Serra da Estrela

Guarda è il centro del Portogallo, un luogo unico nel paese in cui si trova la Serra da Estrela, l’unica stazione sciistica del Portogallo. Molta acqua, dove nascono 4 dei fiumi portoghesi.

Guarda

Guarda è la città più alta del Portogallo, situata a 1056 metri sul livello del mare, tra l’altopiano Guarda-Sabugal e il sistema montuoso Montejunto-Estrela, dove si trova il Parco Naturale della Serra da Estrela, il più grande area protetta in Portogallo, con la montagna più alta del Portogallo continentale a un’altitudine di 1993 metri, un’attrazione invernale per gli sport invernali di sci e snowboard. La regione di Guarda è nota per la qualità dei suoi formaggi affumicati e fatti a mano. Qui a Serra da Estrela possiamo visitare le sorgenti del fiume Mondego; il fiume Zêzere; il fiume Alva e il fiume Alvôco. Guarda è la capitale di un distretto, situato nel centro del Portogallo, e una sottoregione di Beiras e Serra da Estrela, situata a una distanza di 199 km da Porto e 318 km da Lisbona. Guarda è una città storica, fondata nel 1199. Il centro storico della città di Guarda mostra la presenza della comunità ebraica nel corso della storia.

Luoghi da visitare a Guarda

Praça Luís de Camões o Praça Velha

Praça Luís de Camões o Praça Velha: è il luogo più frequentato della città. Qui troviamo la Sé Catedral da Guarda, gli antichi Paços do Concelho, palazzi di antiche famiglie nobili, come il Solar dos Póvoas, il Centro di accoglienza di Guarda e l’edificio Balcões con un insieme architettonico del XVII secolo.

Cattedrale di Guarda

Sé Catedral da Guarda: è una cattedrale in stile romanico costruita nel XIV secolo, con enfasi sulla testata d’altare scolpita nella pietra di anzione che rappresenta episodi della vita di Gesù Cristo. È il monumento più importante di Guarda.

Rua Francisco de Passos

Rua Francisco de Passos: conosciuta come Rua Direita, è l’asse principale dell’area medievale di Guarda. In questa strada, le botteghe del commercio sono installate in edifici con caratteristiche architettoniche ricche e variegate, con facciate del XVI secolo in stile architettonico del regno di D Manuele I e edifici di architettura del re spagnolo Filipe I, che dominò il Portogallo nel XVI secolo.

Castello di Sabugal

Castelo do Sabugal: è un castello medievale classificato Monumento Nazionale, situato sulla sommità della collina sopra la città di Sabugal, di grande importanza nell’antichità per permettere il controllo del fiume Côa. La tradizione vuole che proprio nella piazza di questo castello abbia avuto luogo il famoso miracolo delle rose, con la regina Santa Isabella e il re Dinis come protagonisti.

Parco urbano di Rio Diz

Rio Diz Urban Park: è un parco verde situato nel centro di Guarda, molto frequentato dalle famiglie con bambini, per via del parco giochi e degli spazi verdi che consentono la vita e il gioco all’aperto, anch’esso molto frequentato dai giovani per praticare sport e da persone di tutte le età per camminare e godersi la natura. Nel parco urbano di Rio Liz troviamo una caffetteria con terrazza e ampie zone a prato con grandi alberi.

Centum Cellas Tower

Torre de Centum Cellas: è un edificio romano del I secolo, alto circa 12 metri, classificato Monumento Nazionale, situato sulla collina di Santo Antão

Castello di Guarda

Castello di Guarda: è un castello del XII secolo in stile gotico, costruito in granito. Con l’espansione della città, parte delle mura castellane furono demolite, tuttavia si possono ancora visitare parti del castello in tutta la città, ovvero la Porta d`el Rei, una delle porte di circolazione del complesso difensivo di epoca medievale; la Porta e Torre dos Ferreiros, costruita a difesa della città nel XII secolo; la Porta da Erva, una delle porte di circolazione della città risalente al XIII secolo, nota anche come Porta da Estrela; la Torre de Menagem, costruita nel XIII secolo per integrare un’imponente struttura militare e residenziale, l’Alcáçova, dove vivevano il sindaco capo e la sua famiglia, contemporaneamente a guarnigione militare; Torre Velha, situata nella parte settentrionale della città, è il rimanente edificio del primitivo castello voluto dal re portoghese D Sancho I; e Bairro Judaico, un luogo ebraico situato nella parrocchia di São Vicente all’interno delle mura, include Rua de São Vicente, Rua Direita e Largo de São Vicente. L’edificio principale di questa comunità ebraica è la Sinagoga. Esistono testimonianze della presenza ebraica a Guarda sin dal XIII secolo.

Termas do Cró

Termas do Cró: sono un hotel con cure termali, parte di un progetto dell’Associazione di Termas de Portugal che mira a promuovere le Terme che fanno parte della rete composta da Termas de Alcafache, Termas de Almeida – Fonte Santa, Termas de Águas – Penamacor, Termas do Bicanho, Caldas da Felgueira, Caldas da Rainha, Termas do Carvalhal, Termas da Curia, Termas do Cró, Termas do Ladeira de Envendos, Termas de Longroiva, Termas de Luso, Termas de Manteigas, Termas de Monfortinho, Termas da Piedade, Termas de Sangemil, Termas de São Pedro do Sul, Termas de Unhais da Serra, Termas de Vale da Mó e Termas do Vimeiro.

Museo di Guarda

Museo Guarda: è un museo archeologico installato nell’antico Seminario Vescovile costruito nel 1601, con una mostra permanente dove possiamo trovare due spade dell’Età del Bronzo, una fibula anulare ispanica del V / VI secolo a.C. C., la collezione di numismatica romana, un torso romano imperiale del II secolo, un biface (i primi utensili da taglio preistorici) datato 100mila anni fa e le carte manueline della città di Guarda.

Castello di Castelo Mendo

Castelo de Castelo Mendo: è uno storico borgo medievale fortificato, dove è possibile visitare parti del castello, vale a dire la cittadella, il mastio, il recinto del villaggio e la Porta da Vila. Dal Castello possiamo vedere l’intera valle del fiume Via.

Castello di Vila do Touro

Castello di Vila do Touro: è uno dei cinque castelli costruiti nel comune di Vila do Touro, con gran parte del castello in stato di rovina, tuttavia è un sito storico con un ambiente medievale. Dall’alto delle mura del castello possiamo godere di una vista panoramica sulle città vicine di Abitureira, Arrifana, Baraçal, Guarda, Martim Pêga, Pega, Sabugal e Seixo do Côa.

Castro do Jarmelo

Castro do Jarmelo: è un centro storico classificato come Bene di Interesse Pubblico, risalente all’età del ferro, epoca romana e medievale cristiana. Si tratta di un castello murato situato su un’altura del Planalto da Guarda, al posto dell’antico villaggio di Jarmelo. L’accesso al castro avviene tramite una strada lastricata romana.

Ponte Sequeiros

Ponte de Sequeiros: è un ponte medievale fortificato, sorretto da tre archi a tutto sesto sul fiume Côa, costruito probabilmente nel XIII secolo.

Convento di São Francisco

Convento di São Francisco: è un convento storico costruito nel XIII secolo fuori dalle mura della città per fornire supporto ai residenti. Attualmente il convento ospita l’Archivio del Distretto di Guarda. All’interno di questo edificio si evidenziano la chiesa, un cortile chiuso e il chiostro.

Fontana di Santo André

Chafariz de Santo André: costruita nel XVIII secolo, è una delle più grandi fontane della città di Guarda.

Chiesa della Misericórdia

Igreja da Misericórdia: è uno degli edifici più importanti dell’era barocca nella città di Guarda, una chiesa costruita nel XVIII secolo, si distingue per le armi reali del re portoghese D João V, e per l’immagine di Nossa Senhora da Misericórdia .

Chiesa di São Vicente

Igreja de São Vicente: costruita nel XIII secolo all’interno delle mura, si distingue per le sue due torri con campane, le tegole e le cornici che raffigurano episodi della vita della Madonna e di Gesù Cristo.

Palazzo episcopale e seminario

Palazzo episcopale e seminario: costruito dal vescovo di Guarda D. Nuno de Noronha nel XVII secolo, è il luogo in cui è attualmente installato il Paço da Cultura.

Ex sanatorio di Guarda

Ex Sanatorium of Guarda: Ex Sanatorium Sousa Martins è un edificio di interesse pubblico, costruito alla fine del XIX secolo segna l’inizio della lotta in Portogallo contro la tubercolosi.

Solar dos Póvoas

Solar dos Póvoas: è un maniero storico costruito nel 18 ° secolo, si distingue per la sua architettura e buone condizioni, uno degli edifici più belli della città di Guarda.

Luoghi da visitare vicino alla città di Guarda

Serra da Estrela

Serra da Estrela: è la montagna più alta del Portogallo continentale, comprende il primo parco naturale creato in Portogallo, con circa 101mila ettari, il 16 luglio 1976. La Serra da Estrela è il luogo dove troviamo le temperature più basse Le pianure del Portogallo in inverno, con nevicate regolari durante l’inverno, dove troviamo l’unica stazione sciistica del Portogallo, a un’altitudine massima di 1993 metri nella Torre, che copre i tre comuni di Covilhã, Seia e burri. La regione di Guarda è famosa per la sua gastronomia, vale a dire il formaggio Serra da Estrela, il riso carqueja, il liquore di ginepro, l’acquavite di miele o la trota Manteigas, e per la creazione dei cani Serra da Estrela , con caratteristiche di cane da guardia e da pastore. Nella Serra da Estrela troviamo la sorgente dei due fiumi esclusivamente nazionali più grandi: il Mondego e il fiume Zêzere. È nella Vale do Côa, nel parco naturale della Serra da Estrela, che si trova la più incredibile serie di incisioni rupestri all’aperto del mondo. Sono venticinque le lagune che possiamo visitare.

Celorico da Beira

Celorico da Beira: è un villaggio situato a circa 550 metri di altitudine nell’estremo nord della Serra da Estrela, con circa 7100 abitanti. A Celorico da Beira segnaliamo la Chiesa di Santa Maria, la Chiesa della Misericórdia, il Solar do Queijo e il Museo del Contadino e del Formaggio. Questa città è conosciuta come la “Capitale del formaggio della Serra da Estrela”. La località più emblematica di questo comune è Linhares da Beira, classificato come villaggio storico. Il patrimonio di questo villaggio comprende il castello, la gogna e la Chiesa Madre di Nossa Senhora da Assunção. Con paesaggi mozzafiato, è il luogo ideale per il parapendio e il palcoscenico per regolari campionati di volo libero.

Covilhã

Covilhã: è una città situata a sud-ovest della Serra da Estrela con circa 52mila abitanti. Evidenziamo la visita alla Fabbrica Reale di Tessuti di Covilhã, il Museo della Lana dell’Università di Beira Interior, la Cappella di Santa Cruz, la Cappella di São Martinho, la Chiesa di Nossa Senhora da Conceição, la Chiesa della Misericórdia, la gogna, la mura della città, il tempio romano di Senhora das Cabeças a Orjais. Vicino a Covilhã possiamo visitare la località termale di Unhais da Serra, con acqua a 31ºC e indicata per il trattamento di reumatismi, problemi alle vie respiratorie e problemi della pelle. In termini di paesaggio, segnaliamo la covão do Boi, la cava di ghiaia dell’Alto da Pedrice, la valle del ghiacciaio di Alforfa, Piornos e la Varanda dos Carqueijais. Il punto più alto della Serra da Estrela è la “Torre”, condivisa da Covilhã, Seia e Manteigas.

Fornos de Algodres

Fornos de Algodres: è un piccolo villaggio che comprende le 12 parrocchie di Algodres, Casal Vasco, Cortiçô e Vila Chã, Figueiró da Granja, Fornos de Algodres, Infias, Juncais, Vila Ruiva e Vila Soeiro do Chão, Maceira, Matança, Muxagata, Queiriz e Sobral Pichorro e Weasels.

Gouveia

Gouveia: è una città situata nella parte occidentale della Serra da Estrela e conta circa 15mila abitanti. Gouveia si trova a circa 700 metri sul livello del mare. In questo comune si trovano il Museo Civico d’Arte Moderna Abel Manta, la Biblioteca Comunale Vergílio Ferreira, il Paços do Concelho, la Casa da Torre, la Chiesa di São Pedro, la Chiesa della Misericórdia. Vicino alla città si trova il Convento de São Francisco. Per quanto riguarda il patrimonio naturale, ci sono Casais de Folgosinho, altopiano di Santinha, frammenti di Penhas Douradas, Vale do Rossim e Sumo do Mondego.
Cabeça do Velho: è un’imponente roccia a forma di testa umana, situata ai margini della strada n232 che collega Gouveia. La Cabeça do Velho è un punto di riferimento per le fotografie con il paesaggio del Parco Naturale della Serra da Estrela.

Manteigas

Manteigas: è un villaggio situato nel cuore del Parco Naturale della Serra da Estrela, con circa 3500 abitanti. Il villaggio di Manteigas si trova a circa 775 metri sul livello del mare. Per quanto riguarda il patrimonio edilizio, segnaliamo la Casa das Obras, un maniero nobiliare costruito nel centro di questo villaggio. Nei pressi di Manteigas è presente un centro termale, ritenuto idoneo a curare problemi alle vie aeree, alle ossa e alla pelle. Manteigas ha un patrimonio naturale molto ricco, vale a dire le brocche Magro, Raso e Gordo, Rua dos Mercadores, il belvedere Fragão do Corvo, il Santo António Nave, il Poço do Inferno, la valle glaciale del fiume Zêzere, il Seixo Branco , Vale das Éguas e Covão da Ponte.

  • Poço do Inferno: è una cascata situata vicino al villaggio di Manteigas, nella Serra da Estrela, con una cascata in una piccola laguna di acqua trasparente circondata da roccia e natura.

Mêda

Mêda: è una città situata a circa 670 metri sul livello del mare nella Serra da Estrela, nota per la sua grande bellezza paesaggistica e per la produzione del vino. Come patrimonio storico, segnaliamo la Chiesa Madre del XVI secolo, la Torre dell’Orologio, la Fontana della Piazza della Chiesa, la Fontana dell’Espírito Santo, il Museo Municipale e il Maniero del XVIII secolo. Vicino a Mêda segnaliamo il villaggio storico di Marialva, il sito archeologico della Vale do Mouro e le Termas de Longroiva.

Seia

Seia: è una città situata nel sud-ovest della Serra da Estrela, con circa 25mila abitanti. Nella città di Seia segnaliamo la Chiesa Madre, la Chiesa di Nossa Senhora do Rosário, la Cappella di São Pedro, il maniero di Botelhos, la Chiesa della Misericórdia, la Casa di Despacho, il maniero della famiglia Miranda Brandão, il Museo del giocattolo, Museu do Pão e la fontana Casa das Obras, dove è installato il municipio. Per quanto riguarda il patrimonio naturale di Seia, segnaliamo la Lagoa Comprida, Lagoacho das Favas, la valle di Caniça, la covão do Urso, la cascata di Fervença, il canyon e i pozzi Loriga e il fiume Alva.

  • Museu do Pão: è un museo privato con oltre 3.500 m2 di superficie coperta in un edificio con vista a sud.
  • Buraco da Moura: è una spiaggia fluviale con fondo e fianchi in roccia granitica naturale, circondata dalla vegetazione. Qui possiamo trovare una piccola barra di supporto.
  • CISE – Centro di interpretazione della Serra da Estrela: è un ente dedito alla promozione della conoscenza e alla diffusione del patrimonio ambientale della Serra da Estrela, ovvero la promozione delle attività naturalistiche, della ricerca scientifica, dell’educazione ambientale e del turismo naturalistico ;
  • Seia Natural Electricity Museum: è un museo con la tenuta della vecchia centrale idroelettrica Senhora do Desterro, una delle più antiche centrali idroelettriche in Portogallo aperta nel 1909.
  • Diga Vale do Rossim: è una diga nella valle del Rossim, in mezzo alla natura, una zona molto piacevole per le passeggiate. Questo posto è molto popolare in estate come spiaggia fluviale. Vicino alla diga c’è un ecoresort e un ristorante.
  • Lagoa Comprida: è una laguna naturale incastonata in un paesaggio idilliaco, vicino alla Serra da Estrela. La spiaggia fluviale è molto frequentata durante l’estate.

Trancoso

Trancoso: è una città situata a circa 900 metri sul livello del mare, parte del percorso Villaggi storici del Portogallo. A Trancoso segnaliamo il Parco Municipale di Trancoso, la Cappella di São Bartolomeu del XVIII secolo, dove sono state celebrate le nozze del re portoghese D.Dinis con la regina Santa Isabella, la Chiesa di Santa Maria de Guimarães, la Chiesa della Misericórdia, la Chiesa da São Pedro dove è sepolto il poeta / profeta portoghese Bandarra, la caserma del generale inglese Beresford, il Palazzo Ducale nel vecchio quartiere ebraico e il castello. Nei pressi di Trancoso possiamo visitare la Necropoli Antropomorfa (un cimitero preistorico), la Cappella di Santa Luzia, la Chiesa di Nossa Senhora da Fresta, la Cappella del Senhor da Calçada, la Fonte da Vide, la Fonte Nova e il Convento de Frades .

Vila Nova de Foz Côa

Vila Nova de Foz Côa: è una città situata nel distretto di Guarda con circa 3mila abitanti. Vila Nova de Foz Côa è Patrimonio dell’Umanità dell’umanità dall’UNESCO grazie alle sue incisioni rupestri all’aperto nella valle del fiume Côa, uno dei più grandi centri archeologici di arte rupestre d’Europa. A Vila Nova de Foz Côa segnaliamo la Cappella di Nossa Senhora da Conceição, la Cappella di Santa Luzia, la Cappella di Nossa Senhora da Veiga vicino al fiume Douro, la Cappella di Santa Bárbara, la Cappella di São Pedro, la Cappella di Santo António , la diga e la stazione di Pocinho, la riserva di caccia associativa e il belvedere di Aflitos. La cucina di Vila Nova de Foz Côa ha piatti tipici come cinghiale, capretto arrosto, torte di mandorle, suppliche, migas di pesce, carni affumicate e frittate di asparagi selvatici. A Foz Côa è il luogo dove viene prodotto il vino “Barca Velha”, uno dei vini più rispettati del Portogallo.

Economia di Guarda

Il distretto di Guarda vive principalmente dell’industria automobilistica, alimentare, tessile e della lavorazione del legno, dell’allevamento di bestiame con bovini e caprini e della coltivazione di patate, cereali, vino e olio d’oliva. Con un’economia con una struttura produttiva articolata in tre settori principali: il commercio con il 41% dell’attività, il 23% nell’industria manifatturiera con il 23% e l’edilizia con il 15%. Nelle industrie manifatturiere, dovrebbero essere evidenziati cibo, tessuti e la trasformazione delle risorse naturali in energia, con particolare attenzione all’energia eolica. La produzione di vino gioca un ruolo importante nell’economia e sta aumentando la sua capacità di esportazione: oltre 620mila bottiglie di vino, circa il 21% della produzione, sono destinate a mercati come Polonia, Francia, Lussemburgo, Svizzera, Angola, Brasile, Cina e USA secondo la Regional Wine Commission. Un altro prodotto tipico che sta aumentando la sua capacità di esportazione è il formaggio, con diciassette produttori di formaggio certificati, di cui sette produttori di formaggio Serra, che stanno aumentando le loro vendite su vari mercati, con un focus speciale sul mercato cinese .
L’Istituto Politecnico di Guarda svolge un ruolo centrale nell’economia di questa regione portoghese poiché consente di stabilizzare la popolazione giovane, aumentare la competitività delle imprese e promuovere gli investimenti in ricerca e sviluppo. Questa istituzione educativa contribuisce al 72% della conoscenza in questo settore.
Guarda ha un forte potenziale di crescita, situato in una regione strategica che comprende le principali direttrici ferroviarie e stradali della penisola iberica. Questa regione funge da posizione strategica per le aziende che desiderano espandersi nei mercati iberico ed europeo.

Guarda Crafts

L’artigianato della regione di Guarda è molto ricco e ancestrale. I principali prodotti, industrie agricole e artigianali di questa località portoghese sono:

  • Olio d’oliva: con una produzione di milioni di litri di olio praticamente destinati all’export in Italia, Spagna e USA;
  • Castagna;
  • Salsicce: nel comune di Guarda si producono sanguinacci, farinheiras, chorizo, prosciutto e trippa;
  • Queijo da Serra: è un formaggio stagionato prodotto a mano da centinaia di anni fa utilizzando latte di pecora alimentato da pascolo libero, uno dei formaggi più apprezzati in Portogallo, con certificazione DOC (denominazione di origine controllata) del Portogallo. Unione europea. Il formaggio Serra è stato nominato una delle 7 meraviglie della gastronomia in Portogallo nel 2011
  • Campane Maçainhas: sono campane in bronzo prodotte a mano nel villaggio di Maçainhas sin dall’antichità. Le Campanelle di Mele vengono utilizzate al collo della pecora, per segnalare al pastore gli animali al pascolo.
  • Gonçalo vimini: è un’attività millenaria antecedente all’occupazione romana, che consiste nella produzione artigianale di vimini e cesti di vimini come utensili di uso quotidiano.
  • Coperta di Papa: è una coperta tradizionale portoghese fatta a mano della regione di Guarda, creata dall’attività artigianale di produzione di coperte create dalla lana churra estratta dalla pecora portoghese autoctona della razza mondegueira, dalla regione di Guarda . La produzione tessile fu potenziata nel XVIII secolo da un progetto del governo portoghese su iniziativa del marchese di Pombal
  • Coltelleria di Coltelli del Verdugal: è un’attività artigianale di produzione di coltelli con lama in acciaio e manico in legno.
  • Forno comunitario: è una tradizione ancora presente in alcune località del Portogallo, dove la presenza di un forno comunitario consente alle famiglie di abitanti di raccogliere e cuocere il pane prodotto dalle farine prodotte dalle loro colture di grano e segale e mais.

Gastronomia di Guarda

La gastronomia di Guarda è tradizionale, varia e intensa. I piatti tipici di questa regione includono specialità come: Brodo di cereali; Zuppa di castagne; Baccalà al Lagareiro; Merluzzo al Conte di Guarda; Baccalà al Lagareiro; Trota; Morcelas; Agnello arrosto; Costolette di Cinghiale con Castagne; Ciliegie; Mele; Pesche; Riso dolce; Marmellata di zucca; Bambini; Formaggio Serra; Formaggio cremoso.

Fiere e pellegrinaggi nella regione di Guarda

Nel quartiere di Guarda ci sono diverse feste e pellegrinaggi:

  • Pellegrinaggio Senhora do Mileu, che si tiene ogni anno in agosto;
  • Pellegrinaggio di Nossa Senhora da Misericórdia, che si tiene ogni anno a settembre;
  • Pellegrinaggio di São Pedro, avviene ogni anno ad aprile;
  • Fiera di São Francisco, che si tiene ogni anno in ottobre;
  • Festa do Senhora do Açor.

Guarda, la città delle cinque F`s

Guarda è conosciuta come la città delle 5 f, caratterizzata da Forte, Farta, Fria, Fiel e Formosa:
(Forte) Forte: per la posizione difensiva del castello, e per la pietra granitica, che caratterizza il paesaggio naturale e urbano di Guarda;
(Farta) Abbondanza: per il fertile sottosuolo e l’elevato numero di corsi d’acqua che garantiscono la sostenibilità del territorio;
(Fria) Freddo: a causa del clima causato dall’altitudine e dalla vicinanza alla Serra da Estrela,
(Fiel) Fedele: per il fatto storico che la sua gente è stata fin dall’antichità, leale, integra, onesta e ospitale;
(Formosa) Formosa: per la bellezza dei paesaggi, del patrimonio, dei giardini e dei parchi naturali.

Storia di Guarda

La città di Guarda ha ricevuto il suo primo statuto nel 1199 attribuito da D Sancho I, il secondo re portoghese. La città di Guarda è la capitale dell’omonimo quartiere, essendo uno dei più grandi comuni portoghesi per numero di parrocchie, superficie fisica e numero di abitanti. Questa città nella regione centrale del Portogallo è descritta come alta, montuosa, storica e monumentale.
Questa città portoghese ha più di 800 anni di storia e un patrimonio unico nel paese, con due ex libris: Torre de Menagem, dove si può vedere un paesaggio di rara bellezza e fino alla Spagna e alla Cattedrale.
Il distretto di Guarda si distingue per la qualità della sua aria sin dal XIX secolo, che si riflette nella costruzione di un sanatorio dedicato alla cura della tubercolosi per ordine della regina D’Amelia nel XIX secolo e dal premio “Città bioclimatica iberica” ​​assegnato nel 2002 dalla Federazione Bioclimatismo europeo.

Organizzazione amministrativa del distretto di Guarda

Il quartiere Guarda confina con i distretti di Bragança, Castelo Branco, Coimbra e Viseu. Questa regione è attraversata dal fiume Douro, Mondego, Zêzere e Alva. Il distretto di Guarda è organizzato nei 14 comuni: Aguiar da Beira, Almeida, Celorico da Beira, Figueira de Castelo Rodrigo, Fornos de Algodres, Gouveia, Guarda, Manteigas, Meda, Pinhel, Sabugal, Seia, Trancoso e Vila Nova de Foz Côa. E nelle 43 parrocchie di Adão, Aldeia do Bispo, Aldeia Viçosa, Alvendre, Arrifana, Avelãs da Ribeira, Avelãs de Ambom e Rocamondo, Benespera, Casal de Ash, Castanheira, Cavadoude, Codesseiro, Corujeira e Trinta, Beech, Famalicão, Fernão Joanes , Gonçalo, Gonçalo Bocas, Guarda, Jarmelo São Miguel, Jarmelo São Pedro, João Antão, Maçainhas, Quince, Means, Mizarela, Pêro Soares e Vila Soeiro, Panoias de Cima, Pega, Pera do Moço, Porto da Carne, Pousade e Albardo , Ramela, Rochoso e Monte Margarida, Santana da Azinha, Sobral da Serra, Vale de Estrela, Valhelhas, Vela, Videmonte, Vila Cortês do Mondego, Vila Fernando, Vila Franca do Deão e Vila Garcia.

Fatti e curiosità su Guarda

  • Il nativo di Guarda si chiama egitaniense o guardense
  • Guarda era il luogo di nascita della lingua portoghese, quando nel 1189 un trovatore galiziano scrisse un testo per la sua amata;
  • Festa comunale: 27 novembre;
  • Popolazione della città di Guarda: circa 26mila abitanti;
  • Popolazione del Comune: circa 43mila abitanti;
  • Popolazione del distretto: circa 175mila abitanti;
  • Superficie: 712,1 km2;
  • Anno di fondazione della città di Guarda: 1199 di D Sancho I;
  • Regione Portogallo: Centro;
  • Quartiere: Guarda;
  • Vecchia provincia: Beira Alta;
  • Economia: 41% nel settore del commercio, 23% nell’industria manifatturiera e 15% nell’edilizia;
  • Festa comunale: 27 novembre.
Back to Top
error: