossa Senhora da Igreja . All’estremità sud-ovest del castello troviamo il belvedere del castello, da dove abbiamo una vista panoramica sulla campagna dell’Alentejo e sul lago di Alqueva. Il castello di Monsaraz è sempre stato un punto di sentinella sul fiume Guadiana.

Spiaggia fluviale di Monsaraz

Spiaggia del fiume Monsaraz: è una spiaggia fluviale sorvegliata con un’ampia zona di sabbia, zona ombreggiata, pronto soccorso, situata ad Albufeira do Alqueva, a 4 chilometri da Monsaraz. Qui troviamo il Centro Náutico de Monsaraz, con infrastrutture di supporto costituite da un bar e ristorante, una rampa per mettere le barche in acqua, ancoraggio, bagni pubblici, docce pubbliche, parco giochi per bambini, area picnic e isola ecologica. Al Centro Nautico di Monsaraz possiamo noleggiare attrezzature diverse per divertimento acquatico, una barca a vela olandese di 1913 metri con 17 metri, barca semirigida, catamarani a vela smartkat e barche a remi, tutto per escursioni in barca attraverso il bacino idrico di Alqueva.

Castello di Estremoz

Castello di Estremoz: è un castello situato in un’importante fortezza medievale dell’Alentejo classificata come Monumento Nazionale, risalente al 12 ° secolo, situato sulla collina della città di Estremoz. All’interno della fortezza, possiamo visitare il castello gotico e moderno di Estremoz, trasformato nel lussuoso hotel Pousada da Rainha Santa Isabel, l’imponente torre principale alta 27 metri, il Paços do Concelho medievale o la galleria D. Dinis (il luogo in cui morì la regina Santa Isabel nel 1336), la Cappella della regina Santa, la statua della regina Santa Isabel, la chiesa madre di Estremoz (Chiesa di Santa Maria), il Museo Civico Professor Joaquim Vermelho e le mura medievali con adarve che funge da punto di vista sulle pianure dell’Alentejo e sulla città contemporanea di Estremoz. La Cerca da Vila e la Torre de Menagem del Castello di Estremoz furono costruite per aumentare la difesa del villaggio durante il regno di D. Afonso, dopo lo statuto del 1258 al villaggio. Durante il regno di D. Dinis, la costruzione delle mura continuò e accanto al castello fu creato anche il Palazzo Reale. La Torre de Menagem fu completata solo intorno al 1370 durante il regno di D. Fernando de Portugal. Dal recinto del paese possiamo passeggiare per le strade in pietra con le case tradizionali costruite nei secoli passati.

Fluviário de Mora

Fluviário de Mora: è un fiume situato nel Parco Ecologico di Gameiro, nella parrocchia di Cabecção. Il Fluviário de Mora è composto da un insieme di acquari dedicati agli ecosistemi d’acqua dolce, con l’esposizione di habitat rappresentativi del corso di un fiume iberico, dalla sorgente, attraverso la foce, al mare. Fluviário de Mora ha programmi scientifici e pedagogici presentati su diversi temi, vale a dire, Lontrário, la sala Saramugo, la sala Monstros do Rio, la sala delle esposizioni multimediali, l’aula, un auditorium e la sala degli habitat esotici, con le specie del Rio delle Amazzoni e i Grandi Laghi africani. È un’attrazione speciale per famiglie e bambini, un luogo speciale per conoscere la natura. Vicino al Fluviário de Mora possiamo visitare il villaggio di Mora, dove troviamo il Museo Interattivo del Megalitismo, un museo situato nella vecchia stazione ferroviaria di Mora, premiato con il premio “Miglior progetto pubblico”, dove possiamo scoprire il patrimonio megalitico del Comune di Mora attraverso tre spazi rappresentativi della vita quotidiana delle popolazioni, dedicati al tema: “Vita, morte e contemplazione” attraverso un video 3D che ritrae la vita in un villaggio neolitico.

Parco ecologico di Gameiro

Parque Ecológico do Gameiro: è un parco naturale che coinvolge il Fluviário de Mora a Vila de Cabecção, dove troviamo una spiaggia fluviale, campeggio, area picnic, parco giochi per bambini, bar / caffetteria, Passerelle in legno Gameiro lungo la Ribeira da Raia, parco giochi e Centro di interpretazione ambientale. Il Parco Ecologico Gameiro è un ottimo posto per godersi una giornata nella natura, con un campo da calcio, una caffetteria, docce, molta ombra, in un ambiente pulito e attento.

Cromlech degli Almendres

Cromeleque dos Almendres: è un monumento naturale situato a Évora nella parrocchia di Nossa Senhora de Guadalupe. Questo cromlech di 7.000 anni è considerato uno dei più grandi monumenti megalitici d’Europa e il più importante della penisola iberica. Composto da monoliti fallici oa forma di stella relativamente piccoli disposti in pianura, questo cromlech crea un ambiente mistico, riferendosi al culto pagano iberico, e ci trasporta al periodo della pietra levigata. Alcuni dei menhir sono visibilmente decorati con iscrizioni e rilievi sulla pietra, che rimandano a vari segni, tra cui figure antropormofiche e dischi solari. Questo luogo offre un ambiente idilliaco per gli amanti delle bellezze naturali, così come l’osservazione del cielo notturno e la pratica dell’astrofotografia con poco inquinamento luminoso grazie alla sua posizione.

Paço Ducal di Vila Viçosa

Paço Ducal de Vila Viçosa: è un palazzo e museo situato nel Terreiro do Paço de Vila Viçosa, distretto di Évora. L’edificio cinquecentesco ha una facciata riccamente rivestita di marmi della regione, in stile manierista, contenente ancora elementi rinascimentali, barocchi, neoclassici e tipici dell’architettura civile e residenziale. Perfettamente conservato, questo edificio ha più di 50 stanze visitabili, riccamente decorate e dove sono esposti diversi pezzi, da collezioni diverse come armerie, gioielli, veicoli di gala e pezzi di ceramica. Uno dei piani più importanti è il Piano Nobile, luogo in cui si trovano le collezioni più ricche, oltre a pareti e soffitti ampiamente decorati con dipinti dell’epoca, che ricreano un gioco di colori e di storia. Arazzi, sculture, piastrelle e affreschi fanno anche parte di ciò che troviamo durante una visita al Paço Ducal a Vila Viçosa. Questo palazzo era un tempo la sede della Casa de Bragança.

Castello di Évora Monte

Il Castelo de Évora Monte: è un monumento del XII secolo situato nella parrocchia di Évora Monte (o Evoramonte). Situato in uno dei punti più alti della Serra de Ossa, con un’architettura unica, con caratteristiche gotiche e rinascimentali, trasferimento al castello di Évora Monte dai contorni visivi interessanti e unici. Inoltre, è l’unico castello iberico che combina sia un palazzo rinascimentale che una struttura difensiva di guerra. L’ispirazione italiana della sua architettura si riflette in un castello in gran parte in pietra di granito, con una pianta quadrata con torrette circolari ai suoi vertici. Il fatto che alcune delle sue strutture risalgano a epoche successive, tra il XIV e il XV secolo, porta anche elementi estetici che si riferiscono ad altri stili architettonici, come possiamo vedere nei dettagli degli oragos, delle torrette e delle iscrizioni che ornano le porte e il wicket . Si evidenzia un ricco ambiente naturale e tellurico, oltre alle caratteristiche medievali del castello.

Monte Selvagem – Riserva faunistica

La Riserva faunistica del Monte Selvagem: è un parco tematico che permette il contatto con il mondo naturale. Situata sul Monte do Azinhal, a Lavre, la riserva è dedicata alla conservazione di varie specie animali, adottando un atteggiamento ecologico e sostenibile. Questa riserva a cielo aperto si estende per circa 20 ettari, dove sono presenti diverse strutture ricreative, in un ambiente che ospita oltre 300 specie di animali selvatici e domestici. Monte Selvagem – Reserva Animal intende permettere l’esperienza di momenti di avventura, apprendimento, riposo e coinvolgimento con la Natura, favorendo la cattura di immagini del mondo naturale e animale. Scimmie, lama, canguri, coccodrilli, zebre e lemuri sono alcuni esempi delle specie che si possono trovare in questa riserva faunistica.

Castello di Arraiolos

Castelo de Arraiolos: (o Paço dos Alcaides), è una fortezza situata nella città di Arraiolos, a Évora, costruita durante il regno di D. Dinis nel XIV secolo. Questo castello si trova in cima al Monte de São Pedro, una collina a configurazione conica, con pendii lisci, che si distingue visivamente dagli altri castelli per la sua rara architettura, a pianta circolare. Le principali caratteristiche architettoniche del castello sono gotiche e romantiche, evidenziando il suo mastio, la torre dell’orologio e la chiesa del Salvatore. L’impostazione visiva di questo castello merita di essere evidenziata in relazione alla regione circostante, con ampi paesaggi delle tipiche pianure verdi dell’Alentejo.

Castello di Vila Viçosa

Castello di Vila Viçosa: è un castello situato nel comune di Vila Viçosa, a Évora, costruito nel XIV secolo, durante il regno di D. Dinis. Questo castello si distingue dagli altri castelli del Portogallo per la sua posizione in cima ad una collina, su due degli affluenti del fiume Guadiana, che seppur centrale, lo colloca al centro di un ambiente verde e tellurico. Questo castello ha svolto nei secoli diverse funzioni, in quanto sarebbe parte di una ricca storia che lascerebbe tracce di varie epoche nel tessuto architettonico che troviamo attualmente. L’impianto della fortezza fa riferimento ad un castello di artiglieria, avendo assunto funzioni militari nel corso del XVI secolo. Conservando tracce di architettura militare e gotica, Castelo de Vila Viçosa assume un design quadrato con torrette circolari. All’interno, possiamo visitare due musei – il Museu da Caça e il Museu da Arqueologia – e il Santuario di Nossa Senhora da Conceição a Vila Viçosa, che spicca qui esposto con valore immagine originale del Santo Patrono Nazionale.

Castello di Viana do Alentejo

Castello di Viana do Alentejo: è un monumento che ancora genera discussioni sulla sua antichità, sapendo solo che la sua costruzione deve essere anteriore al XIV secolo. Il castello è costituito da un’imponente cinta muraria, in cui è possibile visitare la Igreja Matriz de Nossa Senhora da Anunciação e la Igreja da Misericórdia, che avranno ospitato, nel corso della storia, i primi Paços do Concelho e il primo cimitero di Viana do Alentejo. Del suo disegno spiccano le due porte di accesso e le cinque torri di forma cilindrica. Le chiese hanno caratteristiche architettoniche principalmente in stile gotico e manuelino, con dettagli rinascimentali e influenza mudéjar. Attorno ad esso si può osservare la maglia del borgo in cui è integrato, evidenziando case basse, imbiancate a calce e con mattonelle arancioni e brunastre come caratteristiche principali del borgo.

Castello di Alandroal

Castelo de Alandroal: è un castello situato nel punto più alto del villaggio di Alandroal, integrato nel suo ambiente urbano. Con una struttura militare murata, architettura militare e uno stile gotico, iniziò a essere costruito nel XIII secolo, durante il regno di D. Dinis. Il Castello di Alandroal si presenta come una fortificazione a configurazione ovale, a pianta poligonale, con merli piramidali e quattro torri quadrangolari, di cui segnaliamo il Mastio. La Torre de Menagem, come la Chiesa di Nossa Senhora da Graça, ha uno stile rinascimentale. La Torre dell’Orologio, che abbiamo trovato nel parco del castello, fu costruita più tardi nel XVIII secolo, essendo un elemento di estetica più moderna, con tre pregevoli campane in bronzo fuso situate sulla terrazza.

Alto de São Bento

Alto de São Bento è uno spazio di osservazione panoramica, dove troviamo un belvedere e un polo museale, nato dalla riqualificazione di mulini a vento ormai inattivi. In questo punto di vista abbiamo viste panoramiche su Évora, particolarmente ricercate da coloro che vogliono vedere o fotografare l’alba e il tramonto. La posizione dell’Alto de São Bento rende questo luogo un punto di interesse, con una ricca trama visiva, di interesse storico, tradizionale, culturale, ambientale e naturale.

Osservatorio del Lago Alqueva (OLA)

OLA – Observatório do Lago Alqueva è uno spazio sensoriale ed educativo situato a Monsaraz. Rivolto agli amanti dell’astronomia e dell’astrofotografia, l’Observatório do Lago Alqueva ci invita a momenti di osservazione del cielo notturno, con un’ottima posizione, in uno spazio con poco inquinamento luminoso che permette l’osservazione di galassie, stelle e nebulose, utilizzando apparecchiature installate nei locali. La spedizione visiva attraverso il cielo dell’Alentejo consente, in OLA, il contatto con queste apparecchiature astronomiche e l’esplorazione delle leggende legate alle stelle che punteggiano il cielo. Qui possiamo usufruire di sessioni di apprendimento guidate, della durata di un’ora e mezza. Nelle giornate nuvolose, il processo di osservazione astronomica è ancora possibile simulando i processi, utilizzando software di astronomia.

Storia di Évora

Évora ha più di cinquemila anni di storia, essendo stata popolata sin dalla preistoria da diversi popoli, vale a dire lusitani, romani, visigoti e arabi. Évora aveva diverse designazioni, con riferimento al nome romano Ebora Liberalitas Julia. la vita di Évora fu conquistata nel 1165 da Geraldo Sem Pavor, ebbe il primo statuto nel 1166, facendo passare i terreni della città e intorno ad essa all’Ordine di Calatrava, futuro Ordine di Avis. La Cattedrale di Évora è stata costruita nel XIII secolo. Il perimetro urbano della città, ha cominciato a crescere da questo secolo, con un ebreo e un moresco fuori le mura. Évora raggiunse il suo apice nel XVI secolo, soprattutto nei circoli artistici e culturali per la presenza di figure importanti, ovvero il poeta Garcia de Resende e lo scultore Nicolau de Chanterene. L’Università di Évora è stata creata nel 1550. Évora è stata classificata come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1986.

Geografia e clima di Évora

I fiumi più importanti nel distretto di Évora sono:

Fiume Guadiana: è un fiume che crea un confine naturale tra Portogallo e Spagna. Il fiume Guadiana nasce in Spagna a circa 1700 metri di altitudine nelle lagune di Ruidera, e sfocia nel Golfo di Cadice, tra la città portoghese di Vila Real de Santo António e la città spagnola di Ayamonte. Il fiume Guadiana ha una lunghezza totale di circa 829 km. In Portogallo ha una lunghezza approssimativa di 260 km tra l’Algarve e l’Alentejo. È nella Guadiana che si trova la diga di Alqueva.

  • Fiume Degebe: è un affluente del fiume Guadiana che sorge a nord di Évora nel Monte das Fontainhas, ha una lunghezza approssimativa di 10 km, attraversando i comuni di Portel e Reguengos de Monsaraz.
  • Rio Xarrama: è un affluente del fiume Sado con una lunghezza approssimativa di 70 km, nato a Graça do Divôr, a nord-ovest di Évora. Il fiume Xarrama sfocia in Alcácer do Sal. I suoi principali punti di interesse sono la diga di São Brissos, la diga di Vale do Gaio e la diga di Trigo de Morais.

I principali rilievi montuosi nel distretto di Évora sono:

  • Serra d’Ossa: parte della Rete Natura 2000, la montagna ha un’altitudine di circa 650 metri, copre i comuni di Borba, Estremoz e Redondo. È la più grande catena montuosa del distretto di Évora, dove troviamo la Zona dos Mármores (oro bianco), che comprende i comuni di Alandroal, Borba, Estremoz e Vila Viçosa.
  • Serra de Monfurado: con un’altitudine massima di circa 430 metri, comprende i comuni di Évora e Montemor-o-Novo. I principali punti di interesse della Serra de Monfurado sono il Castelo de Giraldo, la Cromeleque dos Almendres, la Gruta do Escoural e la Mina da Nogueirinha.

Gastronomia di Évora

L’Alentejo è un’area del Portogallo con una tradizione gastronomica molto antica, ricca e varia. La base del cibo nel distretto di Évora, come in tutto l’Alentejo, è il maiale e l’agnello, l’olio d’oliva e il pane. Tra le tante specialità della cucina eborense, segnaliamo le salsicce, il prosciutto, il gazpacho à Alentejana, la zuppa di portulaca, la zuppa di Cação, la zuppa di pomodoro, la zuppa di Toucinho, l’açorda à Alentejana, la testa di Xara, lo stufato di Borrego, le migas à Alentejana, i piedi di maiale di Coentrada, i sarapatéis, la torta Joana, il garrese di Montemor-o-Novo, lo stufato del Convento di Santa Clara, le granate di Vendas Novas, il pane di Rala, pasticcini Toucinho de Arraiolos, formaggi Évora, formaggi di pecora e capra e fagottini di uova.

Organizzazione amministrativa di Évora

Évora confina con Arraiolos a nord, Estremoz a nord-est, Redondo a est, Reguengos de Monsaraz a sud-est, Portel a sud, Viana do Alentejo a sud-ovest e Montemor-o-Novo a ovest. Évora dista circa 130 km da Lisbona, 90 km dal porto di Sines, 80 km dall’aeroporto di Beja e 650 km da Madrid.
Évora è organizzata amministrativamente nelle dodici parrocchie di São Miguel de Machede, São Bento do Mato, Nossa Senhora de Machede, Nossa Senhora da Graça do Divor, Torre de Coelheiros, Canaviais, São Manços e São Vicente do Pigeiro, Nossa Senhora da Tourega e Nossa Senhora de Guadalupe, São Sebastião da Giesteira e Nossa Senhora da Boa Fé, Évora (São Mamede, Sé, São Pedro e Santo Antão), Bacelo e Senhora da Saúde e Malagueira e Horta das Figueiras

Évora Fiere e Pellegrinaggi

  • Festa di Nossa Senhora das Candeias e São Brás: si tiene ogni anno a febbraio.
  • Feira de São João: si tiene ogni anno a giugno e luglio.
  • Portugal Air Show: è il più grande festival aeronautico della penisola iberica, che si tiene ogni anno a settembre.

Alloggio turistico a cinque stelle a Évora

Sviluppi turistici a cinque stelle:

  • Convento do Espinheiro Hotel & Spa Évora
  • M’AR de Aqueduto Hotel Évora
  • Pousada dos Loios

Sviluppi turistici a quattro stelle a Évora:

  • Évora Hotel: Alma Alentejana
  • Hotel M’AR de Ar Muralhas
Back to Top
error: